Amorequattrozampe

Il Persiano Bicolore: un’opera d’arte

mercoledì, 7 dicembre 2016

persiano-bicolore2

Il bianco associato a un altro colore è la combinazione classica di questa razza che, nonostante i numerosi esemplari bicolore, viene considerata una vera “opera d’arte”.

ORIGINE: I Persiani bicolore ottennero una propria classe di concorso alla fine degli anni Sessanta del secolo scorso. Lo standard originale prevedeva macchie di colore perfettamente simmetriche, ma questo si rivelò talmente difficile da ottenere che si preferì modificare i requisiti permettendo ogni distribuzione delle macchie, purche’ in modo uniforme. E’ di carattere placido e affettuoso. La colorazione di base è bianca associata a un altro colore in tinta unita. Le combinazioni meglio riconosciute sono bianco e nero, blu e bianco, rosso e bianco e crema e bianco. Il Persiano van bicolore ha testa e coda chiazzate simili a quelle del Van turco.

persiano-bicolore4CARATTERISTICHE MORFOLOGICHE: Come in tutti i Persiani bicolore, l’area di bianco in questa varietà piuttosto recente non deve coprire più della metà del mantello, mentre le macchie di colore possono coprirne fino ai due terzi. La combinazione bianco e nero era la forma originale del Persiano bicolore, nata al fine di imitare la pezzatura del coniglio olandese. Lo standard venne modificato quando ci si rese conto che era impossibile ottenere una simile disposizione delle macchie. Testa: Ampia e rotonda, con il naso corto. La pelle del naso dev’essere di colore rosa o in sintonia con il colore del mantello. Occhi: Larghi, rotondi, di colore rame o arancio. Orecchie: Piccole e a punta arrotondala, con ciuffi di pelo. Corpo: Robusto e tarchiato. Mantello: Denso, sericeo e folto. Le macchie di colore devono essere in tinta unita e distribuite uniformemente. Coda: corta e folta. Piedi: Larghi e rotondi. Il cuscinetto è rosa. Zampe: corte e grosse.


Commenti