Amorequattrozampe

Veglia la compagna investita: l’immagine fa il giro del mondo

sabato, 7 gennaio 2017

Un’immagine commovente che sta conquistando i media russi. Ancora una storia di fedeltà, una storia triste e al contempo emozionante racchiusa in uno scatto. Siamo in negli Urali, in Russia, dove lungo l’autostrada Belorezk-Magnitogorsk, un cane è rimasto al fianco della sua compagna investita: una cagnolina il cui corpo è rimasto congelato per le temperature rigide. Vicino alla cagnolina, un altro esemplare che ha vegliato il suo corpo nell’indifferenza degli automobilisti.

Eppure c’è chi si è accorto di quello straordinario gesto di amore, di affetto e di fedeltà e ha cercato di avvicinare il cane. Un uomo ha scattato la fotografia che ha poi condiviso sui social mentre si apprende che qualcuno si è anche fermato per dare del cibo al cane che si sarebbe però rifiutato di mangiare. Altre persone hanno lasciato una coperta per aiutare l’esemplare a ripararsi dal freddo.

Come riporta Rainews, al momento non è dato sapere cosa sia accaduto dopo, se il cane sia stato recuperato e se qualcuno, preso a compassione abbia sepolto la cagnolina e aiutato il suo amico rimasto solo.

Ci sono moltissime altre vicende simili che testimoniano e dimostrano la fedeltà di un cane, come recentemente, quella di un esemplare rimasto al fianco della compagna incastrata nei binari di una ferrovia anche quando è sopraggiunto un treno.

Nel 2105, in Calabria, un cane randagio, chiamato Angelo è rimasto per quattro giorni vicino ad una femmina investita, al bordo di una strada. Non solo Angelo venne adottato ma vinse anche il Premio Fedeltà dell’edizione 2015.

Dopo tutti questi casi, c’è ancora chi pensa che gli animali non abbiano sentimenti e si rifiuta, forse per comodità o per lavarsi la coscienza, di credere che si tratta di essere senzienti e coscienti, abbandonandoli o uccidendoli senza farsi scrupoli o avere dei rimorsi.

Molte vicende ci raccontano proprio il contrario, tutto sta nell’osservare e ad aprirsi ad altri linguaggi e forme di comunicazione che vanno oltre la parola.


Commenti