Amorequattrozampe

Cat therapy: guardare i video di gatti ci rende più produttivi

giovedì, 18 giugno 2015

gatti

Il fenomeno dei video di gatti online è diventato oggetto di una ricerca universitaria condotta da Jessica Gall Myrick, dell’università dell’Indiana che si è chiesta perché i filmati con mici protagonisti abbiano così successo.

Secondo i dati, i filmati “felini” superano la media di visualizzazioni di ogni altra categoria di YouTube. Nel 2014 sono stati pubblicati oltre 2 milioni di video sulla piattaforma video, raccogliendo 26 miliardi di visualizzazioni. Numeri da capogiro che indicano l’importanza di questo fenomeno.

“Studiare chi guarda video di mici in rete, mentre è sui libri o al lavoro, non sembra un argomento serio e invece lo è. Tutti noi lo facciamo, credo che per la portata mondiale debba essere considerato una sorta di fenomeno culturale”, ha dichiarato la ricercatrice, spiegando l’apporto benefico delle visualizzazioni dei video dei gatti.

“Allontana ansia, tristezza e noia. Vi da’ energia, rendendovi più produttivi sul lavoro”, ha pertanto concluso la studiosa.

Una ricerca che incontra anche alcune innovazione nel settore imprenditoriale in Giappone, dove in alcune aziende sono stati introdotti dei gatti negli uffici con lo scopo di rilassare i dipendenti. Una strategia che per molte aziende si è rivelata vincente in quanto i lavoratori sono risultati essere più produttivi e positivi sul posto di lavoro.

Adesso, con questo nuovo studio, si può pensare ad una sorta di pet-therapy low cost con effetti benefici sul corpo e sulla mente. Per cui da oggi in poi i dipendenti potranno tranquillizzarsi e visualizzare i loro video di felini, in ogni momento. Qualora l’azienda controllerà il pc, potranno rispondere con calma che si tratta di una terapia per essere più efficienti!

Infatti, la ricercatrice ha assicurato che “anche se si guardano filmati di gatti su YouTube procrastinando un compito o quando si dovrebbe lavorare, la ricompensa emotiva può in realtà aiutare le persone a raggiungere più facilmente quei task”.


Commenti