Amorequattrozampe

I cani aiutano a parlare in pubblico

lunedì, 8 agosto 2016

cane scuola

I cani sono impiegati in diversi ambiti terapeutici, come accompagno per persone con handicap, nella riabilitazione e nella therapy per stimolare l’empatia, l’autostima o la riduzione dello stress. Si tratta di veri e propri successi dell’apporto di un animale nella vita di una persona per cui molte strutture ormai hanno introdotto la pet therapy, anche in Italia, che rientra in un percorso riabilitativo che può essere richiesto dagli specialisti.

In questo ambito, lo scorso anno, due università, una in Canada, l’altra negli Stati Uniti, avevano invece aderito ad un progetto per ridurre lo stress degli studenti prima della sezione degli esami. Un’ansia di prestazione che può provocare dei fallimenti, nonostante la preparazione.

Ecco perché, come riporta il NewYorkTimes, è stato avviato un nuovo programma pilota presso l’American University, dove i cani aiutano gli studenti che hanno timore di parlare in pubblico, contribuentd non solo a ridurre in loro lo stress ma anche ad essere più fluidi nella presentazione di una tesi.

L’esperimento è stato condotto con la collaborazione di Bonnie Auslander, direttore del Centro Kogod per le comunicazioni aziendali, che aiuta gli studenti affinare le proprie abilità orali e scritte.

Partendo dal presupposto che un cane affettuoso che non giudica aiuta ad abbassare la pressione sanguina e lo stress per i ricercatori, la presenza di un cane porta ad uno stato d’animo adatto per esprimersi in pubblico, migliorando l’efficacia della comunicazione.

“Fa sorridere vedere i cani è come se avessimo  avuto la possibilità di tornare indietro nella presentazione e di correggerla quando ti senti in difficoltà”, ha ammesso una studentessa.

La presenza di un cane avrebbe un impatto positivo, alleggerendo la tensione a chi deve affrontare un discorso in pubblico, aiutando gli studenti ad essere meno distratti e a mantenere la concentrazione sul tema.


Commenti