Home Non solo Cani e Gatti Come allevare un coniglio d’angora: tutto quello che devi sapere

Come allevare un coniglio d’angora: tutto quello che devi sapere

CONDIVIDI

Allevare il coniglio d’angora non è semplice: è più delicato di altri conigli, la riproduzione non è sempre semplice e curare la sua lana richiede grande cura.

allevare coniglio angora
Come allevare un coniglio d’angora (Fonte Foto Istock)

Prima di affrontare questo passo e comprare uno o più conigli d’angora devi essere sicuro di volerlo fare perché non ha senso per te perdere tempo e soldi e per il tuo coniglio essere trascurato. Tuttavia con la giusta preparazione ed amore allevare un coniglio d’angora da grandi soddisfazioni. Ecco cosa devi sapere per decidere con la testa e con il cuore.

La prima domanda quando si vuole mettere su un allevamento o comprare anche solo un animale di razza è: Quanto costa un coniglio d’angora? Il prezzo di un coniglio d’angora dipenderà dalla tua zona e dalla disponibilità complessiva. Detto questo, può capitare che vengano regalati gratuitamente perché le persone sottovalutano le cure di cui hanno bisogno.

Allevare il coniglio d’angora e differenze dagli altri conigli

coniglio angora
attenzioni particolari da dedicare ai conigli d’angora (Fonte Foto Pixabay)

Se ignori la cura e la raccolta della lana, prendersi cura dei conigli d’angora è proprio come prendersi cura di qualsiasi coniglio. Richiedono amore e attenzione, riparo dal caldo e dal freddo, un habitat pulito e abbondanza di cibo e acqua. Ci sono alcune differenze chiave tra gli angora e gli altri conigli da tenere a mente:

I conigli d’angora sono più sensibili sia al caldo che al freddo. Mentre i conigli domestici possono prosperare in una conigliera in un capannone non riscaldato durante l’inverno in climi freddi, i conigli d’angora possono morire in quelle condizioni nonostante la loro spessa pelliccia. Se nella tua zona l’inverno è freddo, hanno bisogno di un alloggio interno climatizzato.

Tosare il coniglio ogni 3 mesi significa che la sua pelle nuda  può scottarsi. Fai attenzione a tenerli lontani dal sole. Anche se hanno un posto ombreggiato dove andare, spesso sceglieranno di crogiolarsi al sole a pelle nuda. Questo bagno di sole può avere conseguenze disastrose per i conigli d’angora. Se sono tosati, non permettere loro di stare al sole.

Gli angora hanno bisogno di molto fieno nella loro dieta affinché il loro transito intestinale sia regolare. I pellet da soli non bastano.

Mentre alcune razze di coniglio sono adatte per l’allevamento in colonie, gli angora stanno meglio individualmente, in gabbie di filo metallico. La loro pelliccia tende a crescere a diretto contatto con la loro lettiera, e se i maschi stanno costantemente con le femmine, potrebbero strapparsi la pelliccia durante l’accoppiamento.

Detto questo, adorano stare all’aperto anche se ti consiglio di farli uscire solo in un cortile recintato poiché sono animali che tendono a spaventarsi molto facilmente quindi è meglio non esporli a traumi improvvisi in ambienti sconosciuti. Tieni i maschi separati perché combattono, ma le femmine possono godersi del tempo insieme se gli viene concesso abbastanza spazio.

Riproduzione del coniglio d’angora

coniglio angora
cosa sapere sulla riproduzione del coniglio d’angora (Fonte Foto Pixabay)

Se vuoi far diventare mamma il tuo coniglio femmina d’angora, falla riprodurre prima del suo primo compleanno. Altrimenti, le sua ossa dell’anca possono fondersi in una posizione troppo stretta per consentire il passaggio dei coniglietti.

Scegli un maschio con lana di alta qualità che è una caratteristica che può essere trasmessa ai coniglietti. Alcune femmine sono più ricettive di altre e alcuni maschi non sono dei grandi riproduttori. Metti sempre la femmina nello spazio del maschio. Una femmina sarà territoriale se il maschio viene messo nel “suo” habitat e lei potrebbe attaccarlo.

Alcuni conigli sono ricettivi quasi continuamente, ma altri sono ricettivi solo pochi giorni al mese. Dipenderà dal tuo coniglio, quindi tienila d’occhio. Controlla la sua vulva per vedere se è in estro. Sarà gonfia e rossa. Se il maschio non riesce a capire come portare a termine il lavoro, puoi solo guidarlo dalla parte destra del coniglio femmina. Se la femmina non rimane incinta, cerca di prendere in prestito un altro maschio.

Come allevare i cuccioli di coniglio d’angora

Idealmente, il coniglio madre gestirà tutta la cura del piccoli conigli. I conigli d’angora hanno bisogno di un rifugio, proprio come qualsiasi altro coniglio domestico, e si arrampicano dentro per allattare i loro cuccioli solo una volta al giorno. Non preoccuparti per la pelliccia che interferisce con l’allattamento. Gli ormoni materni rendono il pelo meno annodato e permettono alla madre coniglio di strapparlo sui suoi capezzoli. Lo userà per fare un nido e dare ai suoi cuccioli l’accesso al suo latte.

Il coniglio madre potrebbe avere poco istinto materno o nel peggiore dei casi morire durante il parto. In questi casi, è necessario essere pronti a prendersi cura dei coniglietti.

È estremamente difficile allevare conigli di qualsiasi razza, soprattutto a partire da 1 giorno di età. Hanno le migliori possibilità se c’è un’altra madre coniglio che ha anche appena partorito e possa prendersi cura di loro. Per questo motivo, è meglio allevare più conigli femmina insieme e farle partorire nello stesso periodo, per ogni evenienza.

In mancanza di una madre adottiva, puoi tentare di allevare coniglietti usando una siringa da 3 cc. Tienili seduti in posizione verticale e alimentali delicatamente con piccole quantità alla volta, tenendo la siringa rivolta verso il basso. Le prime 2-3 settimane sono le più difficili e una volta aperti gli occhi tra i 10-14 giorni, possono iniziare molto lentamente a mangiare da soli. Puoi comunque chiedere aiuto e suggerimenti al tuo veterinario di fiducia.

La raccolta della lana d’angora

lana d’angora lavorata (Fonte Foto Pixabay)

Come raccogliere la lana dipende in parte dalla razza di coniglio d’angora che hai scelto. Dovresti sapere se la tua razza deve o meno essere “spennata” o tosata. Se è una razza che perde naturalmente molto pelo e/o spesso, la cura è molto più facile. In questo caso sappi che non stai strappando i peli al tuo coniglio. Molti peli di alcune razze cadono naturalmente e quindi sono già separati dalla sua pelle, sono solo trattenuti dalla pelliccia attorno ad essi.

Mentre pizzichi la lana (se a contatto con la pelle con estrema delicatezza per essere sicuro di rimuovere solo i peli caduti), il coniglio si rannicchia e mostra segni visibili di divertimento perché quando inizi a pizzicare il coniglio rilascia ormoni che fanno si che la sua pelle di rilasci ulteriori peli e il tuo lavoro diventa più facile mentre procedi.

Quindi, anche se può sembrare meglio raccogliere una piccola parte in giorni consecutivi, in realtà è più salutare per il coniglio fare tutto in un giorno. Inoltre la fibra non raccolta tenderà ad annodarsi con il resto dei peli e renderà il tuo lavoro più difficile il giorno seguente.

Levare i peli intrappolati, con il rilascio di endorfine salutari,  stimola anche il loro sistema immunitario quindi è utile un passaggio supplementare quando il tuo coniglio è malato.

Tosare il coniglio d’angora

Se hai una razza che non perde molto pelo dovrai tosarla: per sapere quali strumenti usare ti consiglio il nostro articolo Come curare correttamente il pelo del coniglio d’angora:ti ricordo, con qualunque strumento, di fare attenzione a non ferire la sua pelle. Fai molta attenzione anche ai genitali dell’animale e alla sua coda.

I conigli sono creature nervose per natura, anche quando sono molto amati. Possono abituarsi alla tosatura ma i primi tentativi saranno traumatici sia per te che per il coniglio. A differenza della “spennatura”, in cui il coniglio è calmato dagli ormoni naturali, la tosatura richiede pazienza e addestramento.

Il lato positivo è che una volta che hai esperienza nella tosatura di un coniglio, è di gran lunga il modo più veloce per raccogliere la sua lana.

Anche se non intendi utilizzare la lana, è comunque essenziale che tu la raccolga ogni 3 mesi.

I peli dei conigli d’angora possono diventare opachi se non raccolti e la loro pelle svilupperà infezioni. Oltre a ciò, se non lo fai, l’angora cercherà di farlo da solo, perché i peli sono pruriginosi e scomodi, rischiando di ferirsi. Man mano che si puliscono, ingeriscono i peli e ciò significa che la lana d’angora blocca il loro sistema digestivo e al contrario dei gatti non vomitano la palla di peli e ciò può essere fatale. Se hai un coniglio d’angora, devi impegnarti a raccogliere la sua lana o con le mani o tosandolo, a seconda della sua razza.

Cosa fare con lana d’angora

Dato che, tu lo voglia o no, avrai la lana del tuo coniglio a disposizione, tanto vale farla fruttare. Il modo più semplice è quello di usarla nell’artigianato domestico o come rivestimento per i letti delle bambole. Visto la fatica fatta per ottenerla potresti anche fare qualcosa per te: la sensazione di indossare qualcosa fatto a mano con la lana del tuo coniglio domestico non ha prezzo.

Se non ami ingegnarti o fare indumenti puoi sempre venderla, coprendo parte delle spese per allevare il o i conigli.

Di gran lunga, il modo più semplice per usare la lana di coniglio d’angora è l’infeltrimento. La fibra di angora tende naturalmente ad aggrovigliarsi e l’infeltrimento aiuta solo a creare qualcosa di bello nel processo. Avrai bisogno di un kit che ti aiuti a modellare la lana e ti permetterà di realizzare il tuo primo paio di guanti.

Filare la lana d’angora invece non è facile. Se hai appena iniziato ti consiglio quindi di iniziare con un altro tipo di lana per imparare le basi. Una volta che avrai acquisito la tecnica con alcune settimane di pratica, potrai passare alla filatura della lana d’angora.

Prima di poter essere filata, molta dovrà essere cardata. Questo strumento allinea le fibre, rimuove eventuali tappetini e li prepara alla filatura. Onestamente rende il processo molto più semplice. Poiché la fibra di angora è fine, richiede cardatori di lana diversi da quelli più grossolani utilizzati per la lana di pecora. Un set progettato per cardare il cotone è già più appropriato per cardare la lana d’angora. 

Ricorda che la lana d’angora è fine, morbida ma anche molto calda, quindi spesso si usa combinata ad altri tipi di lana.

Spero che l’articolo abbia chiarito i tuoi dubbi sull’allevare o no un coniglio d’angora.

Potrebbe interessarti anche >>> Dove lasciare il coniglio quando si va in vacanza? Soluzioni e consigli

T.F.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI