Home Curiosita Pastinaca: una famiglia di pesci bellissimi e molto diversi tra loro

Pastinaca: una famiglia di pesci bellissimi e molto diversi tra loro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:41
CONDIVIDI

Non stiamo parlando di un semplice pesce, la pastinaca è molto di più: un’intera famiglia di creature che, come uccelli, si libra in volo dentro l’acqua.

Pastinaca
Pastinaca: uno dei pesci più incredibili al mondo (Foto Unsplash)

L’abbiamo visto nel film “Alla ricerca di Nemo”: il maestro che porta i pesciolini in gita non è altro che una meravigliosa aquila di mare. Certo non si tratta di una manta. Queste due specie sono entrambe appartenenti alla grande famiglia dei pesci pastinaca, ma hanno molto poco in comune. Forse l’unica cosa per la quale un occhio non esperto potrebbe confonderle è la particolare forma del corpo: le pastinache sembrano dei veri e propri uccelli dentro l’acqua, perché hanno due estremità prolungate ai lati del corpo, che potrebbero dare l’impressione di essere come le ali di un pennuto per nulla piumato.

Questi pesci sono spettacolari per molti versi. Innanzitutto, sembra appunto che volino. Il loro nuoto non assomiglia a nulla di mai visto prima. Inoltre, vi sembrerà strano, ma nonostante il loro aspetto davvero carino e innocuo, soprattutto, hanno una cosa in comune con gli squali più feroci. Infine, il loro nome in lingua inglese (“stingrays”) è indicativo di una loro peculiare capacità.

Sono moltissime le cose da scoprire e studiare riguardo a queste creature, in genere appartenenti all’oceano e ai mari tropicali, che ci possono lasciare a bocca aperta. Per esempio, lo sapevate che esistono razze di pastinaca che vivono in sorgenti d’acqua dolce? Quindi, non è un animale propriamente marino.

Diamo ora un’occhiata più da vicino.

Pastinaca, la specie: 7 tipi di pesce che ci lasciano sempre senza fiato

Pastinaca
Pastinaca: in inglese vengono chiamati “stingrays”, razze che pungono (Foto Unsplash)

Le pastinache sono alcune delle creature più belle che si possono trovare nel mare (ne esistono anche di acqua dolce). Sono maestosi quando nuotano nell’acqua. La maggior parte delle persone non si rende conto che queste razze, in realtà, sono strettamente imparentate con lo squalo. Ci sono oltre cinquecento specie di pastinaca pesce che sono incluse in tredici sotto-famiglie. Ciò che rende speciale questi esseri marini è che possono essere trovati in calde acque tropicali come dentro all’acqua fredda.

Sin dalla morte di Steve Irwin, le razze hanno avuto una cattiva reputazione. Spesso scambiati per forme di vita pericolose, questi pesci sono in realtà abbastanza timidi e possono essere molto amichevoli. Ci sono tanti posti in Messico dove puoi portare una barca in un banco di sabbia nell’oceano e nuotare in compagnia di questa specie selvaggia. Le pastinache attaccano solo quando si sentono minacciate, molto spesso perché qualcuno li ha colpite accidentalmente (o di proposito). Ogni volta che stai nuotando o navigando nell’oceano, guarda con attenzione a dove vai e a cosa incontri intorno all’area, perché ad alcuni pesci non piace trovare degli estranei in casa, senza il loro permesso.

Il nostro amore per la pastinaca è forte, ecco perché abbiamo deciso di elencare i nostri tipi preferiti, quelli che secondo noi sono i più belli. Conoscendoli un po’, sappiamo che adorerai questi pesci anche tu.

Pastinaca liscia

Pastinaca
Pastinaca liscia (Foto Unsplash)

La pastinaca liscia è il più grande pastinaca del mondo, cresce fino a oltre quattro metri di lunghezza, con una lunghezza del disco di due metri e un peso fino a trecentocinquanta chilogrammi. Sono uno dei numerosi pesci indicati come “bull rays”. Hanno un corpo arrotondato e carnoso, privo di una pinna dorsale, che è ricoperto da una pelle morbida e vellutata. La loro coda è più spessa vicino al corpo, però man mano si assottiglia fino all’estremità. A metà della coda c’è una sottile spina di fronte a due punte velenose (una considerevolmente più piccola dell’altra). La pastinaca liscia ha varie gradazioni che vanno dal nero al grigio nella parte superiore, è più chiara sotto e presenta un motivo distintivo di numerose macchie bianche su entrambi i lati della testa e attraverso la base delle pinne.

La pastinaca liscia ha denti piatti e lisci. Loro trascorrono il tempo nuotando lungo il fondo del mare alla ricerca di prede invertebrate come pesci, bivalvi, policheti, crostacei e calamari. Sono grandi nuotatori e hanno la capacità di muoversi rapidamente.

Le pastinache lisce sono curiose, si avvicinano ai nuotatori e ai sub, anche entrando in acque vicino alla riva, a meno di un metro di profondità, per essere alimentate dagli esseri umani. Nonostante sembrino creature innocue, è necessario prestare loro attenzione. Quando si sentono minacciate, come difesa contro i predatori, possono arricciare la coda, tipo quella di uno scorpione, mostrando la loro barba velenosa che può causare ferite gravi e potenzialmente fatali. Sono considerate, però, più curiose che aggressive.

Le pastinache lisce sono specie vivipare placentare (il giovane si schiude da un uovo prima di lasciare il corpo della madre), per cui gli embrioni sono nutriti inizialmente dal tuorlo prima di assorbire un “latte” denso e grasso in utero. Alla nascita i giovani sono grandi circa trentasei centimetri, lungo la linea del disco. Le dimensioni della cucciolata e il periodo di gestazione sono sconosciuti, così come le aree per i cuccioli e le aree per le giovani pastinache.

Questi incredibili pesci appartengono a una specie che abita sul fondo del mare, dove c’è la sabbia, i suoi habitat sono vicino alle scogliere sulla piattaforma continentale. Si trovano in genere a una gamma di profondità da zero a quattrocentosettanta metri e sono comuni in tutte le acque costiere australiane da Shark Bay (WA) e intorno all’Australia meridionale a Maroochydore (QLD). Si trovano anche nelle acque temperate della Nuova Zelanda e del Sudafrica.

Pastinaca abissale

Pastinaca
Pastinaca abissale (Foto Unsplash)

Come tutti i pesci, la pastinaca abissale ottiene ossigeno dall’acqua usando le sue branchie, ma l’abitudine di seppellire la bocca nei sedimenti costituisce un ostacolo al passaggio dell’acqua dalla bocca alla cavità delle branchie. Questa specie risolve questo problema pompando acqua attraverso aperture specializzate, chiamate spiracoli, che si trovano nella parte superiore della testa. Gli spiracoli si trovano proprio dietro gli occhi e si notano facilmente sia in individui vivi che nelle fotografie.

È noto che razze meridionali grandi e mature raggiungano dimensioni di quasi quarantasei centimetri di larghezza, ma la dimensione media degli adulti è più piccola. Come nella maggior parte delle pastinache a coda di rondine, la coda del pastinaca abissale è molto lunga, spesso più lunga della larghezza del corpo. Questa specie si riproduce attraverso la fecondazione interna e dà alla luce un pargolo vivo. Tuttavia, le razze abissali non si collegano ai loro piccoli attraverso una placenta, come nella maggior parte dei mammiferi. Invece, gli embrioni vivono dell’energia ottenuta dalle sacche di tuorlo e solo dopo che i giovani sono in grado di sopravvivere da soli, la madre dà alla luce i suoi piccoli (fino a dieci cuccioli per figliata). Dalla nascita, le razze abissali sono in grado di usare una ardiglione affilato e dentellato, attaccato alla base della coda, per difendersi dalla predazione. Se calpestato da una persona, l’ardiglione può causare un forte dolore e può portare a una brutta ferita, ma non è altrimenti pericoloso.

I principali predatori degli adulti di pastinaca abissale sono gli squali martello. Sia le teste di martello smerlate che le grandi teste di martello sono state osservate usavano abilmente le loro armi naturali per appuntare le pastinache sul fondo del mare, mordendole selvaggiamente finché non potevano più muoversi. Nel dissezionare grandi teste di martello, gli scienziati hanno trovato spesso numerose (forse dozzine) spine di pastinaca abissale alloggiate nelle loro mascelle. Le razze abissali ancora giovani vengono mangiate anche da altre specie di squali.

Questa specie non viene generalmente mangiata dalle persone, ma viene spesso catturata accidentalmente nelle reti a strascico e in altre attività di pesca che però sono sempre destinate ad altri tipi di pesce. Gli scienziati ritengono che questa sia una specie resistente, e sperano che gli esemplari catturati accidentalmente possano essere rilasciati vivi e sopravvivere al loro contatto con gli umani. La pastinaca abissale è una delle specie più comuni delle grandi pastinache a coda di rondine che si trovano negli acquari pubblici.

Trigone maculato (o a macchie blu)

Pastinaca
Pastinaca: trigone maculato di blu (Foto Unsplash)

Questi falciatori scavano nella sabbia, cacciando animali molto più piccoli che si nascondono in maniera poco profonda, come gamberi e granchi. A differenza della maggior parte delle pastinache, i trigoni maculati a coda di nastro macchiati di blu raramente si immergono completamente nella sabbia, anche se a volte vogliono imboscare le prede, quando migrano in grandi gruppi verso aree sabbiose poco profonde.

Questa è una specie che preferisce essere lasciata sola e ha molte più probabilità di nuotare lontano da un combattimento. Le macchie blu hanno lo scopo di dire ai predatori e ad altri animali di stare alla larga. Se toccati e molestati possono proteggersi con la punta avvelenata all’estremità delle loro code e quel veleno può rivelarsi fatale per molte specie, inclusi gli umani.

Il trigone maculato di blu con la cosa a nastro si riproduce attraverso le uova che crescono all’interno del corpo della madre per un periodo che va da quattro mesi a un anno e i piccoli di trigone nascono già vivi poco dopo la schiusa all’interno della madre.

Questi tipi di pastinaca sono minacciati in tutto il mondo a causa di pratiche di pesca distruttive e della perdita del loro habitat naturale. A volte sono anche trattati come articoli preziosi nel commercio degli acquari privati, anche se questi raggi raramente prosperano in cattività.

Ecco alcuni fatti interessanti riguardo a questo incredibile pesce:

  • Il trigone maculato di blu con la cosa a nastro è stato avvistato, mentre scavava alla ricerca di relitti, animale di cui, a quanto pare, va molto ghiotto
  • Usa l’elettro-recezione per aiutarsi a localizzare la preda, rilevando sottili differenze di temperatura e campi elettrici generati da altri animali nella sabbia
  • Il trigone di genere femminile può avere fino a sette cuccioli per figliata e i trigoni neonati mostrano i punti blu distintivi già alla nascita
  • Può nuotare nelle secche durante l’alta marea e nascondersi nelle grotte durante la bassa marea
  • Di solito ha due spine velenose sulla punta posteriore della coda.

Aquila di mare

Pastinaca
Pastinaca: aquila di mare (Foto Unsplash)

La famosa aquila di mare (come Ray, il maestro di Nemo nel classico della Disney-Pixar) differisce da altri razze nel suo comportamento e nelle sue abitudini alimentari. Gli esemplari di questa particolare razza si trovano normalmente in mare aperto, piuttosto che sul fondo, e tendono ad essere piuttosto grandi. Sono di forma romboidale con “ali” triangolari, piuttosto che arrotondate come molte altre pastinache.

Alcuni membri comunemente noti della famiglia Myliobatidae (i cui membri sono conosciuti semplicemente come “pastinache”) sono i diavoli di mare, le mante e le aquile di mare maculate (di cui parleremo qui di seguito) e molti altri tipi di pastinaca. Continua a leggere per conoscere meglio l’aquila.

I membri di questa razza possono essere facilmente identificati grazie alle loro lunghe code e ai loro corpi a forma di rombo. Questa forma li rende più adatti per il nuoto veloce e uno stile di vita pelagico. Hanno dimensioni variabili, ma molte specie possono essere piuttosto grandi. L’aquila di mare, però, è molto più piccola di altre pastinache comuni, come la manta per esempio.

Questi membri energici, carismatici e di grandi dimensioni della famiglia delle pastinache sono incredibilmente interessanti. Differiscono notevolmente da altre razze e, con circa due dozzine di specie diverse, c’è molto da imparare.

Ecco cosa sappiamo del comportamento di questi animali acquatici:

  • È noto che molte specie di questa famiglia nuotano in maniera acrobatica o saltano fuori dall’acqua. Come un certo numero di specie di balene, gli scienziati non sono sicuri dello scopo esatto di questo comportamento. Essi ipotizzano che sia simile ai motivi per cui le balene possono saltare: per eliminare i parassiti, comunicare tra loro o per scopi riproduttivi.
  • Come altre specie di pastinaca, le aquile di mare hanno una dentatura caratteristica formata da tante piccole unità molto piatte e lisce. Usano questi denti per schiacciare i crostacei come granchi, vongole, gamberi e altro ancora (si nutrono soprattutto di questo).
  • Alcune specie, come anche le aquile di mare maculate, usano spesso i loro musi appiattiti per scavare nella sabbia o nel fango. Spesso la loro preda è sepolta nella sabbia e questo aiuta a spostarla e catturarla. Possono anche vomitare sabbia dalle loro branchie per creare una nuvola per confondere la loro preda o potenziali predatori.
  • Queste creature nuotano in un modo completamente diverso rispetto alle altre pastinache. Mentre la maggior parte delle razze nuota usando un movimento ondulato con le pinne, le aquile di mare sono molto più efficienti. Agitano le ali triangolari su e giù. Questo li rende molto più agili rispetto agli altri membri della famiglia “ray”.

Aquila di mare maculata

Pastinaca
Pastinaca: aquila di mare maculata (Foto Unsplash)

Queste pastinache hanno un disco pettorale a forma di diamante molto largo che può raggiungere oltre i due metri e mezzo di larghezza ed è un profondo e denso colore scuro sparpagliato con punti luminosi o anelli. Può crescere fino a oltre duecentoquaranta centimetri di lunghezza e, se sommiamo questa grandezza con quella della coda che è incredibilmente lunga, possiamo arrivare, completamente strabiliati a contare gli oltre cinque metri. Preferiscono baie e scogliere, ma andranno in giro con grandi gruppi per attraversare le lunghe distanze in mare aperto, “volando” attraverso l’acqua e talvolta saltando in aria, schizzando proprio fuori dalla superficie del mare, per sfuggire all’inseguimento. Non è considerato un buon pesce dal punto di vista alimentare e, quando catturato, emette suoni forti e dovrebbe essere trattato con estrema cautela a causa delle sue spine velenose.

L’aquila di mare maculata è considerata di minore importanza per la pesca commerciale. Attualmente, le zone di pesca si trovano principalmente nelle acque costiere, ma non sono né diffuse né tantomeno frequenti: da questa prospettiva il pesce è più che al sicuro. I metodi di cattura includono reti da traino, tramagli e palangari. Viene anche pescato come un pesce selvatico, ma non si arrende facilmente alla cattura: lotterà con le unghie (velenose, tra l’altro) e con i denti, la sua principale arma di difesa per la sopravvivenza. Questa pastinaca viene raramente mangiata, a causa della scarsa qualità della carne. Invece, in oriente è usata per produrre farina e olio di pesce.

L’aquila di mare maculata è un popolare esemplare negli acquari pubblici e privati da esposizione ed è considerata una delle creature acquatiche più esotiche al mondo.

L’aquila di mare maculata è comunemente osservata nelle baie e sopra le barriere coralline, nonché durante le occasionali incursioni in habitat estuari. Sebbene si muova in acque costiere fino a una profondità di circa sessanta piedi (quasi due chilometri sotto la superficie dell’acqua), l’aquila di mare maculata trascorre la maggior parte del suo tempo nuotando sulla sabbia delle acque meno profonde, in mare aperto. In questi ultimi posti, la razza di aquile di mare con le macchie spesso forma grandi gruppi, insieme a molti altri esemplari, e nuota vicino alla superficie, nonostante il pericolo della pesca, per cercare forme di vita succulente da assaggiare. È noto che nuoti per lunghe distanze attraverso il mare aperto, come dimostra la sua presenza nelle Bermuda. Questa specie è in grado di saltare completamente fuori dall’acqua, quando è inseguita. Nuota “volando” con grazia attraverso l’acqua grazie alla particolare ondulazione delle pinne pettorali. Quando questa razza viene catturata e portata fuori dall’acqua, produce suoni forti. Sebbene siano ancora necessarie molte ricerche sulla storia della vita dell’aquila di mare maculata, è noto che questa specie mostra un’alta fedeltà al proprio sito (gli individui spesso rimangono o ritornano nella stessa posizione). Questa razza interagisce anche socialmente con altri individui, a patto che facciano parte della sua stessa specie.

Manta

Pastinaca
Pastinaca: manta (Foto Unsplash)

Esistono due specie esistenti di manta che differiscono nel loro aspetto e nel loro habitat preferito. La specie più grande è la manta oceanica gigante (Manta birostris) e la specie più piccola è la manta della barriera corallina (Manta alfredi). Sono strettamente correlati alle nove specie esistenti di “mobula rays”.

A volte una manta viene anche chiamata “pesce diavolo” a causa delle sue due corna. In spagnolo la parola “manta” può significare coperta, cappotto o scialle. La manta gigante può crescere fino a sette metri, da una punta all’altra di ogni ala, ma di solito arrivano (solo?) a raggiungere circa quattro metri e mezzo. Le mante della barriera corallina sono più piccole e di solito sono comprese tra i tre e i tre metri e mezzo, ma sono state registrate mante che arrivavano anche fino ai cinque metri.

Si ritiene che siano molto longeve e vivano per almeno cinquant’anni: impiegano fino a dieci anni per raggiungere la maturità sessuale e riuscire a riprodursi.

La manta della barriera corallina si trova nelle aree costiere delle acque tropicali e subtropicali, principalmente nell’Indo-Pacifico. La manta gigante, d’altra parte, è una specie circum-globale (si trova praticamente dappertutto) che può essere trovata nelle acque proprio intorno all’equatore trascorrendo la maggior parte del suo tempo lontano dalla terra.

Entrambe le specie sono state osservate mentre filtravano l’acqua salina, nutrendosi così  di grandi quantità di zooplancton, tuttavia la ricerca suggerisce che la manta gigante cacci anche i pesci veri e propri e questa potrebbe essere la loro principale fonte di cibo.

La differenza principale tra le due razze di manta è la dimensione degli adulti, tuttavia se la manta è giovane questo dato distintivo può rivelarsi ambiguo. L’unico modo per essere sicuri è confrontando il modello di colore. Entrambi hanno lati dorsali scuri ma le linee bianche su di essi formano forme diverse, il modello sulla manta della barriera corallina produce una forma a “Y”, mentre la manta gigante fa una “T”.

Pastinaca di Haller

Pastinaca
Pastinaca di Haller (Foto Unsplash)

La pastinaca rotonda (chiamata anche “Pastinaca di Haller”) ha un corpo a forma di disco quasi circolare con una coda più corta della lunghezza del disco. Il muso di questo raggio termina in un punto arrotondato. Le pinne pettorali prominenti (“ali”) sono arrotondate. Le pinne dorsali sono assenti, tuttavia la pinna caudale arrotondata è presente in contrasto con molti altre razze che non hanno questa caratteristica. Una lunga colonna vertebrale velenosa si trova a circa metà della lunghezza della coda.

Ci sono sei specie di pastinache rotonde che vivono nelle acque al largo della California, che hanno spine velenose sulla coda. La pastinaca rotonda può essere identificata dalla sua vera pinna caudale che manca alle altre specie. Queste altre hanno, invece, una coda a forma di frusta (o nastro) oppure una coda corta senza pinna.

Ad esempio, la pastinaca di Cortez (Urolophus maculatus) è simile alla pastinaca rotonda, tuttavia le macchie scure su ciascun lato del suo disco possono distinguerla dalla nostra. Il dorso (Platyrhinoidis triseriatea) si distingue per la presenza di due pinne dorsali e le tre file di tubercoli lungo il dorso, appunto, di individui adulti; mentre la pastinaca elettrica del Pacifico (Torpedo californica) si distingue per le sue due pinne dorsali e la mancanza di una colonna vertebrale velenosa sulla coda.

La pastinaca rotonda è di colore marrone grigiastro, liscia, chiazzata o macchiata di macchie scure, sulla superficie dorsale, che si sbiadisce verso una gradazione di giallo pallido, arancione o bianco.

Questa razza ha una pelle liscia, priva dei tubercoli che si trovano spesso su altre specie.

La dimensione massima indicata per la pastinaca rotonda è di oltre ventidue pollici (ossia cinquantotto centimetri) di lunghezza totale, mentre il peso massimo attestato è di poco meno di tre libbre (ossia un chilo e trecento grammi circa). La larghezza media del disco della pastinaca rotonda è di otto o addirittura dieci centimetri (parliamo di circa tre pollici, quasi quattro). La maturità sessuale viene raggiunta tra i due e i tre anni, il che è correlato a una larghezza del disco di cinque pollici e mezzo (oltre i quattordici centimetri). Si ritiene che l’aspettativa di vita sia di appena otto anni.

Le razze rotonde adulte si nutrono principalmente di invertebrati bentonici, come stomatopodi, anfipodi, gamberetti e granchi portunidi e, in misura minore, di vermi policheti e piccoli pesci. Si basano sull’olfatto e sulla vista nella ricerca di prede per la loro alimentazione.

Questa razza è stata osservata mentre scavava grandi buchi nel fondo fangoso o sabbioso “agitando” le pinne pettorali e il rostro. Questa azione serve per costringere i vermi, i granchi o i piccoli pesci sepolti a esporsi, rendendosi palesi e facili alla cattura. L’alimentazione avviene continuamente durante le ore di luce del giorno. Le pastinache rotonde giovanili si nutrono di policheti, crostacei e nemerteani.

L’accoppiamento di razze rotonde è stato documentato durante i mesi invernali da gennaio a marzo nel Mare di Cortez. Durante la stagione degli amori, i maschi solitari cercano le femmine usando segnali visivi ed elettrosensoriali. Un interessante risultato scientifico è che le femmine mature pronte per la riproduzione emettono campi elettrici positivi localizzati da vicino agli spiracoli dietro ogni occhio. Ciò attira i maschi e ne consegue un tipico rituale di accoppiamento. I maschi mordono spesso la parte posteriore dei dischi delle femmine. Le femmine spesso fuggono, con conseguente fallimento della copulazione. Tuttavia, quando un maschio morde la parte anteriore del disco della femmina, la femmina non tenta di liberarsi. Questo comportamento pungente funziona per mantenere il contatto tra la coppia durante la copulazione.

Lo sviluppo della pastinaca rotonda è ovoviviparo, con conseguente nascita dei cuccioli già vivi. Dopo un periodo di gestazione di circa tre mesi, una figliata dai tre ai sei giovani nasce in acque poco profonde. Ogni neonato misura tra i due e i tre pollici (oltre i sette centimetri) di larghezza del disco. I giovani di questa pastinaca rimarranno nel loro habitat poco profondo, che forniscono ricchi terreni di alimentazione e protezione dai predatori, fino a quando non sono abbastanza grandi da spostarsi in acque più profonde. Un’area vivaio nota per la pastinaca rotonda è Newport Dunes, nel sud della California.

I predatori della pastinaca rotonda nella sua fascia settentrionale includono la foca elefante settentrionale (Mirounga angustirostris) e la spigola del Mar Nero (Stereolepis gigas). Altri potenziali predatori di questa razza includono grandi pesci carnivori tra cui gli squali.

Potrebbe interessarti anche:

Simona Strani