Home Cronaca Abbandoni: lasciati per strada a morire. Non solo cani e gatti

Abbandoni: lasciati per strada a morire. Non solo cani e gatti

CONDIVIDI
abbandono animali
Criceti abbandonati a Monza @Enpa

Abbandoni: non solo cani e gatti. Anche i piccoli roditori vittime dell’indifferenza

Accogliere un animale in casa è un impegno. Inutile, nascondere i sacrifici ai quali una persona o una famiglia va incontro quando decide di prendere un animale. Eppure, nonostante le campagne di sensibilizzazione e i buoni propositi, molte persone continuano a prendere animali per poi sbarazzarsene quando diventano troppo impegnativi, scaricando le proprie responsabilità su altre persone, ma soprattutto, facendo soffrire delle piccole creature innocenti che dipendono in tutto e per tutto dai padroni.

Esseri senzienti, esseri consapevoli, poco importano i dibattiti in queste circostanze. Contano i gesti e le azioni. Abbandonare un animale è in parte condannarlo ad una lunga sofferenza e in molti casi, alla morte. Che sia un cane, un gatto o qualsiasi altro animale, la loro vita è fragile e dopo essere stati curati in un ambiente famigliare, per loro sopravvivere per strada o in qualsiasi altro luogo è quasi impossibile.

Sono animali, possono sopravvivere in natura. E’ la frase più banale che si possa pronunciare in alcune circostanze. Dovremmo fare la stessa cosa con chi abbandona un animale per strada. Vediamo se queste persone riescono a vivere in un bosco, una foresta, lungo una strada asfaltata, oppure in una gabbia senza cibo né acqua a sufficienza.

E’ il caso dell’ennesimo abbandono. Quello di 8 criceti, 4 femmine e 4 maschi, che uno sconosciuto ha recapitato di fronte al cancello del rifugio dell’Enpa a Monza.

Abbandono animali esotici

abbandono animali esotici
Criceti abbandonati a Monza

Lo staff del cento ha resto noto in un comunicato il triste ritrovamento di una scatola con all’interno la gabbietta con i criceti e un bigliettino.

“Abbiamo trovato questi criceti abbandonati in strada, non sappiamo dove portarli, spero che possiate tenerli senza lasciarli a morire in strada come hanno fatto. Grazie, un passante”.

I piccoli roditori sono stati trovati da una signora  che si stava recando presso il rifugio di Monza. “Ha notato una gabbietta abbandonata davanti a uno dei cancelloni di ingresso laterale del nostro canile. Insospettita si è avvicinata e ha trovato una brutta sorpresa”.

E’ quanto sottolinea Enpa precisano che “c’erano ben 8 criceti ammassati e terrorizzati”.

Al momento è difficile stabilire la dinamica dell’abbandono. Proprio per avere chiarimenti al riguardo i volontari stanno chiedendo informazioni all’autore del biglietto.

I criceti sono stati separati, nutriti e portati al caldo. Fortunatamente erano tutti in buone condizioni. I volontari sperano solo che le femmine non siano gravide.

Secondo quanto riferisce Enpa, già in passato sono stati abbandonati dei criceti presso il rifugio. Non solo cani e gatti. Negli anni, oltre ai criceti, i volontari hanno trovato di fronte al rifugio varie specie di animali esotici. Criceti, un riccio africano, un boa lasciato al freddo nel mese di gennaio 2016.

Persone che non hanno il coraggio di assumersi le loro responsabilità anche nell’abbandono di un animale.

“Piuttosto che avere il coraggio di ammettere di avere un problema a gestire questi animali e chiedere aiuto per trovare una nuova sistemazione”.

L’abbandono è un reato penale

Un atto di umiltà che molte persone non si assumono. Tuttavia, come giustamente ha voluto ricordare Enpa, l’abbandono è un reato punibile con l’articolo 727 del Codice Penale. Ma quello che in realtà conta è la vita stessa degli animali che viene messa in pericolo, lasciando gli animali di fronte al rifugi. Vi è sempre il rischio di una fuga o che qualche malintenzionato profitti della situazione.

Nel caso specifico, lo staff dell’Enpa ha voluto inoltre precisare che i criceti sono animali solitari. Ricordando che due esemplari dello stesso sesso litigherebbero fino a uccidersi, mentre le coppie si riproducono a dismisura. Ecco perché, sottolinea Enpa è fondamentale che vi siano adozioni consapevoli. Chi decide di accogliere un animale deve essere al corrente non solo dei sacrifici ma anche delle necessità che richiedono le diverse specie.

I criceti saranno dati in adozione, presso la sede Enpa di Monza.

C.D.