Home Cronaca Abbassa la tapparella: non riesce a credere a quello che si trova...

Abbassa la tapparella: non riesce a credere a quello che si trova davanti

CONDIVIDI
Il pitone incastrato

Non riusciva a credere ai suoi occhi una donna che dopo aver abbassato la tapparella si è trovata davanti un pitone reale incastrato tra i listelli. L’episodio è accaduto l’altra sera in un appartamento al quarto piano di un palazzo di viale Abruzzi a Milano (zona Porta Venezia) ed è stato riferito in una nota dell’Enpa.

La proprietaria dell’appartamento ha capito che il pitone stava rischiando grosso e quindi ha allertato l’Enpa e i vigili del fuoco. Prima ancora dell’arrivo dei soccorsi, il pitone era però caduto al suolo, anche se non aveva riportato alcuna conseguenza seria. Nelle stesse ore, sempre a Milano, Enpa e pompieri erano intervenuti a salvare un rondone che era rimasto appeso per una zampa a un filo che fuoriusciva dal proprio nido.

Ha spiegato Ermanno Giudici, presidente Enpa Milano: “Ieri sera queste due storie nella calda e umidissima Milano, hanno scaldato ulteriormente il cuore di chi ha assistito e partecipato a quanto successo. L’insolito e fortunato destino che ha legato a distanza questi due animali, chiamando a raccolta uomini e donne, volontari e Vigili del Fuoco, inquilini e passanti, che per circa 4 ore sono rimasti col naso all’insù a seguire le loro sorti, fino a tarda ora, rappresenta un messaggio colmo di energia e passione da parte di tutti coloro che amano gli animali e di chi svolge il proprio lavoro, con abnegazione, giorno e notte per salvare vite in pericolo”.

Nelle scorse settimane, aveva fatto molto clamore la vicenda del pitone reale Sahib – lungo circa un metro e venti e di circa 20 anni di età – scappato a Bellinzona, nel Canton Ticino. Dopo alcuni giorni “in fuga”, Sahib era stato ritrovato.

Il rettile in realtà non aveva mai lasciato l’appartamento in via Gesero, nella zona di Pratocarasso, dove a lungo era stato cercato senza successo nelle tubature del palazzo. Il presidente della Società protezione animali di Bellinzona (SPAB) Emanuele Besomi, aveva ipotizzato che il pitone reale non si sarebbe mai mosso dall’appartamento.

Ipotesi esatta, dal momento che secondo quanto riporta la stessa SPAB la proprietaria del rettile lo ha ritrovato nascosto in un anfratto dell’appartamento e ha potuto ‘riabbracciarlo’. Gli animalisti, in una nota, invitano a riflettere sull’opportunità di tenere in casa un animale abituato a ben altri ambienti che “per tutta la vita, e Sahid ne è la prova vivente, cercheranno solo di fuggire da quel mondo di plastica e vetro con luci artificiali in cui l’uomo li costringe a vivere”.

In precedenza, a Grosseto, l’avvistamento di due rettili in piena libertà aveva creato allarmismi, persuadendo i Vigili del Fuoco ad armarsi degli strumenti necessari per recuperare i due animali selvatici. Entrambi i rettili sono stati catturati dopo quasi cinque ore di ricerche, con la loro cattura che comunque non ha comportato traumi o ferimento agli stessi. I VVF li hanno individuati poco dopo le 17:00 in via della Repubblica dopo che le ultime segnalazioni davano i serpenti presenti in via Arcidosso.