Home Cronaca Anatra dilaniata nel parco: appello ai padroni di cani nel periodo riproduttivo

Anatra dilaniata nel parco: appello ai padroni di cani nel periodo riproduttivo

CONDIVIDI

E’ un uomo di 70 anni soprannominato “il Robinson Crusoe” del Boschetto che vive da oltre trent’anni, a ridosso di un bosco, lungo l’Adige alla foce del Gange, a Verona e che provvede a prendersi cura della piccola fauna che popola l’area grazie anche all’aiuto dei volontari.

Franco Mozambani è stato più volte al centro di piccoli fatti di cronaca, tra aggressioni e gesti di solidarietà, contribuendo anche a salvare tre persone, una donna che si voleva suicidare nel fiume, un pescatore che stava per annegare e un giovane accoltellato.

Lui ha deciso di vivere in quel luogo, distante da tutto in armonia con la natura e anche se il Comune ha provato diverse volte a mandarlo via, “Robinson” non ci pensa minimamente e continua  a registrare i cambiamenti di cui nessuno si accorge perché presi dalla frenesia della vita contemporanea. Ogni giorno assiste alla magia di un ambiente pieno di vita che colma la sua esistenza, nota gli spostamenti delle spiaggia sul fiume e le nuove costruzioni che discretamente, negli anni, contribuiscono a deturpare il paesaggio.

Un custode del Boschetto che veglia nel silenzio sulla piccola fauna e flora di un luogo ancora incontaminato. Purtroppo, in questi giorni, Robinson ha denunciato la triste aggressione di un cane che, lasciato libero dal proprietario, si è scagliato contro un’anatra, dilaniandola.

“Ho sentito gridare, sono uscito e ho visto una persona anziana che chiedeva aiuto. Era il proprietario del cane lasciato libero dal guinzaglio. Purtroppo per una delle anatre dell’Adige non c’è stato niente da fare”, ha raccontato Robinson, raccomandandosi a tutti quanti di fare attenzione: “Raccomando alle persone che vengono qui con i loro cani di non lasciarli liberi. Tra poco iniziano a frequentare il Boschetto anche mamme con bambini e i cani possono diventare un pericolo”.

In questo periodo inoltre, gli animali sono in piena stagione riproduttiva, per cui l’attenzione è rivolta anche al rispetto di questi esseri che durante tutto l’anno vivono indisturbati e che quando inizia la bella stagione, vedono invaso il loro habitat.