Home Cronaca Anziano maremmano investito, trovato agonizzante: anni di maltrattamenti

Anziano maremmano investito, trovato agonizzante: anni di maltrattamenti

CONDIVIDI

maremmano

Senza allontanarsi troppo dal belpaese, vi sono storie raccapriccianti di animali maltrattati che nel silenzio e nell’ombra di molte città soffrono senza che nessuno se ne accorga.

E’ il caso di una cane maremmano trovato nei pressi di Montauro, in provincia di Catanzaro, investito da un’automobile e lasciato agonizzante sul bordo strada. Secondo quanto ha riferito la sede di Soverato (CZ) della Lega Nazionale per la Difesa del Cane, l’esemplare, soprannominato Nonno Pante, avrebbe subito anni di maltrattamenti: sul corpo dell’animale sono stati trovati dei pallini di arma da fuoco di diverso calibro, ossa fratturate, danni alle vertebre, vecchie e nuove ferite.

Insomma, il vecchio maremmano avrebbe subito violenze continue e colpi di fucili diversi: “Le sue condizioni sono purtroppo gravi”, ha comunicato Serena Voci, responsabile della Lega Difesa del Cane, spiegando che l’animale è stato ricoverato in stato di shock, disidratato e in condizioni di sottopeso con il treno posteriore paralizzato. Il cane anziano e anemico presentava inoltre diverse vecchie lesioni sulla colonna vertebrale per cui l’investimento ha rapresentato il colpo finale, portando Nonno Pante ad una paralisi dei posteriori.

Adesso la Lega sta chiedendo aiuto per affrontare le spese mediche e ridare speranza e dignità ad un animale che ha subito anni di violenze ma anche l’indifferenza di molte persone che lo hanno lasciato agonizzante bordo strada. I volontari giunti sul posto dopo una segnalazione hanno atteso per ore i soccorsi che non sono mai arrivati. Alla fine il cane è stato caricato in macchina e portato di soccorso da un veterinario.

“Una inefficienza assurda delle istituzioni”, ha commentato la Voci, annunciando che la Lega presenterà una denuncia.

Ma la cosa che, per la responsabile della Lega cane, fa rabbrividire “è il numero di macchine transitato mentre il cane era riverso sul bordo strada”.