Home Cronaca Arriva PetITfriend: la piattaforma per aiutare gli animali del Sud

Arriva PetITfriend: la piattaforma per aiutare gli animali del Sud

CONDIVIDI

petfriend
Piccoli passi da gigante per poter aiutare i nostri amati 4zampe e un servizio tramite il quale i comuni e le associazioni animaliste possono condividere e mettere in rete le informazioni del territorio riguardanti gli animali presenti nei canili.

E’ la nuova piattaforma che si chiamerà PetITfriend ideata da alcuni tecnici informatici leccesi e sostenuta dal Comune di Lecce e dell’Associazione Nuova L.A.R.A., per cui è stata lanciata una raccolta fondi anche online (clicca qui).

Il progetto consiste nella creazione di una rete tra Comuni, associazioni e cittadini che vogliono migliorare la vita degli animali nei canili, raccogliendo anche segnalazioni e quant’altro riguardo le condizioni dei pelosi sul territorio, come abbandoni, maltrattamenti e rendendo più diretto il processo di adozione dell’animale.

Una raccolta interattiva tra canili con la pubblicazione online di tutti gli animali presenti nei rifugi per cui ogni cane avrà una scheda personalizzata con la propria biografia personale, fotografie e video.

Al contempo, gli animali avranno maggiore possibilità di essere adottati e la piattaforma si potrà rivelare utile per il coordinamento e come strumento per gestire i registri di carico e scarico, coordinare i documenti e le informazioni su ogni cane e monitorare l’andamento della struttura.

Sarà inoltre garantita una maggiore trasparenza per quanto riguarda le amministrazioni che potranno aver sotto controllo le problematiche collegate alle strutture di accoglienza dei pelosi meno fortunati e il sovraffollamento delle strutture.

Ovviamente, attraverso la piattaforma sarà anche possibile controllare l’esito della donazione, con feedback puntuali e le informazioni riguardanti i volontari che si occupano direttamente delle cure degli animali.

Un processo che sarà aggiornato di continuo sia sull’andamento del canile che sulla gestione del servizio. Un’idea che possiamo solo accogliere con favore, considerando che il Sud della penisola è una delle regioni della Penisola dove si registrano ogni anno il maggior numer di abbandoni (clicca qui).