Home Cronaca Bocconi avvelenati, cane morto in provincia di Grosseto

Bocconi avvelenati, cane morto in provincia di Grosseto

CONDIVIDI
Bocconi avvelenati
Bocconi avvelenati

Il caso di un cane trovato morto dal suo proprietario ha fatto nascere l’allarme: qualcuno sta disseminando il territorio di bocconi avvelenati.

Un cane è stato trovato morto a Casteani, una frazione del comune toscano di Gavorrano, in provincia di Grosseto. E purtroppo sembra proprio che le cause del decesso dell’animale siano da ricercare nell’odiosa pratica di disseminare bocconi avvelenati in giro per il territorio. Purtroppo il quattrozampe, un esemplare di Border Collie che tutti chiamavano Lampo, ha perso la vita presumibilmente dopo aver ingerito qualcosa di estremamente tossico e nocivo. Lampo era utilizzato per fare la guardia ad un branco di pecore, ed il suo padrone lo ha cercato a lungo senza successo. Poi purtroppo lo ha ritrovato già stecchito, senza più vita, a pochi metri da casa, in piena campagna. Il fatto è accaduto lo scorso 24 maggio ma è stato reso noto soltanto nelle scorse ore.

E sin dalle prime la vicenda non era parsa chiara al suo proprietario. Il Comune di Gavorrano proprio negli ultimi giorni sembra abbia diramato diversi avvisi relativi alla presenza di bocconi avvelenati nel circondario. Le esche velenose ritrovate erano state contaminate da metaldeide, e qualcuno le aveva disseminate proprio a Casteani. Il proprietario del cane ucciso si è rivolto all’Istituto Zooprofilattico sperimentale di Lazio e Toscana, di stanza a Grosseto. Il sentore che Lampo fosse stato avvelenato era forte, e difatti così è stato, in base a quanto svelato dalle analisi sul corpo dello sfortunato animale. Letale è stato nello specifico un veleno utilizzato per debellare le lumache, che è stato cosparso su del cibo per cani. Per fortuna Rubia, l’altro cane, non ha ingerito niente.

border collie

Bocconi avvelenati, una pratica odiosa che avviene ovunque

Ma alla prolungata assenza di Lampo era scattato l’allarme, con una ricerca durata quasi quattro ore. La bocca dell’animale era macchiata da un liquido di colore verdastro, e questo già da subito ha confermato il sospetto che Lampo avesse ingerito dei bocconi avvelenati. Alcuni erano stati trovati proprio accanto a lui. Ed ora è partita una denuncia per uccisione di animali nei confronti di ignoti. Si attende l’apertura di una inchiesta ufficiale da parte dei carabinieri forestali. La speranza ora è che non ci siano altre vittime a quattro zampe. Proprio per questo il proprietario del povero Lampo e le autorità locali invitano tutti coloro che hanno degli animali in casa a fare attenzione. Già una cosa del genere si è verificata in varie zone d’Italia solo negli ultimi tempi.

A.P.