Home Cronaca Caccia al serial killer dei gatti: ricca ricompensa per chi lo denuncia!

Caccia al serial killer dei gatti: ricca ricompensa per chi lo denuncia!

CONDIVIDI

polpette-avvelenate

 

Episodi vergognosi si stanno verificando nella provincia di Udine: c’è infatti un pericoloso serial killer di gatti che sta mettendo a repentaglio la vita di tanti gatti indifesi. Il comune di Porpetto (UD) è in preda da qualche giorno all’inquietudine e allo sgomento per la sicurezza dei suoi abitanti a quattro zampe. Nella tranquilla cittadina friulana – riporta ‘Il Messaggero Veneto’ – è stata infatti attestata la presenza di uno squilibrato che ha ucciso finora ben sei felini.

Nell’arco dell’ultima settimana sono stati riscontrati casi di avvelenamento tramite un metaldeide noto come lumachicida, ossia un composto chimico velenoso usato come fitofarmaco contro le lumache. I micetti della zona interessata (via Guglielmo Marconi) sono stati trovati in preda alle convulsioni e moribondi dopo aver ingerito i bocconi contaminati, sparsi dal serial killer in giro per la cittadina.

I gatti facevano parte di una piccola colonia di proprietà, che abitualmente esce di casa il giorno per rincasare la sera.

“Proprio nella zona di via Marconi ho notato una gattina in preda alle convulsioni, con spasmi e bava alla bocca. Immediatamente l’ho portata dalla veterinaria per cercare di salvarle la vita”. Racconta Jenny Pitton, presidente dell’associazione ‘Amici di Luna & Sam Onlus’. Purtroppo per la gattina non c’è stato nulla da fare, ma la Pitton ha lanciato l’allarme e promette la somma di mille euro a chiunque dia informazioni utili a smascherare il serial killer, responsabile di questi atti tanto crudeli.

I sospetti – secondo quanto riporta il giornale veneto – ruoterebbero attorno a qualcuno della zona che conosce ed ha scrutato molto bene i movimenti dei felini in questione. Tutta la cittadinanza  ormai si auspica che il fantomatico serial killer venga scoperto e che non si ripetano più episodi del genere. I cittadini si sono già mobilitati per ottenere informazioni sull’identità di questa persona per amore degli animali, ma di certo ora che c’è anche una ricompensa così importante l’impegno sarà maggiore.