Home Cronaca Cagnetta randagia salvata dalla strada: oggi ha una nuova “mamma”

Cagnetta randagia salvata dalla strada: oggi ha una nuova “mamma”

CONDIVIDI
La piccola Melany

Melany, oggi ribattezzata Maya dalla sua nuova “mamma” è una randagia salvata a Salerno mentre vagava con una zampa oramai in cancrena. L’intervento è stato effettuato dai volontari della LNDC di Salerno, che l’hanno presa in consegna e poi portata in una clinica veterinaria. Qui però le è stata amputata la zampa malata. Nonostante quell’handicap, Maya è stata adottata da una donna, che ha deciso di donarle – ricambiata – tutto il suo amore.

Spiega la LNDC, che ha raccontato la vicenda di Melany, o Maya: “La storia a lieto fine di Melany/Maya ci regala tanta gioia. Una prerogativa della mission della nostra associazione è proprio trovare una famiglia per le migliaia di animali sfortunati che ogni anno vengono accolti nei nostri rifugi sparsi per tutta la penisola, soprattutto nei territori dove impera il randagismo per colpa delle istituzioni che non adempiono al loro dovere”.

“Nelle nostre strutture tante creature bisognose vengono accolte con amore e con rispetto, accudite, curate, sterilizzate e socializzate con la finalità di affidarle poi a persone che sappiano donare loro la serenità e l’affetto che meritano”, evidenzia Piera Rosati presidente di Lega Nazionale per la Difesa del Cane. La nota si conclude poi così: “Per Melany, come per tanti altri trovatelli, il desiderio di reperire un sistemazione idonea si è concretizzato. E noi auguriamo a tutti loro un’esistenza lunga e felice nella quale le sofferenze del passato diventino un ricordo giorno per giorno sempre più sbiadito”.

In Italia, sono diverse le problematiche legate al fenomeno del randagismo e degli abbandoni; per tale ragione, è interessante la petizione avviata da Tara Green World – Associazione Nazionale Tutela Animale; Ricerca Ambientale che chiede l’obbligo di sterilizzazione gratuita per cani e gatti padronali.

Come se quello del randagismo non fosse già un problema abbastanza grave, nel nostro Paese, vi è la triste pratica di utilizzare polpette avvelenate per ‘risolvere’ il fenomeno. L’ultimo allarme arriva da Fabriano, dove di recente sono morti un cane e un gatto. Il consiglio resta quello di tenere sempre stretti al guinzaglio i nostri amici a quattro zampe, per paura che incappino in una trappola, ma soprattutto di denunciare questo tipo di ritrovamenti. Anche per tale ragione, rincuora sapere che Melany ha oggi una “mamma meravigliosa” che ha deciso di donarle il suo amore.