Home Cronaca Cane abbandonato a Trieste, il triste annuncio dell’OIPA

Cane abbandonato a Trieste, il triste annuncio dell’OIPA

CONDIVIDI
maltese
Un cucciolo di maltese

Cane abbandonato in una casa fatiscente a Trieste: l’OIPA lo soccorre e poi lancia un comunicato inquietante

Un cane abbandonato in una casa fatiscente, sfitta e sporca, completamente disabitata da tempo e ormai completamente ricoperta di feci e urina. Così l’OIPA di Trieste ha ritrovato la povera Trilly, una cagnolina di 3 anni di razza maltese, che era stata rinchiusa da chissà quanto in un appartamento in città. L’ennesimo episodio di abbandono e di scarsa cura per gli animali si è verificato nel Nord Italia, a Trieste, dove le guardie zoofile dell’OIPA di Trieste hanno già fatto partire una denuncia per maltrattamento di animali nei confronti di chi avrebbe abbandonato la cagnolina, e al contempo l’hanno soccorsa e l’hanno già affidata a una famiglia che si prenderà cura di lei.

L’abbandono di animali è un reato che la legge punisce applicando l’articolo 727 del codice penale, così come l’abitudine di tenere gli animali in condizioni non idonee, in condizioni che contrastano con la natura e generano all’animale sofferenze di vario tipo. Addirittura è previsto l’arresto fino ad un anno o l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro. Il reato di abbandono di animali è perseguibile d’ufficio, gli animali sono giustamente considerati come esseri senzienti, dotati di una propria sensibilità e in grado di percepire il dolore che può derivare dall’abbandono e dalla mancanza di adeguate attenzioni. La speranza è che chi ha fatto quest’ennesima crudeltà possa essere beccato e assicurato alla giustizia.

Cane abbandonato a Trieste, l’OIPA lancia un comunicato

abbandoni
Campagna Enpa contro gli abbandoni, estate 2018

A seguito dell’episodio di questa cagnolina maltese di 3 anni trovata abbandonata in una casa di Trieste, l’OIPA ha deciso di lanciare un comunicato per denunciare una situazione che ormai non è più sostenibile: “Casi come questi, sfortunatamente diffusi per tutta la nostra penisola, sono uno dei tanti volti dell’abbandono: non è raro, infatti, che in seguito ad uno sfratto, oltre agli oggetti di casa vengano lasciati anche gli animali domestici”.

Così recita la nota delle guardie zoofile OIPA di Trieste. Non ci sono dati certi sugli abbandoni di animali, ma un’approssimazione realistica parla di oltre 130mila animali abbandonati, specialmente cani e gatti, quelli a cui l’essere umano dovrebbe essere più affezionato. Quando è davvero un essere umano, perché chi si disfa così di un animale a cui ha voluto bene è difficile da annoverare in qualsiasi categoria.