Home Cronaca Cane anziano abbandonato legato a cancello: morto di stenti

Cane anziano abbandonato legato a cancello: morto di stenti

CONDIVIDI

Legato al cancello, cane anziano e malato legato al cancello. Muore di stenti

uccisione animali
Cane anziano muore di stenti

La denuncia arriva direttamente dal sindaco di Cortona, Luciano Meoni, indignato per la morte di una cagnolina anziana e malata.

L’esemplare era stata legata al cancello del mattatoio, situato nei pressi del canile di Ossaia, in modo che l’autore del gesto non fosse individuato.

Purtroppo, la cagnolina è rimasta per due giorni in quel luogo, in balia del caldo torrido. Ha pianto, probabilmente si è dimenata, con la speranza di essere vita. Aveva una forma tumorale alla mammella. Affamata e assetata, la cagnolina non ce l’ha fatta ed è morta di stenti.

In questo periodo, un cane lasciato senza acqua né copertura può andare incontro ai colpi di calore che possono rivelarsi fatali, come in questo tragico fatto di cronaca. Possiamo solo immaginare cosa abbia potuto provare questo cane, legato e abbandonato alla sua sorte. Quanto abbia cercato di sopravvivere, disorientato e fragile.

Leggi–> Il colpo di calore nel cane: chi rischia, i sintomi, come prevenire

“Non ci sono parole! Questo cane è stato legato al cancello del nostro mattatoio, probabilmente ieri sera e lasciato morire. Il responsabile se individuato pagherà il vile gesto! Non faremo sconti a nessuno Vergogna!” Scrive il sindaco Meoni, pubblicando la fotografia del cane, ormai privo di vita.

Il cane legato non aveva più forze e si è lasciato morire. Non aveva un microchip e nessun elemento con il quale poterla identificare.

“Se solo l’avessero lasciata di fronte al canile, avremmo potuto vederla e salvarla”, ha dichiarato la responsabile del canile Stefania Bistarelli che ha poi pubblicato una dedica a quella cagnolina, che ha chiamato “Stella”, l’ennesima vittima dell’ignoranza, dell’indifferenza e della crudeltà.

Ciao piccola stella
Chissà qual è il tuo nome
E chissà cosa hai pensato,
quando, quella che credevi una mano amica,
ti ha legata al cancello del mattatoio:
è un gioco? Si sicuramente è un gioco nuovo
e ora che fai? vai via?
ma torni a prendermi vero?
io ti aspetto!
Ma poi diventa tutto buio, sempre più buio
e fa freddo, sempre più freddo
e ho sete
ma io ti aspetto eh!
Ciao piccola stella
Chissà qual è il tuo nome
Non sappiamo quanto sei rimasta li
Un giorno? Due? Forse tre
Ti hanno trovata questa mattina gli operai quando hanno riaperto,
dopo due giorni di chiusura festiva
Ciao piccola stella, RIP

“Sulla mano che ha fatto questo non mi sento di sprecare nemmeno due parole, non ci riesco, mi viene solo da piangere. Ciao piccola Stella, per me questo ora è il tuo nome.” Ha poi concluso la volontaria

Ecco il post del Sindaco