Home Cronaca Cane lasciato in auto: era al sole, parcheggiata sotto casa del proprietario

Cane lasciato in auto: era al sole, parcheggiata sotto casa del proprietario

CONDIVIDI

Cucciolo lasciato nel bagagliaio morto dal caldo

Lo hanno lasciato chiuso nel bagagliaio dell’automobile, parcheggiata al sole per diverse ore. Un povero cucciolo di qualche mese non ce l’ha fatta ed è stato ritrovato morto da chi aveva cercato di salvarlo.

Un dramma registrato a Lozzo, in provincia di Belluno. Secondo quanto ricostruito, il povero animale, un boxer, era stato chiuso nel bagagliaio della macchina, parcheggiata sotto la casa del proprietario, in pieno sole. A segnalare il caso, sarebbero stati alcuni vicini e l’ex moglie del padrone del boxer. La donna ha chiamato i vigili del fuoco, notando il cane dentro al mezzo, in uno stato di incoscienza. Il cane non dava alcuni segni di vita. La donna ha così pensato di chiamare i vigili per soccorrerlo.

Cane lasciato in auto: è reato

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco per il recupero dell’animale. Nel frattempo, anche il proprietario del cane era sceso in strada e aveva aperto l’automobile per far uscire il povero animale. Anche se l’uomo sarebbe apparso affranto per la morte del cane, i carabinieri hanno aperto un’indagine per accertare le dinamiche. Il padrone del cane rischia una denuncia per maltrattamento e uccisione di animali. L’animale non era stato dimenticato, ma volutamente lasciato in auto, senza un finestrino aperto.

Probabilmente, un colpo di calore ha causato il decesso dell’animale. In base alla ricostruzione, è difficile sapere per quanto tempo il cane sia rimasto chiuso nel mezzo. Abbastanza tempo per restare senza aria e morire.

La salma del cucciolo sarà sottoposta a degli esami autoptici per definire le cause del decesso.

Secondo una sentenza della Corte di cassazione, la  n. 14250 del 9 aprile 2015 è reato lasciare il cane chiuso in auto per molto tempo. La condanna è punibile in base all’articolo 727 Maltrattamento di Animali del codice penale. Nella sentenza, la Cassazione evidenziò non solo la sofferenza dell’animale, ma specificò anche che “non può certo bastare uno spazio d’aria di 5 cm per far circolare aria sufficiente  e che in mancanza di un’ampia areazione nell’auto, la temperatura interna può crescere in maniera esponenziale rispetto a quella esterna”.

Un caso simile è accaduto a Treviso, dove una donna aveva lasciato i suoi due cani nel bagagliaio dell’auto per andare a mangiare al ristorante. I cani abbaiando hanno allertato alcuni passanti che hanno chiamato le forze dell’ordine e provveduto a salvare i due poveri animali, privi di aria o di acqua. Purtroppo con l’arrivo del caldo, è sempre più rischioso lasciare il proprio cane nel mezzo.

C.D.