Home Cronaca Cane legato e lasciato a morire nel tratto di una pista ciclabile...

Cane legato e lasciato a morire nel tratto di una pista ciclabile abbandonata

CONDIVIDI
maltrattamento animali
Cane abbandonato legato nella pista ciclabile

Cane abbandonato incatenato in una pista ciclabile

E’ stato abbandonato, legato ad una ringhiera, in un tratto di una pista ciclabile poco frequentata al Nomentano a Roma. L’intenzione era quella di non far ritrovare quel povero cane.

Un cane durante la passeggiata con il padrone, ha seguito le tracce arrivando a quel cane, che era stato crudelemente lasciato a morire.

“Ero su un piazzale coperto dalla vegetazione e dall’immondizia, quando ho visto che il mio cagnolino abbaiava all’indirizzo di un punto nascosto. Sono andato a vedere e ho visto una scena assurda, tragica”. Ha raccontato l’uomo di nome Franco.

Qualcuno aveva legato il cane ad una ringhiera. La corda era così corda che il povero animale, magro e disidratato, a malapena riusciva a respirare.

”Ho subito chiamato i carabinieri che sono arrivati in pochi minuti che però, mi hanno detto che era necessario rivolgersi alla Municipale”.

Franco racconta che ha dovuto aspettare un’altra mezz’ora, prima dell’arrivo dei vigili che hanno chiamato un veterinario.

Nel frattempo, il cane era stato liberato. Il povero animale, faceva fatica a reggersi sulle zampe. Dopo aver bevuto un po’ d’acqua e mangiato, il cane ha poi scodinzolato ai suoi soccorritori.

“Non si è trattato solo di un abbandono ma di un atto di sadismo davvero grave, impensabile”. Ha commentato Franco.

Quel povero molossoide molto probabilmente sarebbe morto da lì a poco. Non riuscendo a respirare poteva da un momento all’altro morire per strangolamento.

Storie di crudeltà all’ordine del giorno. Per fortuna questa a volta a lieto fine. Per mantenere i riflettori accesi su questo tema, le associazioni, gruppi ma anche semplici cittadini continuano a denunciare casi simili. Il Partito Animalista europeo ha indetto anche una manifestazione Nazionale a Roma, il prossimo 14 dicembre per chiedere un inasprimento delle pene.Troppi casi crudeli e poca giustizia.

Manifestazione a Roma: Carcere per chi uccide animali

C.D.