Home Cronaca Cane precipitato dal balcone, si scopre che la giovane proprietaria lo trascurava

Cane precipitato dal balcone, si scopre che la giovane proprietaria lo trascurava

CONDIVIDI

Un altro episodio che ha visto come sfortunato protagonista un cane precipitato da un terrazzo si è verificato questa volta a Forlì, dopo che qualche altro caso analogo si era svolto nei giorni scorsi altrove. Stavolta è stato coinvolto un cucciolo di razza meticcia, subito tratto in salvo dagli agenti della polizia municipale accorsi dopo una segnalazione. Erano stati alcuni passanti a chiamarli, in seguito alla visione che si era parata loro davanti: il cane precipitato era finito a terra con violenza dopo essere caduto dal primo piano, e questo fatto ha causato allo sfortunato animale delle ferite in diverse parti del corpo. Non risultano essere molto preoccupanti, ma è venuta alla luce un’altra cosa in seguito ad una visita dal veterinario.

Il quattrozampe soffriva infatti di una “gravissima atrofia muscolare da malnutrizione, oltre che di altre patologie derivate da profonda trascuratezza”, come fatto sapere dalle stesse forze dell’ordine. Adesso la sua proprietaria, una ragazza di 23 anni, ha ricevuto una denuncia per maltrattamento di animali, mentre il cane è stato posto sotto sequestro ed affidato alle cure di alcuni volontari che si occuperanno di accudirlo fino a quando il cucciolo non sarà guarito. Il cane appariva estremamente magro, e questo per l’appunto indicava il fatto che il cagnolino veniva trascurato e non riceveva il giusto quantitativo di cibo.

Cane precipitato, la proprietaria rischia grosso

È stato osservato che il suo peso era appena la metà di quanto sarebbe dovuto essere in una situazione normale. Per fortuna i primi segnali dopo soli due giorni di ricovero sono positivi. Il cane mostra tutto sommato una buona condizione mentale, nonostante debba aver sofferto non poco. E non si esclude che l’animale abbia tentato la fuga. Per la 23enne si profila una multa fra i mille ed i diecimila euro, con la legge che, oltre al pagamento di una sanzione pecuniaria, prevede anche l’arresto fino ad un anno. Altrove un altro cagnolino è tornato a vivere: si tratta di Brie, un cucciolo di Chihuahua, che dopo aver vissuto una situazione di estrema criticità è stato trovato e ‘rimesso a nuovo’. Adesso la vita gli sorride finalmente, come dovrebbe capitare a qualsiasi altro animale, cucciolo o grande che sia.

 

A.P.