Home Cronaca Cane salva anziana donna che ha un malore: trascina il padrone verso...

Cane salva anziana donna che ha un malore: trascina il padrone verso la sua casa

CONDIVIDI
cani soccorso
Akita americano

Cane salva donna che ha un malore in casa, abbaiando sotto al balcone

Lo straordinario fiuto di un cane lo porta a salvare una donna anziana che ha avuto un malore nella propria abitazione a Padova, nella zona Madonna Pellegrina. Secondo quanto riportano i quotidiani locali, un poliziotto fuori servizio stava passeggiando con il proprio cane, Mia, una bellissima esemplare di Akita americano, di circa tre anni.

Il poliziotto ha spiegato che si tratta di una razza che era “il cane dei Samurai, una razza molto intelligente e attenta a tutto ciò che accade attorno”. Mia ha salvato la vita alla donna, senza nessun addestramento. Durante la passeggiata, Mia si è diretta verso un palazzo, a distanza di una decina di metri da una terrazza. “Ha iniziato ad abbaiare e a tirare forte il guinzaglio verso quel punto. Pensavo ci fosse semplicemente un gattino, o qualche altro piccolo animale. Ho provato a calmarla, ma lei non ha voluto saperne. Si è piazzata sotto quel terrazzo ed era sempre più agitata. Si è alzata perfino su due zampe, come se volesse salire”.

Da quel terrazzo, in realtà, proveniva la richiesta di aiuto di una donna di 93 anni. L’anziana signore era caduta a terra, per andare a stendere i panni. Molto probabilmente, dopo aver sbattuto il femore, non era più riuscita ad alzarsi. E così ha iniziato a chiamare aiuto. Purtroppo, la voce era così flebile che nessuno l’aveva sentita.

Nessuno, fino a quando per fortuna, da quelle parti si è trovata a passare Mia.

“La porta del terrazzo era aperta ma la voce della donna era davvero flebile, tanto che nessuno nel condominio l’aveva sentita. Per fortuna questi cani hanno un udito straordinario”. Ha poi aggiunto il padrone di Mia.

Cani istinto

Grazie al cane, la donna è stata salvata. Dopo aver sentito la voce della donna, il poliziotto ha subito chiamato il 118. “Per accelerare i tempi mi sono arrampicato sulla grondaia e sono salito su. Ho trovato la donna distesa a terra, oppressa da un dolore lancinante. Era sfinita. Le ho messo un cuscino sotto la testa, le ho dato un bicchiere d’acqua e ho aperto la porta per favorire l’accesso degli infermieri”.

 

La donna è stata ricoverata in pronto soccorso, raggiunta dalla figlia. «Non so come ringraziarvi», le sue parole dense di commozione. Basterà una carezza affettuosa, rivolta all’animale che le ha salvato la vita.

 

C.D.