Home Cronaca Cane sepolto vivo nel cemento, si teme abbia mangiato il suo cucciolo...

Cane sepolto vivo nel cemento, si teme abbia mangiato il suo cucciolo – VIDEO

CONDIVIDI
Il cane sepolto vivo nel cemento, dopo essere stato salvato

Cane salvato dopo aver passato più di due settimane sepolto vivo in un blocco di cemento. Ma c’è un dettaglio anche più inquietante.

Si teme che una femmina di cane, sopravvissuta in modo miracoloso dopo aver trascorso ben 17 giorni nei quali è rimasta sigillata all’interno di un blocco di cemento nel nord della Cina, abbia mangiato il suo cucciolo appena nato. Proprio questo le avrebbe consentito di non morire di fame e di stenti. L’episodio ha suscitato indignazione e rabbia nell’opinione pubblica. La vicenda si è svolta in un complesso residenziale della città di Hohhot. Dopo oltre due settimane qualcuno si è accorto della presenza insolita di quel cemento. E soprattutto dell’ospite che si trovava al suo interno. Un gruppo di volontari animalisti sono così intervenuti, muovendosi anche in seguito ad una segnalazione anonima. Si apprende che il cane ed il suo cucciolino sarebbero stati rinchiusi lì da una guardia di sicurezza. E questo a causa dell’aggressività del quattrozampe, un randagio.

Cane sepolto vivo nel cemento: forse ha mangiato il suo cucciolo

Il cane avrebbe cominciato ad assumere atteggiamenti ostili nei confronti dei residenti dopo la nascita del figlioletto, ringhiando contro chiunque si avvicinasse al neonato. Per liberare il quattrozampe, i soccorritori si sono avvalsi di alcuni attrezzi da lavoro presi in prestito. All’interno c’era effettivamente l’animale, rannicchiato in una cavità ricolma di stracci. Il cane salvato versava in gravissime condizioni. Era moribondo e del tutto disidratato, ma non c’era traccia del suo cucciolo. Il cane sepolto vivo non ha avuto modo di bere per parecchio tempo. Una volta avuta la possibilità di dissetarsi pero ha mandato giù svariate ciotole di acqua. Secondo i soccorritori, il cucciolo è morto di fame in quanto la mamma non ha avuto la possibilità di sfamarlo. Poi, martoriata dall’inedia, lei stessa ne avrebbe divorato i resti. Il responsabile che ha fatto questo è stato individuato e ha giustificato le proprie azioni.

Crudeltà verso gli animali, una triste costante

Il tutto spiegando all’aggressività manifestata dall’animale. Gli animalisti però hanno risposto con forza. “In questi casi meglio chiamare la polizia che ammazzare un cane aggressivo”. Sul web è scoppiata una vera e propria rivolta contro la guarda privata che ha fatto questo. “È una malvagità intollerabile”, “Anche quella guardia è pericolosa, perché non la seppelliamo viva per 17 giorni?”. Ma non ci dovrebbero essere conseguenze legali, dal momento che la legge cinese non presenta provvedimenti precisi contro la crudeltà verso gli animali. Episodi del genere si verificano ogni giorno in tutto il mondo. E di recente un altro cane è stato sepolto vivo.

A.P.