Home Cronaca Cane veglia compagno investito sui binari a Belluno

Cane veglia compagno investito sui binari a Belluno

CONDIVIDI
Cane veglia compagno investito
Cane veglia compagno investito da treno, Belluno

Cane veglia compagno investito sui binari. Un caso di fedeltà e di amicizia fra cani.

Nei pressi di Santa Giustina, vicino Belluno, un cane di razza Border Collie è stato visto a bordo dei binari vegliare il corpo senza vita di un labrador. Una scena straziante alla quale hanno assistito diversi passeggeri che viaggiavano sul treno diretto a Belluno. Come riporta l’edizione locale del gazzettino.it sicuramente i due esemplari stava scorrazzando e giocando in tutta libertà nei pressi della ferrovia. Il povero labrador color crema, probabilmente non si è accorto dell’arrivo del treno. Il compagno non l’ha mai lasciato. Il border collie infatti non è tornato a casa dai proprietari ma è rimasto vicino all’amico. Anche quando è passato un altro treno, il cane è rimasto vicino ai binari, senza allontanarsi. Accucciato, vicino alle rotarie, il border collie non ha voluto lasciare l’amico.

Fedeltà: cane veglia compagno investito

Un caso commovente che ricorda diverse vicende simili.  Tra quelle che hanno fatto il giro del mondo, il ritrovamento di un esemplare, al fianco delle rotaie in Russia, dove ha vegliato la compagna investita da un treno, sotto alla neve e al freddo gelido. Lo stesso ha fatto il piccolo Spyder, un esemplare di pitbull che si stava lasciando morire di fame pur di non allontanarsi dal corpo del compagno investito da un treno.

Storie di fedeltà che ogni volta fanno capire come anche i cani hanno sentimenti simili all’uomo. Addirittura, recentemente in Cina, è stato filmato un branco di cani rimasto vicino al corpo senza vita di un cane investito da un’automobile. Immagini che fanno il giro del mondo, diventano virali in rete e sui social. Il motivo di tanta notorietà si cela forse nell’innocenza di queste creature, vittime loro malgrado di un ambiente ostile.

Esseri senzienti che non portano maschere ed esprimono i loro sentimenti e non hanno gli strumenti per difendersi.

Animali che insegnano a modo loro la nobiltà di alcune azioni. Nessuna corruzione, nessun secondo fine. Comportamenti spontanei con i quali comunicano i loro affetti senza falsità. Forse, l’uomo, ormai lontano dalla propria natura, grazie a queste immagini si riappropria dei suoi sentimenti.

C.D.