Home Cronaca Crudeltà animali, cuccioli uccisi: massacrati con bastone chiodato

Crudeltà animali, cuccioli uccisi: massacrati con bastone chiodato

CONDIVIDI
crudeltà animali
Cuccioli uccisi a bastonate

Due cuccioli massacrati con bastoni chiodati

Erano piccoli e indifesi. Creature innocue che non facevano del male a nessuno. Cuccioli di cani appartenenti a razze toy. Nonostante la loro dimensione e la loro tenera età, c’è chi non si è fatto scrupoli a massacrarli nel peggiore dei modi.

Un Chihuahua e un Russian Toy sono stati uccisi con un bastone chiodato. E’ quanto accaduto a Bordighera presso l’abitazione di una donna che aveva un piccolo allevamento domestico.

Probabilmente, l’autore di questo crudele massacro ha agito perché infastidito dal continuo abbaiare degli animali.

La proprietaria dei cuccioli ha denunciato il macabro ritrovamento. “Il primo cane è stato ammazzato il 9 settembre scorso, il secondo, il 25 settembre. Stessa dinamica in entrambe le occasioni. Ero uscita per sbrigare delle commissioni e quando sono tornata li ho trovati morti”.

La donna ha poi ricordato che a fine agosto, i carabinieri si sono recati presso la sua abitazione. “Evidentemente il loro abbaiare dava fastidio a qualcuno e successivamente è intervenuta anche l’Asl”, sottolinea la padrona.

Ai due cuccioli è stata spezzata la spina dorsale. E’ quanto accertato dal veterinario di fiducia della proprietaria dei cani.

“Non riesco a immaginare quanto abbiano sofferto. Gli altri sono sotto choc”.

La donna ha poi spiegato di aver “trovato un pezzo di legno, con dei chiodi, il pezzo di un mobile. Credo abbiano usato quello per uccidere Daisy e Flory, loro che erano buonissime e non avrebbero mai fatto male a nessuno”.

Gli assassini dei cuccioli si sono introdotti nell’abitazione con il preciso intento di uccidere quei poveri animali. “Non hanno rubato nulla. Sono entrati solo ed esclusivamente per far del male ai miei cani. Perché?”. S’interroga la donna affranta.

Sul caso è intervenuta l’Associazione Italiana Difesa Animali e Ambiente (Aidaa) che ha messo una taglia sulla testa dei criminali.

“L’assassinio dei due cuccioli ammazzati da un bastardo che li ha dilaniati con un bastone chiodato non può e non deve restare impunito”. Dichiara il presidente Aidaa, Lorenzo Croce, annunciando di aver messo una taglia di 10.000 euro sulla testa del responsabile o dei responsabili autori del massacro.

“Le segnalazioni anche anonime potranno giungere al telefono AIDAA 3479269949 oppure via mail all’indirizzo di posta elettronica direttivo.aidaa@libero.it”. Rendo noto l’associazione animalista, precisando che “la taglia sarà pagata a chi darà informazioni utili all’individuazione e grazie alla sua testimonianza alla condanna definitiva del responsabile o dei responsabili di questo orribile omicidio”.

C.D.