Home Cronaca Messico: cucciolo di leone trovato in una scatola all’interno dell’aeroporto.

Messico: cucciolo di leone trovato in una scatola all’interno dell’aeroporto.

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:47
CONDIVIDI

Siamo all’interno dell’aeroporto del Messico, due agenti fanno una scoperta inaspettata: una scatola il cui interno nascondeva un cucciolo di leone.

leone scatola aeroporto Messico
Cucciolo di leone nella scatola (Foto Facebook)

Probabilmente erano più increduli di noi, i due agenti dell’aeroporto internazionale del Messico quando hanno fatto la loro scoperta inaspettata: un cucciolo di leone era nascosto in una comunissima scatola di legno

Una scoperta nell’aeroporto del Messico: la scatola sospetta

leone scatola aeroporto Messico
Cucciolo di leone nella scatola (Foto Facebook)

Precisamente siamo nell’aeroporto di Oaxaca. Gli ufficiali della Guardia Nacional erano intenti ad eseguire il loro solito giro di ispezione nella sezione arrivi per i pacchi con corriere.
Mentre proseguivano i loro controlli, qualcosa li ha insospettiti: un box per la precisione.

La scatola di legno era stata camuffata come un comunissimo pacco da spedizione ma con un particolare che non è passato inosservato ai due agenti: il box presentava dei fori di ventilazione. Così i due agenti hanno deciso di controllarne il contenuto e hanno scoperto che al suo interno vi era nascosto un cucciolo di leone africano.

Le immagini del ritrovamento sono state rese pubbliche sull’account Twitter della Guardia Nacional. Altre foto, invece, sono state condivise nella pagina Facebbok di Grupo Voluntario Raiz Rescate.

Il video riprende il momento in cui i due agenti aprono il box e, finalmente, liberano il cucciolo. Uno dei due prende il leoncino tra le sue braccia e poi lo appoggia, per un attimo, sopra la scatola che fino a pochi istanti prima lo teneva rinchiuso. Il povero animaletto si mostra palesemente spaventato e disorientato ma, fortunatamente, ora è sano e salvo.

 

All’interno della scatola era contenuto un solo documento, che parrebbe una fattura falsa e non erano presenti né una documentazione legale né un microchip utile per identificare l’esemplare che vi era stato nascosto.
Il cucciolo di leone africano, ora, è stato inviato alle autorità federali per trovare una soluzione e garantire i suoi diritti.

È stata poi avviata un’indagine sull’accaduto ma, per il momento, non sono stati individuati i responsabili. Purtroppo, non è ancora chiaro da dove provenga il cucciolo di leone.

Potrebbe interessarti anche:

M. L.