Home Cronaca Gara per adottare il cane torturato e bruciato a Sassari, Fuego lo...

Gara per adottare il cane torturato e bruciato a Sassari, Fuego lo vuole tutta Italia

CONDIVIDI

Fuego il povero meticcio che è stato ritrovato sul ciglio della strada in condizioni critiche, nella campagna di Monte Bianchinu in provincia di Sassari, ha riportato ustioni su tutto il corpo con lesioni significative a gli occhi e alle orecchie.

Fuego, il cane torturato e bruciato è in via di guarigione

potrebbe interessarti anche—>/cane-torturato-con-il-fuoco-a-sassari-e-caccia-alluomo

Il timore più grande di chi l’ha trovato e di tutte le persone che si sono interessate al caso del piccolo Fuego erano, oltre, ovviamente alle condizioni di salute del cane, che fine avrebbe fatto se fosse riuscito a sopravvivere.

Si perchè finire in un canile dopo essere stato torturato e bruciato sicuramente non è quello che ci si augura per un cane che nella sua breve vita già ne ha passate così tante. (Ne tanto meno per tutti gli alti cani)

Fortunatamente esistono ancora molte persone con il cuore grande desiderose di far ritrovare la felicità a questo cane. In tantissimi da tutta Italia stanno chiamando per lasciare le proprie generalità e referenze in modo da poter dare una casa a Fuego.

Come riferito a tgcom24 dall’Unione Sarda sembrerebbe, che il centralino della polizia municipale sia andato in tilt per le tantissime richieste di adozione di Fuego. Le richieste per adottarlo sarebbero giunte addirittura da tutta Italia.

potrebbe interessarti anche—>il-trauma-nel-cane-dallabbandono-agli-abusi-e-maltrattamenti

Le condizioni di Fuego, che è ricoverato presso l’ospedale didattico veterinario di Sassari sono stabili. Il 20% delle sue ferite stanno guarendo e sembra anche che non rischia più di perdere la vista, come conferma la direttrice sanitaria dell’Ospedale Didattico Maria Lucia Manunta: “Fuego non ha perso la vista le ferite sul corpo stanno seguendo il loro decorso: alcune sono in via di miglioramento, altre invece sono un po’ più profonde e ancora non è chiaro definire qual è l’estensione della necrosi”.

“I padiglioni auricolari purtroppo sono caduti per via della gravità delle lesioni; appena possibile cercheremo di fare una piccola plastica. Fuego mangia regolarmente e con appetito e non sente tanto dolore perché gli stanno somministrando dei farmaci oppioidi in infusione continua”.

Le richieste di adozione per Fuego sono state tantissime sia tramite centralino che tramite facebook e dato che ovviamente non tutti potranno adottare Fuego vi invitiamo a consultare le pagine facebook dove ci sono molti animali che hanno comunque bisogno del vostro aiuto .

L.L

potrebbe interessarti anche—>/maltrattamenti-animali-lav-pene-severe


Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Le mie condizioni cliniche sono stabili, le aree di tessuto necrotico iniziano a definirsi, i medici hanno stimato il coinvolgimento del 15-20% di superficie corporea. Mangio regolarmente e con appetito e non sento tanto dolore perché mi stanno somministrando dei farmaci oppioidi in infusione continua. Grazie a tutti voi che fate il tifo per me

Pubblicato da Ospedale Didattico Veterinario Sassari su Venerdì 5 aprile 2019