Home Cronaca Gatto chuiso in un container proveniente dalla Cina per più di un...

Gatto chuiso in un container proveniente dalla Cina per più di un mese

CONDIVIDI

Un piccolo Gatto è stato chiuso, probabilmente per errore, per più di un mese in un container sigillato proveniente dalla Cina.

Container al porto

Ha circa otto mesi il piccolo micio bianco e rosso che è stato chiuso in un container proveniente dalla Cina per almeno un mese.

Era allo stremo delle forze quando è stato ritrovato da uno degli addetti della dogana di Pioltello, comune vicino Milano in Lombardia.

Sembra che il micio provenga da un container cinese e che abbia viaggiato con la nave per 35 giorni fino al porto di Genova, da sommarsi a diversi altri giorni previsti per le formalità doganali.

Il gatto probabilmente, nel container ha trovato il modo di sopravvivere senza cibo né acqua anche se le sue condizioni sono ancora da determinare.

Gatto proveniente dalla Cina

potrebbe interessarti anche—>vaccinazioni gatto cosa combattono quando farli

Il gatto non sembra un micetto domestico e non si fa maneggiare facilmente. Per sottoporlo a degli esami più accurati andrebbe sedato ma data la malnutrizione i veterinari hanno deciso di aspettare.

A quanto riferito dalla repubblica.it il veterinario Fabio Maffioletti di Milano avrebbe asserito che “di certo avrà trovato qualcosa da mangiare tra i cartoni che costituivano il carico perché altrimenti sarebbe del tutto inspiegabile il fatto che sia sopravvissuto”.

“Quando è stato recuperato a Pioltello era allo stremo, riusciva a stento a trascinarsi. Per i primi giorni l’abbiamo alimentato con le flebo, ma ora si sta lentamente riprendendo e ha appena cominciato a mangiare da solo”.

Il piccolo micio che è stato soprannominato Il gatto Cina in questo momento è in isolamento in un gattile vicino Milano dove resterà lontano da tutti gli altri gatti per almeno 45 giorni o finché non saranno determinate le sue condizioni di salute.

Vaccini

Il piccolo Cina infatti non è provvisto delle certificazioni sanitarie per gli animali provenienti dall’estero e i medici dovranno aspettare la totale ripresa dell’animale per effettuare il trattamento vermifugo e i vaccini anti rabbia.

Una volta assicurate le condizioni sanitarie del piccolo Cina e accertata la reazione del suo organismo , si potrà pensare al futuro in Italia per la piccola creatura.

L.L.

potrebbe interessarti anche—>proprietari piu consapevoli dei diritti degli animali

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News. Se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI