Home Cronaca Giga ‘salvato’ dalla displasia all’anca: ora cerca una famiglia

Giga ‘salvato’ dalla displasia all’anca: ora cerca una famiglia

CONDIVIDI
Giga

Giga è un incrocio fra un corso e un mastiff, salvato, poco più di un anno fa, dai volontari LNDC di Ruvo di Puglia. Vagava affamato e spaventato in campagna quando venne salvato. Inoltre era affetto da una forma grave di displasia bilaterale dell’anca, per cui si è resa necessaria una serie di interventi con impianti di protesi prima a una zampa e poi all’altra. Per rendere fattibile tutto questo è stata necessaria una raccolta fondi.

Ora i volontari pugliesi ringraziano: “Grazie ai tanti cittadini, ai quali diciamo grazie di cuore, che hanno partecipato ad un raccolta fondi, Giga ha iniziato così il suo lungo percorso di guarigione. Prima un impianto, dopo sei mesi l’altro e poi tanta fisioterapia. Tutto è andato a gonfie vele e ora questo gigante buono e giocherellone non soltanto è guarito ma è in forma splendida. Ora però ha bisogno di una famiglia che lo accolga, gli faccia dimenticare le sofferenze dell’abbandono e della vita in strada e gli regali l’affetto che ogni creatura merita”.

Giga ora sta molto meglio, ma chiede di essere adottato: dall’indole mite, affettuoso con persone e bambini, non va d’accordo con i cani maschi e ha un’età presunta di 3-4 anni. Verrà affidato sterilizzato e vaccinato. Per informazioni sull’adozione, Enza 366.3641555 – enzacantatore@libero.it

La displasia bilaterale dell’anca è una delle malattie del sistema scheletrico più diffuse: è una malattia multifattoriale, poligenica ereditaria. Si tratta di un difetto di conformazione e di sviluppo dell’articolazione coxo-femorale con conseguente instabilità articolare. Le alterazioni morfofunzionali iniziano con la lassità articolare e si evolvono inducendo una progressiva deformità dei capi articolari che determinano degenerazione precoce della cartilagine articolare, dolore e inducono rapidamente l’instaurarsi di un’artrite con rapida evoluzione.

A inizio anno, la  pop star Justin Bieber è finito in una bufera mediatica dopo aver abbandonato il cucciolo di Chow Chow di sette mesi, di nome Todd che aveva adottato nel mese di agosto 2016. Il cane è stato adottato da un ballerino di Bieber, C.J. Salvador che non ha voluto abbandonare quel cucciolo: si è scoperto così che il cane aveva una displasia e per questo è stata aperta una campagna di crowdfunding.

“Abbiamo due possibilità farlo sopprimere (ma io mi rifiuto) o sottoporlo a una operazione chirurgica molto specializzata. Questa però costa intorno agli 8 mila dollari. Quindi vi chiedo umilmente di donare qualsiasi somma. Qualsiasi cosa sarà molto apprezzata”, aveva spiegato il ballerino nell’appello.