Home Cronaca Il blitz animalista contro Valfrutta

Il blitz animalista contro Valfrutta

CONDIVIDI

srriscione

La comunicazione odierna tende non solo a spettacolarizzare ma anche a banalizzare la realtà. Ecco perché un gruppo di animalisti dell’associazione Centopercentoanimalisti ha deciso di eseguire un vero e proprio blitz notturno presso la sede di Valfrutta a San Lazzaro di Savena che con uno spot dell’ultima campagna pubblicitaria televisiva mirata ai bambini, colpisce la dignità degli animali.

Nello spot pubblicitario viene esaltato il circo ecco perché sottolineano i militanti è stato “affisso uno striscione sui cancelli dell’azienda San Lazzaro di Savena, nel Bolognese con l’intenzione di contestare una pubblicità in onda sulle reti tv dedicate ai bambini in cui vengono rappresentati degli animali all’interno di un circo”.

L’associazione ricorda come “gli animali del circo sono strappati al loro ambiente e al loro modo di vivere naturale, ai rapporti coi loro simili, tenuti a vita in prigione e addestrati con la violenza”, per cui “presentare il circo come un paradiso popolato da animali felici è una grave contraffazione della realtà. È un’offesa alla dignità di esseri viventi e senzienti. È avallare la crudeltà di questo spettacolo ormai fuori del tempo”.

“Certo, a Valfrutta interessa solo vendere: ma anche la pubblicità dovrebbe avere un’etica”, hanno poi aggiunto gli animalisti.

In conclusione, Centopercentoanimalisti ha chiesto a Valfrutta di togliere lo spot e di fare un comunicato di condanna contro il circo con animali: “In caso contrario le nostre azioni di boicottaggio non si fermeranno e si allargheranno a tutti i rivenditori”, ha poi ammonito l’associazione.

 

Clicca qui per maggiori informazioni