Home Cronaca Il cinghiale terrorizzato finisce nel balcone di un’abitazione: viene ucciso vigliaccamente

Il cinghiale terrorizzato finisce nel balcone di un’abitazione: viene ucciso vigliaccamente

CONDIVIDI

cinghiale.jpg2

Sono immagini tristi, quelle girate a Burolo, nel Canavese, vicino a Ivrea, dove un cinghiale, inseguito da una muta di cani e che per salvarsi è riusciti a scappare, vicino ad un quartiere residenziale e a ripararsi nel balcone di un’abitazione. Nel filmato condiviso su youtube, si vede il povero animale, terrorizzato, in preda alla paura in balia dei cani e che, ad un tratto riesce a trovare una via di fuga.

Il cinghiale era in fuga tra diverse abitazioni dove è riuscito a mettersi in salvo. Ma per lui la condanna a morte era già stata scritta. Infatti, una donna e sua figlia hanno assistito alla scena, chiamando il sindaco della cittadina, Franco Cominetto, residente del quartiere e cacciatore esperto, il quale ha raggiunto le abitazioni e impugnando il proprio fucile ha abbattuto il povero animale di 40 chili senza pietà.

L’animale è stato poi recuperato dai cacciatori che erano impegnati in una battuta di caccia nei boschi della Serra, in prossimità dell’area ma il caso è rimbalzato sulle pagine dei quotidiani anche nazionali, evidenziando il pericolo della presenza dei cacciatori in prossimità delle abitazioni. Infatti, come riporta il quotidiano la Repubblica “sono arrivati anche i carabinieri che hanno ricostruito che cosa è successo ma non hanno preso provvedimenti nei confronti del primo cittadino”, in quanto anche se ha sparato in un luogo vietato, “lo ha fatto in veste di ufficiale di pubblica sicurezza e con un’arma regolarmente denunciata”.

“Per prima cosa ho avvertito i carabinieri, poi ho dovuto agire per salvaguardare l’incolumità dei miei cittadini. Ho chiamato i carabinieri, ma nell’attesa ho imbracciato il fucile e ho sparato al cinghiale solo dopo che era sceso dal balcone. L’ho fatto per tutelare la sicurezza dei miei cittadini. E poi io ho il porto d’armi e pure il permesso per andare a caccia”, ha dichiarato il Sindaco, ribadendo di aver agito nel pieno delle sue prerogative, per salvaguardare i propri concittadini dal potenziale pericolo causato dal cinghiale.

Molti quotidiani locali hanno evidenziato l’aggressività del cinghiale ma dal filmato emerge il contrario. Non a caso, sul tema è intervenuta l’Associazione Vittime della Caccia, la quale ha tenuto a precisare che l’animale non appariva di certo violento o aggressivo, bensì terrorizzato dai cani.

++ATTENZIONE IMMAGINI FORTI+++