Home Cronaca Lo sfogo di Isabella: “Nessuno rispetta il mio cane Elvis”

Lo sfogo di Isabella: “Nessuno rispetta il mio cane Elvis”

CONDIVIDI
Il cane Elvis

Una cittadina di Castelfiorentino, Isabella Giglio, ha voluto denunciare – con una lettera pubblicata da gonews – le violenze subite dal suo cagnolino Elvis, da parte di alcune persone: “Come amante e proprietaria di animali da affezione fin dall’infanzia, mi trovo a scontrarmi ultimamente con una realtà sempre più complessa che non mi permette di percorrere o passeggiare con il mio cagnolino indisturbata per tutte le vie del paese”.

Racconta la donna: “Non tutti possono dimostrare un’empatia, una sensibilità, una conoscenza specifica sull’argomento ma l’urgenza della mia richiesta di attenzione è rappresentata dal difficoltoso aggravarsi dello scambio interculturale, in quanto per alcuni ‘gli animali sono colpevoli di essere inferiori, e in quanto tali oggetto legittimo di violenza oppure ‘i cani sono uomini reincarnati bestie per punizione divina, per essere stati malvagi nella vita precedente’. Su questa convinzione la violenza verso gli animali, non solo è considerata normale, perfino dovuta, se non addirittura un gioco o un divertimento”.

Isabella Giglio ha proseguito: “Essendo donna, vengo pesantemente offesa insieme al cagnolino che accompagno, con una violenza sempre più crescente, tanto che per proteggere l’incolumità del mio cane e non trovarmi invischiata in spiacevoli alterchi, sono costretta ad evitare alcune zone del paese, così come altre donne che mi hanno riferito le rispettive esperienze”.

“Proprio i bambini sono addirittura incoraggiati ad agire violentemente contro gli animali” – spiega la proprietaria di Elvis – “Mi è capitato che un bambino spingesse in direzione del mio cane la bicicletta, prima di correre dalla madre; per pura fortuna si è evitato il peggio. Gruppi di soggetti che inveiscono contro la proprietaria di cani imponendole di andare via da luoghi pubblici e di non tornarci più”.

Il caso limite è avvenuto qualche giorno fa: “Un bambino corre per 10 metri per raggiungere il mio cane, che se ne stava pacificamente per i fatti suoi, e si mette a colpirlo. Ai giardini pubblici. Nessuno degli adulti che lo accompagnava ha tentato di impedirlo, né si è preoccupato di richiamarlo. Sono intervenuta immediatamente e ho evitato lesioni al mio piccolo Elvis, mentre il bambino si giustificava: ‘Ma è il cane’ come se picchiare un cane fosse perfettamente normale, perfino giusto”.

Isabella Giglio rimprovera il bambino: “L’ho sgridato dicendo che non si picchiano i cani. Non ho ricevuto scuse da parte degli adulti da cui era accompagnato il bambino, nessuno di loro si è preoccupato di chiedermi se il bambino avesse causato danni al cane, bensì sono stata intimidita da vari soggetti: una donna sulla settantina, una giovane e un uomo. Cacciata tra molte invettive e minacce. Quando ho risposto che ero libera di circolare dove volevo, e che se non mi avessero lasciata in pace avrei richiesto l’intervento delle forze dell’ordine, sono stata sbeffeggiata di chiamare pure, che tanto non avrebbero potuto fare niente, perché il bambino era libero di fare quello che voleva senza conseguenza alcuna in quanto bambino”.

La situazione resta tesa: “La madre ha minacciato in modo molto chiaro di prendere il cane a calci e buttarlo per strada. Così i Carabinieri alla fine li ho chiamati, ma mi è stato spiegato che non c’erano i presupposti per una denuncia, sebbene avrebbero provveduto a prendere le generalità dei soggetti coinvolti quando me ne fossi andata. E li ho chiamati anche in inverno, quando ho protestato con un altro, di bambini, perché faceva versi di scherno per impaurire il cane che stavo portando a passeggio. Senza la minima preoccupazione ha continuato la sua opera per suscitare le risa dei giovanotti che erano con lui”.

“Nessuno si è scusato, magari col pretesto che si trattasse solo di uno stupido scherzo infantile” – rileva infine la padrona del piccolo Elvis – “Tutt’altro: mi sono ritrovata oggetto di gravi insulti dall’intero gruppetto e – tanto per cambiare – l’ordine di andarmene via e di non tornare più lì. Per tutti questi motivi credo di aver ragione di chiedere come devo difendere i miei animali e me stessa in queste circostanze e chi sia l’autorità referente e in condizione di intervenire con prontezza ed efficacia in favore dei diritti degli animali e miei”.

Quello di Elvis non è un episodio isolato: decine sono i casi di maltrattamenti subiti da animali, in particolare da cani. Un episodio limite quello verificatosi qualche giorno fa a Corsico, nel milanese, dove un 55enne in un primo momento, aveva iniziato a lanciare oggetti dalla finestra di casa sua, quindi se l’era presa col suo cane, colpito per ben sette volte.

Drammatico anche il caso del cane di nome Nerone, molto noto a Capaccio Paestum, in provincia di Salerno in Campania, che è stato trovato agonizzante a terra, all’interno di un garage di un cittadino che lo stava ospitando per sottrarlo dalla strada. Il povero animale nonostante la tortura, il dolore e la sofferenza era riuscito a tornare nel suo rifugio. Inutile si è rivelata però la corsa dal veterinario.