Home Cronaca Madre abbandona cucciolo di capriolo toccato dagli umani

Madre abbandona cucciolo di capriolo toccato dagli umani

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:50
CONDIVIDI

Cucciolo di daino abbandonato dalla madre: era stato toccato dagli umani

cucciolo

L’educazione al regno animale è una componente fondamentale nella società. La cultura e la conoscenza degli animali, del loro linguaggio e della loro comunicazione sono necessari per una giusta interazione. E’ risaputo che i selvatici non accettano l’odore umano e si allontanano dagli esemplari che sono stati toccati dalle persone. Così si comportano soprattutto con i cuccioli. Se un cucciolo viene toccato da un umano, la madre di norma lo abbandona che sia un mammifero o un volatile.

Purtroppo, sono vane le campagne di sensibilizzazioni e gli avvisi delle direzioni dei parchi naturali o riserve che invitano il pubblico a non interferire con la fauna selvatica. C’è chi, come sempre, viola i limiti del buon senso, profittando di un incontro ravvicinato, ignorando le ripercussioni che si possono generare.

In ultimo, il caso registrato a Giaveno, nel Torinese, dove gli agenti della municipale hanno provveduto al recupero di un cucciolo di capriolo abbandonato dalla madre dopo che alcune persone lo avevano avvicinato e accarezzato nel bosco.

L’esemplare è stato trasferito al Canc-Centro animali non convenzionali di Grugliasco  e affidato alle cure dei veterinari.

La notizia è stata condivisa in un post pubblicato su facebook nel quale viene denunciato che “per ignoranza un altro animale morirà”.

“Questo cucciolo di capriolo è stato recuperato oggi dagli Agenti della Polizia Municipale di Giaveno e portato al C.A.N.C. di Grugliasco. L’intervento si è reso necessario in quanto il piccolo è stato toccato da persone (i dettagli sono insignificanti) e per questo la madre non lo ha più avvicinato. Lo abbiamo scritto e detto in tutti i modi ma evidentemente c’è ancora troppa gente ignorante che va in giro per i boschi senza un minimo di conoscenze ‘etologiche’. A causa dell’ignoranza, e forse dell’egoismo nel voler a tutti i costi accarezzare il bambi di disneyana memoria, un altro animale selvatico morirà o nella migliore delle ipotesi finirà in un centro di detenzione, senza poter fare la vita che la natura aveva scelto per lui- concludendo- I selvatici ringraziano il Coronavirus per aver regalato loro tre mesi di vita ‘normale’”

Interazione con fauna selvatica

La dolcezza del daino Facebook
La dolcezza del daino Facebook

La tutela della fauna selvatica è regolamentata dalla legge 157/1992 per cui viene ribadito che la “fauna selvatica è patrimonio indisponibile dello Stato ed è tutelata nell’interesse della comunità nazionale ed internazionale. Spetta allo Stato e alle regioni “mantenere o adeguare la popolazione della fauna selvatica a un livello corrispondente alle esigenze ecologiche, scientifiche e culturali, tenendo conto anche delle esigenze economiche, nonche’ ad evitare, nell’adottare i provvedimenti di competenza, il deterioramento della situazione attuale”. La legge stabilisce anche le attività di gestione e quelle venatorie per cui le Regioni hanno il dovere di “emanare norme relative alla gestione ed alla tutela di tutte le specie della fauna selvatica in conformità alla presente legge, alle convenzioni internazionali ed alle direttive comunitarie. Le regioni a statuto speciale e le province autonome provvedono in base alle competenze esclusive nei limiti stabiliti dai rispettivi statuti”. Nello specifico viene sottolineato che “solo su parere dell’Istituto nazionale per la fauna selvatica, possono autorizzare esclusivamente gli istituti scientifici delle università e del Consiglio nazionale delle ricerche e i musei di storia naturale ad effettuare, a scopo di studio e ricerca scientifica, la cattura e l’utilizzazione di mammiferi ed uccelli, nonché il prelievo di uova, nidi e piccoli nati”.

L’interazione con la fauna selvatica comporta numerose ripercussioni sia per l’uomo che per la sopravvivenza delle specie, tanto più se protette.

  • gli animali selvatici sono vettori di zoonosi (malattie trasmissibili) per l’uomo anche mortali
  • i selvatici, anche se addomesticati rimangono selvatici e quindi potenzialmente pericolosi per l’Uomo
  • l’interazione o la vicinanza con l’uomo può creare stress all’animale ed esporlo a pericoli (con la paura potrebbe fuggire ed esporsi a diversi rischi)
  • i selvatici perdono il loro istinto nel procacciare cibo e di pertanto l’interazione si rivela pericolosa per la sopravvivenza della specie
  • i cuccioli vengono allontanati se toccati dalle persone e pertanto condannati a una morte certa.

L’interazione con animali selvatici si deve basare sul rispetto dell’animale, limitandosi alla sua osservazione senza interferire con il suo habitat o nella sua struttura gerarchica. Per questo è fondamentale educare i bambini ad “avvicinarsi” alla Natura non sulla sua dominazione.

Lo stesso vale per quanto riguarda il soccorso di animali selvatici che siano orfani o feriti. Esistono organi preposti come Carabinieri forestali o Centri Cras ai quali rivolgersi in caso di ritrovamento di una specie selvatica.

  • Solo in alcuni casi si potrà intervenire: se l’animale è visibilmente ferito o deperito o dopo aver accertato che si tratta di un cucciolo rimasto solo.
  • Molte specie di uccelli ad esempio effettuano uno svezzamento a terra. Per cui viene ricordato che nella maggior parte dei casi, i giovani uccelli, se si trovano a terra ma in un ambiente non ostile, in base al loro comportamento: se compiono piccoli saltelli pur senza volare: si stanno semplicemente svezzando e non devono essere raccolti. Così come i cuccioli di mammifero se non sono feriti non vanno mai né raccolti né toccati.
  • Solo nel caso di pipistrelli o uccelli appartenenti a specie di rondini, rondoni, balestrucci e uccelli senza piume possono essere raccolti, indossando un guanto, ponendoli all’interno di una scatola bucata, ricoperti da un telo per non spaventarli per poi trasferirli in un cento di recupero fauna selvatica.

Infine in base all’art. 727 bis Codice penale è un reato uccidere, catturare o detenere esemplari appartenenti ad una specie animale selvatica protetta punibile con l’arresto fino a sei mesi o con l’ammenda fino a 4.000 euro. Inoltre, “chiunque, fuori dai casi consentiti, distrugge, preleva o detiene esemplari appartenenti ad una specie vegetale selvatica protetta è punito con l’ammenda fino a 4. 000 euro”.

Il cucciolo abbandonato dalla madre:

Ti potrebbe interessare–>

C.D.