Home Cronaca Salvataggio cani abbandonati sui balconi

Salvataggio cani abbandonati sui balconi

CONDIVIDI

cane balcone

A distanza di pochi giorni si sono registrati due simili interventi di salvataggio di cani abbandonati in balcone dai loro proprietari. Casi di incuria e maltrattamento che sono rimbalzati sulle pagine locali e nazionali.

A Novara, un cucciolo di dogo argentino, era stato lasciato in balcone, senza acqua e senza cibo e con i suoi guaiti aveva attirato l’attenzione di un passante che ha allertato la polizia locale. Sul posto sono giunti gli agenti che hanno constatato i fatti, allertando un veterinario competente affinché accertasse la necessità di un intervento. Il cane appariva palesemente infreddolito, indebolito e in uno stato di sofferenza. Dopo aver tentato di contattare più volte il proprietario senza esiti, gli agenti hanno deciso di recuperare il cane grazie alla collaborazione dei vigili del fuoco che con una scala hanno raggiunto il balcone. Il cane di colore bianco era un cucciolo di taglia grande e non ha creato problemi quando è sceso con il cestello il cane.

Dopo essere stato prelevato dai vigili, il cane è stato consegnato all’Enpa, mentre il proprietario rischia una denuncia per maltrattamento.

Stessa situazione registrata a Trapani dove un povero cane viveva da due mesi in un balcone di 2 metri quadrati, legato ad una catena di ferro di un metro e venti. Un vicino di casa, stanco di vedere quel cane in quelle condizioni ha diramato la notizia su Facebook, contattando Enrico Rizzi, capo della Segreteria nazionale del Partito animalista europeo che si è recato sul posto, nel quartiere popolare di Sant’Alberto per constatare i fatti.

Il cane era effettivamente  prigioniero nel balcone per cui è stato deciso un intervento. Sul posto sono intervenuti anche in questo caso due pattuglie della Polizia Municipale e  un responsabile del Servizio Veterinario di Trapani.

I proprietari sono stati denunciati per il reato di maltrattamento di animali, rischiano l’arresto fino a diciotto mesi ed una multa fino a 10 mila euro.

In questa occasione, il dirigente del Servizio Veterinario dell’ASP di Trapani, Roberto Messineo ha ricordato l’importanza della  partecipazione dei cittadini, sottolineando come “le vostre segnalazioni sono fondamentali per porre fine ad inutili sofferenze a cui sono spesso sottoposti gli animali per colpa della crudeltà umana. Non esitate a chiamare le forze dell’ordine quando assistete o siete testimoni di reati commessi a danno dei nostri amici animali”.

Di certo non si tratta di animali che hanno tutta la libertà in casa, compreso l’accesso al balcone. Ma di animali per i quali sono  state accertate condizioni di abbandono e maltrattamento.