Home Cronaca Serpenti pericolosi in commercio: Boa constrictor nella borsetta

Serpenti pericolosi in commercio: Boa constrictor nella borsetta

CONDIVIDI
serpenti pericolosi in commercio
Boa Constrictor

Serpenti pericolosi come Boa constrictor portati nella borsetta

Una specie killer che arriva fino a 4metri di lunghezza e 30 chili di peso. Proveniente da zone tropicali, il boa constrictor non ha veleno, ma una possente muscolatura con la quale uccide le sue prede per soffocamento e dei denti lunghi che usano per aggredire e difendersi.

Esistono due specie principali, tra cui il constrictor constrictor e il constrictor imperator.

Questo serpente di dimensioni notevoli si nutre di piccoli mammiferi, ma può arrivare a cibarsi anche di animali domestici, come cani e gatti.

Leggi anche–> Animali letali: bambini salvano cane dalla presa di un boa constrictor

Nonostante questi presupposti, il boa constrictor è una specie che viene commerciata anche in Italia e in rete. Con annunci di boa cuccioli a partire dai 40 euro come su Subito.it.

In Italia il boa necessita di un documento di accompagnamento chiamato CITES, questo perché è una specie in via di estinzione nella natura e come tale è protetto dalla Convenzione per la tutela del commercio internazionale.

Detenzione Specie protette

Tuttavia, il caso registrato al confine Italo-svizzero di Pizzamiglio è piuttosto imbarazzante e sconcertante e lascia intuire quanto il traffico illecito e internazionale di animali appartenenti a specie protette sia molto più diffuso di quanto si pensi.

A fine settembre, durante un controllo doganale di una macchina con targa svizzera, due cani da fiuto delle Guardie hanno individuato due serpenti boa Constrictor Imperator vivi nascosti nella borsetta di una donna.

Gli esemplari non erano stati dichiarati. Ecco perché le guardie di confine si sono messe in contattato con l’Ufficio della sicurezza alimentare e di veterinaria (USAV) a Berna che ha richiesto un deposito cauzionale.

Gli esemplari sono stati lasciati in custodia alla donna che tuttavia non potrà venderli, regalarli o commercializzarli.

Un fenomeno piuttosto raccapricciante che si ripercuote sulle stesse istituzioni. Infatti, negli ultimi anni sono aumentati gli abbandoni anche di queste specie pericolose, lasciate nei pressi dei cassonetti come meri rifiuti.

Leggi anche–>Boa Constrictor trovato libero nel bosco: è stato abbandono. L’animale morto per gravi lesioni

C.D.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI