Home Cronaca Trova cane ucciso nel bagagliaio dell’auto: “E’ stato qualcuno che ci conosce”

Trova cane ucciso nel bagagliaio dell’auto: “E’ stato qualcuno che ci conosce”

CONDIVIDI
FOTO – screenshot YouTube

Episodio shock quello avvenuto a Donoratico, in provincia di Livorno, dove un uomo ha rinvenuto il corpo senza vita di una cane all’interno del bagagliaio della sua auto. Il povero animale era un Pastore Maremmano femmina di soli 3 anni chiamato Elga, che con tutta probabilità è stato investito ed ucciso da un veicolo di passaggio. I proprietari sono rimasti profondamente scossi da quanto avvenuto e hanno comunque deciso di non sporgere denuncia. Il tutto è successo mercoledì scorso, nel più totale silenzio visto che nessuno pare essersi accorto di nulla.

Un membro della famiglia ha comunque postato su Facebook un duro messaggio di sfogo nel quale si può leggere: “Donoratico è quel paese in cui ti ammazzano il cane davanti casa e invece di prendersi la responsabilità dell’accaduto ed affrontare la situazione te lo depositano nel portabagagli della macchina! E’ quindi evidente che chi l’ha fatto sapeva di chi fosse il cane…una vicenda che evidenzia indifferenza e mancanza di dignità…Per il resto spero che ha chi l’ha investito non gli si sia graffiata la macchina, lo so, un cane scappato di casa è incontrollabile! L’incidente è avvenuto in via Fermi-via delle Rose che è una strada chiusa. Chiunque abbia visto qualcosa può venire a chiarire, in modo da portare un pò di umanità, e magari il responsabile trovasse e il coraggio di affrontare la realtà, sarebbe un segnale di civiltà notevole!”.

La via dove è avvenuto questo brutto fatto non ha ulteriori sbocci, è chiusa ed è popolata da altri animali domestici. Elga nella loro fattispecie non era un cane che faceva segnalare comportamenti molesti o pericolosi: docile, tanto amorevole, non abbaiava quasi mai e non dava fastidio a nessuno. La proprietaria afferma che lo sfortunato quattrozampe veniva lasciato libero di raggiungere la casa di una vicina a pochi metri di distanza per poi tornare indietro, una abitudine che era diventata la prassi quotidiana e che alla fine le è risultata fatale. I segni di un veicolo che ha travolto la povera Elga sono ben visibili sul suo corpo, e non ci sono dubbi che chi l’ha investita la conoscesse. Adesso stanno investigando i carabinieri. A Donoratico, specialmente nel periodo estivo, si sono verificati frequenti episodi di uccisioni di cani negli ultimi anni, tanto da far segnalare la presenza di un serial killer di quattrozampe.

Poco lontano, all’Isola d’Elba, è accaduto qualcosa di diametralmente opposto, per fortuna.