Home Cronaca Vigevano, scoperto ladro di cani: un chihuahua è morto sbranato

Vigevano, scoperto ladro di cani: un chihuahua è morto sbranato

CONDIVIDI

Li aveva rubati e poi nascosti nel sottotetto di una palazzina a Vigevano. Erano detenuti in un luogo angusto e in condizioni precarie. Il povero cagnolino, un chihuahua è morto dopo essere stato aggredito da un meticcio, nel quale era stato messo.
Il nascondiglio è stato scoperto dalla polizia locale. Un tunisino di 28 anni è stato denunciato per furto con violenza e morte di animale a causa di maltrattamenti. Dopo una serie di segnalazioni è scattato un controllo e un’indagine da parte della polizia. Al termine di una lite, dopo un ennesimo furto, quello di un chihuahua, di cui la proprietaria accusava H. R. B, il tunisino, la polizia si è recata per un controllo sul luogo indicato e hanno scoperto un luogo, il sottotetto dove vi erano due recinti creati con reti metalliche e assi di legno. La polizia ha accertato che vi erano custoditi due cani, tra i quali un meticcio e un boxer di nome Luna dei quali i proprietari avevano denunciato il furto, oltre che il piccolo chihuahua ormai privo di vita.

Stesso destino riservato al piccolo chihuahua che purtroppo era nel recinto con il meticcio che lo ha sbranato mentre il boxer era in un altro recinto. I cani sono stati restituiti ai loro rispettivi proprietari. Anche per il boxer fortunatamente, grazie ad un egiziano amico del tunisino che aveva visto maltrattare il cane, è stato restituito alla proprietaria che aveva lanciato un appello sui social.

Vicende sconcertanti che riportano in primo piano fenomeni ormai noti e denunciati dalle associazioni: quello del dognapping, ovvero furti dei cani per chiedere il riscatto e quello dei furti di cani di razza che vengono poi sfruttati negli allevamenti lager. Fatti davvero raccapriccianti che colpiscono gli affetti delle persone e mettono in pericolo la vita di piccole creature indifese. Possiamo solo immaginare il dolore e il terrore di questi poveri animali, strappati dalla loro casa e dall’amore dei proprietari, per essere maltrattati in luoghi ostili.