Home Curiosita Vuoi adottare un rettile? L’Associazione PETA ha un messaggio per te

Vuoi adottare un rettile? L’Associazione PETA ha un messaggio per te

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:27
CONDIVIDI

Secondo l’Associazione che si occupa di salvaguardare i diritti degli animali, adottare un rettile potrebbe essere la scelta peggiore che tu possa fare.

Adottare un rettile
Adottare un rettile: potrebbe essere la scelta più sbagliata che compi (Foto Unsplash)

Immagina soltanto per un momento di vivere nel luogo più bello del mondo. Magari sei un bambino ancora, e stai insieme ai tuoi genitori che si prendono cura di te, ti amano e ti nutrono, offrendoti tutto quello di cui puoi avere bisogno. Loro sanno che cosa ti serve, poiché ti conoscono e anche perché sono simili a te. La tua vita è serena, piena di pace e tutte le cose vanno come dovrebbero. Poi all’improvviso succede qualcosa di tremendo, che disttuggerà il tuo mondo per sempre. I tuoi genitori vengono uccisi o portati via: in ogni caso, tu non sai più che fine abbiano fatto. Qualcuno ti rapisce, portandoti molto, molto lontano dalla tua dimora. Questa persona ti vende a un’altra persona, che ti vende a un’altra ancora. E tu, che sei senza una casa, adesso sei trattato peggio che una merce, ridotto a dormire dove capita, specialmente dentro una scatola (quando ti va bene). La gente che incontri ti nutre sì, ma non si prende davvero cura dei tuoi bisogni. Questi non sanno parlare la tua lingua, non puoi comunicare a nessuno di loro come ti senti. Non hai nessuno con cui fare amicizia. Nessuno che possa annullare quel senso estremo di solitudine che ti annienta, giorno per giorno. E finalmente ti fermi. Conosci qualcuno che ha deciso di darti un posto fisso dove stare, che ti tiene al calduccio e ha studiato nottate intere per sapere di cosa necessiti. Purtroppo, qualsiasi cosa questo “genitore adottivo” ti dà non assomiglia neppure lontanamente a quello che hai perso. Dal momento che non esiste ragione alcuna che giustifichi ciò che ti è capitato, sei condannato a vivere il resto dei tuoi giorni con la malinconia per la nostaglia delle cose di un tempo.

Se ti stai chiedendo perché adottare un rettile è sbagliato (almeno secondo l’Associazione PETA), sappi che ti sei appena messo nei panni di uno di questi animali. I rettili sono selvatici: dunque, il loro destino è ben diverso dal vivere in compagnia degli esseri umani. Se non sei convinto, continua a leggere questo articolo e scopri cosa dice la PETA al riguardo.

Adottare un rettile potrebbe essere la scelta peggiore che tu possa fare, secondo PETA

Adottare un rettile
Adottare un rettile: la PETA è contraria (Foto Unsplash)

Vorresti ancora un serpente, una lucertola o una tartaruga se sapessi con quale probabilità sarebbero morti entro un anno? Si stima che fino al 75% dei rettili “da compagnia” muoiano entro il primo anno nella casa di una persona. I rettili sono animali sensibili che richiedono cure specializzate, ma sono venduti come merce inanimata a persone che spesso li acquistano d’impulso, con poca o nessuna conoscenza della loro cura adeguata e delle esigenze speciali di spazio, calore, umidità, illuminazione, prede vive, e altro ancora.

Numerosi studi dimostrano che, come tutti gli altri animali, i rettili possono provare ansia, stress, angoscia, eccitazione, paura, frustrazione, dolore e sofferenza. I serpenti sono madri amorevoli e protettive che non lasciano i loro piccoli fuori dalla vista per tre settimane dopo la loro nascita. Le lucertole hanno personalità individuali, proprio come cani e gatti: alcuni sono timidi, mentre altri sono audaci. Nel loro habitat naturale, molti rettili amano nuotare, arrampicarsi, saltare, scavare e esplorare i loro territori, che vanno da circa un miglio quadrato a centinaia di miglia quadrate. Ai rettili tenuti come “animali domestici” per il divertimento umano vengono negati questi piaceri essenziali, relegati in vite prive di gioia o significato.

Animali esotici in vendita: l’orrore della verità

Adottare un rettile
Adottare un rettile: il commercio di animali esotici dovrebbe essere illegale (Foto Unsplash)

La sofferenza di questi animali inizia molto prima che finiscano sugli scaffali dei negozi di animali. Indagini sotto copertura della PETA hanno rivelato abusi e abbandono dilaganti nelle aziende che trasportano e vendono rettili “da compagnia”. Alla US Global Exotics, uno dei più grandi venditori di animali esotici della nazione a distributori che a loro volta riforniscono negozi di animali, tra cui Petco e PetSmart, l’investigatore di PETA ha trovato animali confinati in gabbie sterili e cassonetti per mesi alla volta, negando le necessità di base come il cibo, acqua, aria e spazio adeguati, habitat adeguato, controllo della temperatura e dell’umidità e cure veterinarie. Alcuni animali erano morti per malattia, malnutrizione e mancanza di cure. I malati venivano gettati nei congelatori orizzontali per sopportare una morte lenta e terrificante.

Lucertole, tartarughe e altri animali venivano spediti da tutto il mondo a “Rettili da Mack”, un altro fornitore di PetSmart, in bottiglie di plastica, brocche di latte e casse di legno. Decine di migliaia di animali in questa struttura sono stati tenuti in bidoni di plastica affollati, senza calore o lampade UV, cibo fresco o acqua. L’acquisto di qualsiasi animale da un negozio di animali supporta questi fornitori crudeli e garantisce che continueranno a sfruttare gli animali.

È crudele prendere un serpente come animale domestico?

Adottare un rettile
Adottare un rettile: i serpenti nell’habitat sbagliato soffrono (Foto Unsplash)

Nel loro habitat naturale, i serpenti si scaldano al sole, si rinfrescano scavando sottoterra, arrampicandosi sugli alberi e nuotando con grazia. Sono animali sensibili che provano angoscia e traumi quando sono costretti a vivere in una vasca di vetro angusta. Devono essere in grado di allungarsi per tutta la lunghezza. Hanno anche bisogno di esercizio e spazio per muoversi: un pitone che era stato dotato di un dispositivo di localizzazione ha viaggiato per ventidue miglia in settantacinque giorni.

Aziende come Zoo Med, Zilla ed Exo Terra vendono custodie e kit per serpenti a Petco, PetSmart e Walmart, che pubblicizzano come “appropriati” o “ideali” ma che non lo sono. Ad esempio, alcuni habitat (che non sono altro che acquari rimaneggiati) sono così piccoli che i serpenti non possono estendersi completamente, anche se gli esperti di rettili sottolineano che essere in grado di raddrizzare completamente è essenziale per la loro salute e benessere e che coloro che non sono in grado di farlo sono suscettibili di stress, lesioni e malattie. Alcune aziende, come Zoo Med, raccomandano anche negligentemente habitat che sono solo “metà della lunghezza del serpente”. Molte persone acquistano serpenti solo per rendersi conto che non sono in grado di soddisfare le esigenze estese e costose di questi animali. Di conseguenza, molti serpenti vengono scaricati ogni anno o scappano a causa di cure improprie. Altri vengono abusati e uccisi: in Florida, un boa constrictor di sei piedi è morto dopo essere stato trovato in un bidone della spazzatura con un cranio schiacciato. Le autorità della Florida organizzano anche gare annuali di uccisione di pitoni e invitano cacciatori inesperti a uccidere i serpenti usando pistole a spruzzo, armi da fuoco o decapitazione, che possono causare una morte prolungata e angosciante.

Cosa c’è di sbagliato nell’adottare una lucertola?

Adottare un rettile
Adottare un rettile: le lucertole non vogliono stare con gli esseri umani (Foto Unsplash)

Le lucertole hanno personalità complesse e bisogni fisici e sociali specifici. Senza un’adeguata cura, molti soffrono di gravi e dolorosi problemi di salute, tra cui malattie metaboliche ossee da carenza di calcio, marcescenza della bocca, malattie respiratorie, ascessi e ulcere. Questi animali sensibili mostrano spesso la loro angoscia e il desiderio di essere liberi strofinando il naso contro le finestre di vetro dei recinti.

Le persone acquistano spesso iguane quando sono piccole, senza rendersi conto che possono crescere fino a 6 piedi di lunghezza e vivere per 20 anni e che prendersi cura di loro può costare centinaia di dollari all’anno. Come per i pitoni, molte persone abbandonano questi animali quando la loro novità svanisce e inizia la realtà della cura di loro. Le popolazioni di iguana nel sud della Florida sono aumentate dagli anni ’60, quando sono state introdotte come animali domestici esotici. Le autorità hanno risposto cercando di ucciderli: la città di Miami Beach, ad esempio, ha assunto un servizio di caccia per uccidere le iguane che stavano solo cercando di sopravvivere dopo essere state scartate crudelmente dai loro proprietari.

E riguardo alle tartarughe “domestiche”?

Adottare un rettile
Adottare un rettile: le tartarughe sono specie protette (Foto Unsplash)

Negli Stati Uniti, la maggior parte delle specie autoctone di tartarughe vendute nei negozi di animali domestici sono state strappate dalle loro case e famiglie in natura. Quando le tartarughe crescono più del previsto, vengono spesso scaricate illegalmente all’aperto in aree in cui si ammucchiano specie autoctone e introducono malattie. I cursori con le orecchie rosse sono le specie di tartarughe più comunemente vittime dell’industria “animale domestico”. Nel loro habitat naturale, queste tartarughe possono vagare fino a 5,5 miglia dall’acqua per trovare l’habitat adatto, cercare un compagno o deporre le loro uova – ma mantenute come animali domestici, sono spesso relegate in acquari o vasche anguste e sterili che sono interamente inadeguato per le loro esigenze.

Non sono in grado di godere di piaceri naturali o di seguire il loro istinto e di solito muoiono giovani in cattività, spesso dopo solo circa un anno, invece di vivere fino a settant’anni nel loro habitat naturale.

Da qualche parte del mondo, è legale avere un alligatore come cucciolo?

Adottare un rettile
Adottare un rettile: gli alligatori sono in pericolo (Foto Unsplash)

I coccodrilli e gli alligatori sono animali complessi e sensibili che non dovrebbero mai essere tenuti come “animali domestici”. Nelle loro case naturali, gli alligatori madri proteggono le loro uova dai predatori restando vicino a loro fino alla schiusa. Se alcune uova impiegano troppo tempo a schiudersi, le fa rotolare delicatamente in bocca per aiutarle ad aprirsi. Porta in bocca i suoi bambini appena nati e insegna loro a nuotare.

La prigionia semplicemente non è in grado di soddisfare le esigenze di questi animali e chiunque comprerà un alligatore o un coccodrillo sarà sicuramente sopraffatto dalle dimensioni enormi che raggiungono. E sebbene possano avere un aspetto “duro”, questi animali sono altamente sensibili allo stress e possono sviluppare anomalie e deformità dolorose dal vivere in piccoli recinti dove non sono in grado di camminare o nuotare a volontà.

Malattie comune nei rettili che possono essere letali per gli esseri umani

Adottare un rettile
Adottare un rettile: potrebbero trasmetterci malattie che ancora non conosciamo (Foto Unsplash)

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) e la Food and Drug Administration mettono in guardia contro il mantenimento di rettili “da compagnia”, a causa dell’elevato rischio di contrarre la salmonella potenzialmente mortale. Tartarughe, lucertole e anfibi possono trasportare batteri della salmonella sulla loro pelle e conchiglie, e possono essere trovati negli recinti degli animali. I batteri possono essere trasmessi semplicemente trattenendoli, pulendo i loro recinti in un lavandino, permettendo loro di camminare su pavimenti o superfici, o permettendo ai bambini di toccarli e poi toccare la propria bocca.

Le cifre del CDC indicano che in un solo anno, più di 200 persone sono state infettate dalla salmonella e il 41% di loro aveva meno di 5 anni. L’infezione da Salmonella porta a diarrea, febbre, mal di stomaco, nausea, vomito e mal di testa e può essere mortale per bambini, anziani e persone con condizioni mediche. Le indagini della PETA sulle strutture di allevamento di alligatori e coccodrilli hanno dimostrato che questi animali sono tenuti in condizioni stressanti e antigieniche e la pandemia di coronavirus ci ha insegnato che gli animali stressati tenuti in cattività hanno maggiori probabilità di portare malattie.

Sia che i rettili siano allevati come animali domestici, per la loro carne o per la loro pelle, è chiaro che le condizioni sporche e affollate in cui sono confinati sono motivi di malattia.

Vuoi adottare un rettile? Non farlo!

Portare un rettile nella tua famiglia è un enorme impegno di tempo, spazio e risorse. Questi animali hanno esigenze estremamente complesse che possono essere soddisfatte solo lasciandoli rimanere nel loro habitat naturale. Per favore, non acquistare mai rettili dagli allevatori. Ciò supporta industrie che sono piene di crudeltà, in cui gli esseri senzienti vengono strappati dai loro ecosistemi unici o allevati in miseri magazzini e trattati come prodotti usa e getta. Invece di relegare uno di questi animali sensibili a una vita di privazione e sofferenza, prendi in considerazione l’adozione di un altro tipo di animale – come un cane, un gatto o un coniglio – che può prosperare se adeguatamente curato in un ambiente domestico umano.

Potrebbe interessarti anche:

Simona Strani