Home Curiosita Antiparassitario su animali domestici: istruzioni per usarlo in sicurezza

Antiparassitario su animali domestici: istruzioni per usarlo in sicurezza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:35
CONDIVIDI

Adesso, una cosa importante che dovresti sapere è come utilizzare (e se) l’antiparassitario su animali domestici. Siamo pronti a rispondere alle tue domande.

Antiparassitario su animali domestici
Antiparassitario su animali domestici: tutte le info da avere (Foto Adobe Stock)

I parassiti sono una delle principali cause di malessere negli animali, soprattutto quando arriva il caldo, ossia nella stagione estiva, e questi esseri infestanti diventano ancora più aggressivi del solito. Purtroppo, non c’è alcun modo per prevenire totalmente l’attacco di questi esseri. Zanzare, zecche e pulci proveranno in tutti i modi ad attaccarsi al corpo del tuo animale, perché è così che si nutrono e possono sopravvivere. L’unico modo che hai per evitare che questo succeda e che tu abbia problemi molto più gravi da risolvere, è acquistare dei prodotti farmacologici, su consiglio del veterinario, che possano impedire all’insetto di mordere il tuo Fido, il tuo micio, il tuo uccelletto domestico o qualsiasi altro animale domestico tu abbia in casa con te. 

Applicare l’antiparassitario su animali domestici potrebbe essere la soluzione sì, ma questo non vuol dire che l’utilizzo di questi prodotti non abbia dei rischi, sia per gli animali che per gli altri membri della famiglia. Sì, gli antiparassitari contengono dei principi attivi che sono pericolosi per gli esseri umani, motivo per cui quando questi vengono applicati dalle persone è sempre bene che esse siano protette con guanti. Inoltre, dopo l’applicazione, dal momento che il cane o il gatto o chiunque altro non deve essere sottoposto a bagni fino a quando il prodotto non avrà sortito il suo effetto, è necessario che il cucciolo stia alla larga dai bambini, che altrimenti potrebbero toccarlo o addirittura abbracciarlo. Meglio evitare ogni rischio di avvelenamento. 

Adesso, però, vediamo più nel dettaglio cosa sono gli antiparassitari per animali domestici, perché sono fondamentali e come si utilizzano.

Potrebbe interessarti anche: Antiparassitario sul cane: come si applica? Tutto ciò che bisogna sapere

L’antiparassitario su animali domestici: cos’è e perché è indispensabile la sua applicazione

Antiparassitario su animali domestici
Antiparassitario su animali domestici: contro zecche, pulci, zanzare e molto altro (Foto Adobe Stock)

I parassiti sono organismi che si nutrono di (ectoparassiti) o all’interno (endoparassiti) di altri animali. Pulci e zecche sono i trasgressori più noti, ma sono solo una parte del quadro. Altri parassiti comuni includono acari, pidocchi, filari e una moltitudine di parassiti intestinali e altri.

Il danno causato dai parassiti alla salute di un animale domestico può variare da lieve irritazione a condizioni gravi che, se non trattate, possono essere fatali. I parassiti rappresentano anche una minaccia per la salute umana. Alcuni parassiti degli animali domestici causano infezioni zoonotiche, il che significa che possono essere trasferiti dagli animali domestici alle persone.

Considera le pulci, gli ectoparassiti più comuni su cani e gatti. Questi insetti succhiatori di sangue non solo causano dermatite ma portano e trasmettono malattie ad altri animali e persone, come la tenia Dipylidium caninum e la batterica Bartonella, la causa della Bartonellosi, nota anche come malattia da graffio di gatto. Chiaramente, le pulci sono più di un semplice fastidio.

Informazioni utili sulle zecche

Le zecche sono ugualmente sinistre per le pulci. Causano irritazione o infezione nel sito in cui si attaccano alla pelle dell’animale e sono secondi solo alle zanzare come vettori di malattie umane. I cani possono avere infestazioni sporadiche con poche zecche o massicce infestazioni che causano anemia, perdita di peso e persino la morte. Ad esempio, il segno di spunta della paralisi (Ixodes holocylcus) trovato in Australia e il segno di spunta della stella solitaria (Amblyomma americanum) trovato negli Stati Uniti, producono una tossina che può causare paralisi. In molte aree, le zecche portano Babesia (un protozoo che causa Babesiosi o Piroplasmosi), Borrelia (un batterio che causa la malattia di Lyme) ed Ehrlichia (rickettsia che causa Ehrlichiosi e Anaplasmosis) e altri organismi che possono rappresentare gravi minacce per il cane e la salute umana.

Pericolo di mosche di sabbia nelle aree boschive

Un’altra grande preoccupazione è la leishmaniosi canina, una malattia parassitaria spesso fatale trasmessa dal morso di mosche di sabbia infette. Nonostante il nome, le mosche di sabbia si trovano generalmente nelle aree rurali o boscose piuttosto che nelle spiagge. Diverse forme cliniche di leishmaniosi si trovano in oltre ottanta paesi, sebbene non tutte le forme utilizzino il cane come ospite. La leishmaniosi canina si trova nell’Europa meridionale, nel Medio Oriente, nel Nord Africa, in America Latina e in alcune parti del Messico, dell’America centrale e in alcune parti dell’Asia, come la Cina nord-occidentale.

Zanzare fastidiose che portano la malattia del filaria

Le punture di zanzara possono essere pericolose per i cani perché possono essere vettori di una grave malattia parassitaria chiamata filaria o filariasi. La cardiopatia si manifesta praticamente in tutte le parti degli Stati Uniti e in molte parti del Canada, nonché nell’Europa meridionale e nei tropici. È il parassita comune più grave per i cani perché sollecita il cuore del cane limitando il flusso sanguigno e può danneggiare altri organi interni. Se non trattata, la malattia può essere fatale. Fortunatamente, gli esseri umani sono ospiti innaturali di filari, quindi i casi di infezione umana sono rari.

Potrebbe interessarti anche: Antiparassitario sul gatto: come si applica? Tutto quel che c’è da sapere

L’antiparassitario su animali domestici: un metodo a seconda della specie del nostro cucciolo

Antiparassitario su animali domestici
Antiparassitario su animali domestici: non sono prodotti sempre sicuri (Foto Adobe Stock)

Il modo più affidabile per prevenire i parassiti negli animali domestici è attraverso un programma di controllo per tutto l’anno, su misura per le esigenze di ogni animale domestico specifico. Specie, razza, età, comportamento e ambiente sono tutti fattori che contribuiscono al livello di rischio del tuo animale domestico. Se hai diversi animali domestici nella tua casa, la loro prevenzione dovrebbe essere rivista in modo indipendente e non applicata in tutta la famiglia.

Sebbene questo sia il modo più efficace per prevenire la contaminazione, non è affatto infallibile. Dovresti familiarizzare con i segni e i sintomi e soprattutto chiedere sempre al tuo veterinario di fiducia cosa applicare nel caso in cui tu riesca ad accorgerti che in effetti qualcosa non va.

Ecco le cose da fare:

  • Visita regolarmente il tuo veterinario e stabilisci un programma di controllo dei parassiti per tutto l’anno basato sui fattori di rischio specifici per te e il tuo animale domestico.
  • Il preventivo del tuo animale domestico varierà in base a dove vivi e alla probabilità che vengano a contatto con specifici parassiti. Ad esempio, il tuo veterinario potrebbe suggerire che il tuo animale ha una probabilità molto bassa di imbattersi in un verme o catturare pulci e fornire un’opzione alternativa a un animale domestico che vive altrove. Per questo motivo è importante dire al veterinario se viaggerete o vi trasferirete in modo che il vostro programma di controllo dei parassiti possa essere rivisto e modificato, se necessario.
  • I prodotti da banco non sono sempre sicuri o efficaci. Discuti i migliori prodotti per il tuo animale domestico prima di spendere soldi e chiedi al tuo veterinario quali sono le sue opzioni da banco preferite.
  • I rimedi naturali non funzionano e possono rendere il tuo animale domestico suscettibile a problemi più gravi.
  • I prodotti non devono essere condivisi tra le specie poiché i livelli di dosaggio e la suscettibilità differiranno.
  • È importante vedere il veterinario non appena si notano i sintomi di un parassita per aiutare il tuo animale domestico a ricevere cure e impedire che si diffonda ad altri animali.

Antiparassitario per il cane

Antiparassitario su animali domestici
Antiparassitario su animali domestici: quello adatto ai cani (Foto Unsplash)

Spesso le soluzioni che contengono sostanze contro i parassiti sono contenute dentro a delle speciali fialette che è possibile trovare nei negozi per animali domestici. Le fialette devono essere applicate sul cane almeno una volta al mese, a partire dal primo mese caldo dell’anno (in genere, ad aprile o maggio) fino alla fine dell’estate, ossia nel periodo in cui i parassiti, come pulci, zecche e zanzare sono più infestanti. 

L’anti parassitario sul cane va messo in vari punti lungo la sua spina dorsale, quindi sulla schiena, direttamente a contatto con la sua pelle (dovrai alzargli bene il pelo) e affinché faccia effetto è necessario evitare di fare il bagno al cane subito prima e subito dopo l’applicazione del prodotto. 

Antiparassitario per il gatto

Antiparassitario su animali domestici
Antiparassitario su animali domestici: quello adatto ai gatti (Foto Unsplash)

L’antiparassitario sul gatto deve essere applicato almeno una volta al mese durante la stagione calda, ossia dalla fine della primavera, fino alla fine dell’estate, quando i parassiti che possono attaccare e mordere il nostro micio sono particolarmente infestanti: è importante che venga messo regolarmente, precisamente ogni trenta giorni, perché faccia effetto. 

La fialetta va applicata direttamente sulla pelle del gatto, che non deve essere bagnato né prima né dopo il suo utilizzo, nella zona costale, in un punto che il micio non possa raggiungere con la lingua, poiché se si leccasse, potrebbe subire le conseguenze di un avvelenamento per via di questo prodotto.

Antiparassitario negli uccelli

Antiparassitario su animali domestici
Antiparassitario su animali domestici: quello adatto agli uccelli (Foto Unsplash)

Come i mammiferi, anche gli uccelli domestici possono essere vittime di parassiti, quali acari e pidocchi. La prima cosa da fare per salvaguardare il tuo cucciolo alato è, naturalmente, quella di tenerlo sempre ben pulito. Le cure igieniche sono la base per garantirgli una vita sana e senza pericoli. 

Inoltre, esistono degli spray appositi da utilizzare, oltre che altri generi di prodotti pure in polvere (ma noi consigliamo lo spray, perché è il migliore e più facile da applicare). Lo spray da comprare è quello specifico per la specie. Se non lo trovi in un normale negozio per animali, sarebbe il caso che consultassi il tuo veterinario: ti saprà indicare quale prodotto acquistare.

Potrebbe interessarti anche: Come prendersi cura della tartaruga domestica: consigli per la sua salute

Antiparassitario nei conigli

Antiparassitario su animali domestici
Antiparassitario su animali domestici: quello adatto ai conigli (Foto Unsplash)

Se hai un coniglio a casa, sappi che neanche lui è totalmente immune dai parassiti, anzi: in commercio potrai trovare anche degli antiparassitari buoni da somministrare al tuo roditore, a patto che siano specificatamente indicati per la sua specie. Quelli indicati, infatti, hanno anche un foglietto illustrativo che dovrebbe spiegare nel dettaglio le modalità in cui esso andrebbe applicato. Nel caso in cui tu non trovassi esattamente quello che ti serve, l’unica soluzione è quella di contattare il tuo veterinario di fiducia e farti spiegare da lui, passo passo, come comportarti. 

Sappi che gli antiparassitari per cani e per gatti hanno un principio attivo che può risultare assai dannoso per la salute del tuo coniglio: quindi, non fare lo sbaglio di utilizzare queste fialette al posto di quelle prettamente indicate per il tuo roditore.

Antiparassitario nelle tartarughe

Antiparassitario su animali domestici
Antiparassitario su animali domestici: quello adatto alle tartarughe (Foto Unsplash)

Per i rettili non esistono in commercio farmaci autorizzati specifici per prevenire i parassiti. I principali che di solito attaccano la tartaruga sono le zecche. Queste si possono nascondere sotto le zampe o tra le pieghe della sua pelle: quindi, se l’animale non si esamina bene, è difficile accorgersi della loro presenza. L’unica cosa da fare in questi casi, oltre a contattare il prima possibile il veterinario per fissare una visita, è quella di staccare con cura le zecche dalla pelle della tartaruga con una pinzetta e poi disinfettare per bene l’area morsa.

Simona Strani