Home Curiosita Come insegnare al parrocchetto a parlare in 10 semplici mosse o poco...

Come insegnare al parrocchetto a parlare in 10 semplici mosse o poco più

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:27
CONDIVIDI

Esistono almeno dieci semplici cose che puoi fare per insegnare al parrocchetto a parlare. Ti sembrerà strano, ma è meno difficile di quello che pensi.

Insegnare al parrocchetto a parlare: più semplice del previsto (Foto Unsplash)

Una delle cose che più divertono e danno conforto ai proprietari di uccelli domestici come il parrocchetto o il pappagallino è il fatto che essi riescono a interagire con gli umani addirittura utilizzando la comunicazione. Beh, più che vera e propria comunicazione, parliamo di una trasmissione di voci, sebbene non sia detto che in qualche modo, ripetendo determinate frasi, i pappagalli non intendano informarci di qualcosa o appunto costruire un rapporto con i loro genitori adottivi umani.

Può sembrare, a prima vista, una cosa assai complicata o che richieda chissà quanto tempo. In realtà, se seguirai i nostri consigli, in breve tempo sarai in grado di insegnare al parrocchetto a parlare. In modo fluente? Forse no. Ma ti assicuriamo che il risultato sarà esilarante.

Insegnare al parrocchetto a parlare: non ti scoraggiare al primo tentativo, ma segui le nostre idee

Insegnare al parrocchetto a parlare
Insegnare al parrocchetto a parlare: basta essere meticolosi (Foto Unsplash)

Tutte le specie di pappagalli hanno l’anatomia necessaria per imitare il linguaggio umano o “parlare”. Questo è uno degli attributi che rende seducenti i pappagalli e sicuramente li distingue dalle altre specie animali da compagnia. Mentre tutti i pappagalli possono parlare in teoria, alcuni sono imitazioni migliori di altri e alcune specie hanno maggiori probabilità di parlare. Alcuni dei nostri pappagalli hanno un “accento” o parlano in linguaggio meccanico, specialmente veloce o a malapena comprensibile. Se hai un pappagallo femmina o un pappagallino / parrocchetto, è molto improbabile che il tuo uccellino parlerà affatto.

Ecco alcune idee su come insegnare al tuo uccello domestico a parlare.

Vuoi che il parrocchetto impari a parlare?

Insegnare al parrocchetto a parlare
Insegnare al parrocchetto a parlare: può essere utile in tanti modi (Foto Unsplash)

È molto probabile che un uccello domestico parli, se è una specie naturalmente vocale ed è ancora giovane. Inoltre, è molto probabile che il tuo uccello domestico parlerà, se sei una persona verbale o esso vive con una famiglia molto loquace. Infine, se il tuo uccello domestico parla già o imita i suoni, allora hai buone probabilità di insegnargli parole.

Alcune delle specie di uccelli domestici che parlano prontamente includono i pappagalli grigi africani del Congo e i pappagalli grigi africani di Timneh, i pappagalli amazzonici a doppia testa gialla e i pappagalli amazzonici a pelo giallo, i pappagalli Eclectus e i parrocchetti dal collo ad anello indiani. Degli ara, l’ara blu e oro parla più prontamente. Tra i cacatua, gli occhi nudi e il petto rosa sono spesso loquaci.

I racconti sono grandi chiacchieroni, se riesci a fornire loro la loro dieta al nettare. I pappagalli africani di Poicephalus, come il Senegal e quelli di Meyer, possono imparare a parlare, anche se le loro voci non sono facili da capire. Lo stesso vale per i pappagalli Pionus, di cui il Pionus del Maximillian parla più chiaramente. Ho conosciuto caicchi che parlavano bene. Alcuni parrocchetti di erba possono parlare e il pappagallino maschio può imparare letteralmente centinaia di parole. I calopsitta maschi possono imparare alcune parole, specialmente mentre sono ancora giovani.

Qualcuno di questi pappagalli potrebbe parlare o potrebbe non parlare affatto. Ho conosciuto grigi praticamente silenziosi e talvolta seduto per un cacatua moluccano che è insolitamente verbale. Con i nostri pappagalli, l’abilità di parlare è un bonus non scontato. Vale la pena lavorare con il tuo uccello domestico sulla sua capacità di parlare. Tieni presente che anche un uccello domestico che non parla può comunicare e comprendere le tue parole.

Il tuo uccellino può imparare a parlare. È molto probabile che impari a parlare da te. Gli studi condotti negli anni ’90 sulle vocalizzazioni degli uccelli selvatici hanno mostrato che i giovani uccelli hanno imparato una lingua conosciuta da altri uccelli dopo aver lasciato il nido. Nelle nostre case diventiamo un gregge di uccelli domestici e le vocalizzazioni che apprende potrebbero quindi includere la nostra lingua, così come imparerebbe una lingua di gregge in natura.

L’interazione sociale è necessaria affinché un uccello domestico impari a parlare. Non avrai molto successo solo lasciando che i media giochino con frasi ripetute. Il tuo uccellino imparerà le parole che gli dici, specialmente se le parole riguardano cibo, un bagno, la tua presenza o sono dette con entusiasmo.

Quali possono essere le sue prima parole?

Insegnare al parrocchetto a parlare
Insegnare al parrocchetto a parlare: bisogna iniziare con cose semplici (Foto Unsplash)

Gli uccelli da compagnia imparano le parole associate alle cose che desiderano più facilmente. Assegna un nome agli alimenti che nutri al tuo uccello domestico, ad esempio. Inizia a insegnargli la differenza tra “banana”, “mela” e “arancia” o tra “seme” e “noce”. Puoi farlo con il tuo uccellino anche se non risponde. Il Pionus reagisce quando dici “nocciola”, o qualsiasi altro cibo che sia una delle sue delizie preferite. Quando il tuo uccellino inizia a emettere un suono o un’intonazione da remoto come una di queste parole, dagli come ricompensa il cibo e dì la parola che pensi stia dicendo.

Puoi anche associare le parole alle tue azioni. Di’ Ciao e arrivederci, mentre entri e esci di casa. agli uccelli da compagnia piace la compagnia e impareranno rapidamente “ciao”, “vieni” e “cosa stai facendo?” usato quando entri per la prima volta in una stanza. Di’ arrivederci ogni volta che parti, e usa anche le stesse parole quando copri la gabbia ogni notte. Di’ ad esempio notte, notte, buona notte o è ora di andare a letto. È probabile che il tuo uccellino raccoglierà quelle frasi.

In che modo bisogna procedere di preciso?

I pappagalli imparano anche parole che dici con entusiasmo molto facilmente, ecco perché un uccello domestico può ripetere un’esclamazione o un linguaggio volgare dopo averlo sentito solo una volta, ignorando la parola educata che stai cercando di insegnare. È incredibile quanti uccelli domestici possano dire “stai zitto”, “stai zitto” o “ahi”. Puoi imparare due cose da questo: a) Guarda la tua lingua intorno al tuo uccellino! È probabile che tu raccolga frasi da te, indipendentemente dal fatto che tu le insegni di proposito o meno; b) Quando vuoi che un uccello domestico impari a dire qualcosa, dillo con entusiasmo, ad alta voce, eccitato e ad alta voce. Varia la tua voce, ma usa la stessa parola. Questo rende l’apprendimento del dire “uva” molto eccitante e memorabile.

Come si distinguono i suoni sconclusionati da veri tentativi di comunicazione?

Insegnare al parrocchetto a parlare
Insegnare al parrocchetto a parlare: forse sta tentando di dirti qualcosa (Foto Unsplash)

Quando un uccello domestico apprende per la prima volta una nuova parola o frase, generalmente non parla chiaramente. Emozionarsi quando un uccello domestico sembra imitare qualcosa che stai dicendo ripetendolo all’uccello domestico. I primi borbottii sono proprio questo, borbottii o fischi con un’inflessione come il linguaggio, o borbottio che è flesso come il discorso, anche se le parole non sono chiare.

La donna il cui parrocchetto Puck era l’uccello domestico più parlante nel “Guinness dei primati” del 1995, in realtà registrò le chiacchiere del suo parrocchetto e lo rallentò per sentire le parole che diceva. I parrocchetti generalmente parlano in tono alto e molto velocemente. Quello che pensi di essere il chiacchiericcio di un pappagallino potrebbe in realtà essere parole. Ascolta attentamente e considera la possibilità di registrare e rallentare il suo discorso.

Può imparare altre parole?

Gli uccelli da compagnia imparano gli uni dagli altri. In natura un uccello imparerebbe la lingua del gregge dai suoi compagni di gregge. Nelle nostre case, i compagni di gregge sono vari quanto il cane di famiglia, tu, i tuoi coinquilini o la tua famiglia e gli altri uccelli domestici della famiglia. Gli uccelli domestici possono imparare a dirsi l’un l’altro di stare zitti, di salutarsi per nome … o di usare tutti lo stesso nome.

Qual è “l’aula” migliore per insegnare al parrocchetto a parlare?

Insegnare al parrocchetto a parlare
Insegnare al parrocchetto a parlare: necessario trovare il momento e il posto giusto (Foto Unsplash)

Se hai intenzione di insegnare al tuo uccello domestico una vocalizzazione come comportamento appreso, senza alcuna relazione con un’azione o una ricompensa, allora scegli un posto tranquillo in cui lavorare e metti il ​​tuo uccello domestico su un supporto a T. Riduci al minimo le distrazioni. Ripeti più volte una frase come grazioso uccello e premi il tuo uccellino per qualsiasi vocalizzazione, poi alla fine per quella corretta.

Se stai insegnando a un uccello domestico a salutare, a salutare o a dare un nome a un regalo, il tuo uccello domestico potrebbe trovarsi nella sua gabbia o su una bancarella. Se un uccello domestico impara a nominare un cibo come “noce” o “seme” o “mela”, assicurati di premiarlo con il cibo appropriato.

Qual è l’orario di “lezione” migliore?

Va bene lavorare con il tuo uccellino in qualsiasi momento del giorno e, di fatto, più volte al giorno. Prendi l’abitudine di parlare con il tuo uccellino come se fosse un bambino piccolo. Parla di ciò che sta succedendo e di ciò che stai facendo, e in particolare di ciò che interessa al tuo uccello domestico.

Il parrocchetto può scordare ciò che impara?

I formatori chiamano il processo di un comportamento che sta scomparendo “estinzione”. Se un comportamento, come dire una parola, non è rafforzato, di solito scompare. Il tuo uccello domestico potrebbe dimenticare una parola o una frase se non reagisce ad essa e se gli smetti di dirlo da solo. D’altra parte, gli uccelli sembrano avere lunghi ricordi. Se vuoi indietro una vecchia frase, potresti aiutare il tuo uccellino a ricordarla.

E se lui non fa che ripetere la stessa frase ancora e ancora?

Puoi promuovere l’estinzione della frase logora non reagendo ad essa. Non guardare l’uccellino, non rispondere verbalmente o ripetere la frase. Prova ad aggiungere una parola rispondendo con una nuova parola ogni volta che il tuo uccello domestico dice quello vecchio. Potresti iniziare a sussurrare un’altra parola, che molti uccelli domestici trovano piuttosto irresistibile, oppure potresti iniziare un duetto con il tuo uccello domestico. Gli uccelli sono musicali e duetto allo stato brado. Lascia che il tuo uccellino prenda parte e canti un’altra parola fino a quando non entra nel repertorio.

E ancora una volta, nominare le cose per il tuo uccello domestico è un buon modo per aggiungere una parola al suo vocabolario.

In che modo può aiutare insegnare al parrocchetto a parlare?

La cosa meravigliosa di parlare è che è un’esperienza che puoi condividere con il tuo pappagallo, indipendentemente dal livello di familiarità. I pappagalli sono vocali e sociali. Usa questi tratti per iniziare a interagire in modo positivo con un pappagallo selvatico. Probabilmente ti farà sentire meglio con il tuo uccello domestico. Parla dall’altra parte della stanza, dai un nome alle prelibatezze e parla mentre entri e esci dalla stanza. Cantare con il tuo pappagallo non richiede un’intonazione perfetta (non devi avere lo stesso talento di Beyoncé, in pratica). Certo, se sei intonato, questo non guasterà affatto.

Potrebbe interessarti anche:

Simona Strani