Home Curiosita Le curiosità più stravaganti sul cervo d’acqua cinese (o “cervo vampiro”)

Le curiosità più stravaganti sul cervo d’acqua cinese (o “cervo vampiro”)

Ecco la guida ai fatti e le curiosità più stravaganti che riguardano un animale tanto bello quanto assurdo: il cervo d’acqua cinese (anche detto “vampiro”).

Cervo d'acqua cinese
Cervo d’acqua cinese: una delle creature più strane al mondo (Foto Adobe Stock)

Esistono al mondo creature talmente strane e curiose che in confronto quelle delle favole suscitano meno sgomento. Non esiste animale fantastico più straordinario di quelli viventi e la prova sta nel fatto che gli stessi Pokemon, bestie ed esseri eccezionali generati dalla mente di Hidenori Kusaka, sono ispirati ad animali rari che vivono sul nostro pianeta, insieme a noi, e dei quali (almeno per quanto riguarda una parte di essi) non conosciamo neppure l’aspetto o dove si trova il loro habitat.

Uno di questi animali selvatici inconsueti è il cervo d’acqua cinese, anche chiamato da chi lo ha visto “cervo vampiro”. Non è una frottola, sappiamo che può sembrarti assurdo: i cervi vampiro esistono realmente e tu non puoi neanche lontanamente immaginare perché si chiami così in realtà: eh no, non è Dracula versione Bambi (pensa a qualcosa di più creativo ma realistico per arrivare alla soluzione del mistero). Appena scoprirai un po’ sul conto di questa tenera bestia asiatica, te ne innamorerai. Certo, sarai anche parecchio sconvolto, ma la sensazione sarà più positiva che negativa, te lo promettiamo.

Quindi, ecco tutto quello che c’è da sapere sul cervo d’acqua cinese.

Cervo d’acqua cinese: tutti i fatti interessanti che lo riguardano e ti lasceranno a bocca aperta

Cervo d'acqua cinese
Cervo d’acqua cinese: è anche chiamato “cervo vampiro” (Foto Adobe Stock)

Originario sia della Corea che della Cina, il cervo d’acqua cinese ha affascinato gli umani per secoli. Sono talmente bizzarri questi animali (dalle nostre parti non si vedono creature simili) che molte persone strabuzzano per svariate volte gli occhi, quando vedono per la prima volta una foto di queste bestie pelose con le zanne.

Se guardi un po’ più da vicino, tuttavia, ti renderai conto che i denti prominenti e le orecchie arrotondate sono tra le cose meno appariscenti e strane che ha il cervo d’acqua cinese, e non è poi così spaventoso come potrebbe sembrare.

Vive una vita davvero interessante, eccitante e, purtroppo, come specie semi-minacciata. Sei pronto per saperne di più su una delle creature più strane della natura? Allora continua a leggere.

1. Che aspetto ha il cervo d’acqua cinese?

I cervi d’acqua sono creature pelose a quattro zampe che, da lontano, assomigliano molto ai cervi normali. Ma una volta regolato l’ingrandimento del binocolo, le loro differenze diventeranno evidenti.

Per cominciare, non hanno le corna. Né i maschi né le femmine. Il loro nome latino si traduce persino in “senz’armi” (le corna servono ai cervi appunto per proteggersi).

I loro corpi sono più spessi e più robusti di quelli dei normali cervi. I cervi acquatici possono sembrare decisamente grossi rispetto ai loro cugini.

Ciò ha più a che fare con la loro struttura corporea rispetto al loro peso, tuttavia. Hanno potenti zampe posteriori che sono più lunghe delle loro zampe anteriori, quindi i loro fianchi sono sollevati ad un angolo più alto rispetto alle loro spalle.

Ultimo ma certamente non meno importante, i cervi acquatici hanno denti anteriori prominenti che sporgono dalla loro mascella. Questi sono comunemente chiamati “zanne”, ma in realtà sono solo dei canini molto lunghi.

2. Qual è la differenza con quello coreano?

Cervo d'acqua cinese
Cervo d’acqua cinese: come quello coreano, ma più grande (Screenshot Instagram)

Esistono due sottospecie di cervo d’acqua. Il primo, l’Hydropotes inermis inermis, vive in Cina. Il secondo, l’Hydropotes inermis argyropus, vive in Corea.

C’è davvero poca o nessuna differenza tra le razze. Il cervo d’acqua coreano potrebbe essere un po’ più bruno-rossastro dell’originale e caratteristico marrone che solitamente contraddistingue il manto di questa specie; e prove aneddotiche suggeriscono che potrebbero essere un po’ più piccoli, ma questo è tutto. Tecnicamente, la loro composizione genetica è la stessa.

3. Può correre?

Sì e no. I cervi d’acqua possono muoversi molto velocemente sulla terra, ma non non sono in grado di correre realmente. Più che altro saltellano molto velocemente, grazie alla potenza delle loro gambe posteriori.

4. Può nuotare?

Sì. I cervi acquatici adorano l’acqua e possono nuotare per diverse miglia prima di stancarsi. Questo è uno dei motivi per cui si sono diffusi in varie isole coreane e cinesi; non hanno problemi ad attraversare i confini acquosi.

5. Si può incontrare in località non asiatiche?

Cervo d'acqua cinese
Cervo d’acqua cinese: non corre, ma saltella (Screenshot Instagram)

Nonostante siano originari dell’Asia, i cervi acquatici hanno anche preso residenza in Francia, Argentina, Inghilterra e in alcune zone degli Stati Uniti.

Furono importati per la prima volta in Gran Bretagna nel 1870 e, tra fughe, trasferimenti e programmi di riproduzione, riuscirono a popolare diverse aree oltremare.

6. Si tratta di una creatura aggressiva?

Sebbene non sia ostile all’uomo, i cervi acquatici possono diventare abbastanza violenti verso gli altri membri della loro specie.

I maschi sono altamente territoriali e hanno diversi modi per contrassegnare il loro territorio:

  • Profumeranno un’area contrassegnata con una combinazione di urina e feci
  • Scaveranno anche trincee e si strofineranno la testa su alberi, rami e tronchi per diffondere il loro profumo
  • Alcuni addirittura morderanno canne e rami per contrassegnare visivamente il loro territorio

I maschi combatteranno anche contro le femmine, durante la stagione degli amori.

Usano i loro denti lunghi e duri come arieti, e cercano di pugnalarsi e graffiarsi a vicenda con i bordi affilati.

È abbastanza comune vedere cervi acquatici selvatici con orecchie strappate o cicatrici sui loro volti, per colpa della loro vita assai violenta (ma sapete come si dice: Prima regola del Fight Club, non parlare del Fight Club).

Le femmine non si cimenteranno in battaglie dominanti, ma non sono esattamente dei fiorellini delicati. Prima e dopo il parto, inseguiranno altre femmine fuori dal loro territorio per garantire la consegna sicura dei loro cerbiatti. Mai pungolare una donna incinta o che ha appena messo al mondo un cucciolo: non esiste al mondo creatura più assassina, se messa nelle condizioni, di una mamma.

7. Esistono rituali di combattimento tra esemplari dello stesso genere?

Sì. Quando due maschi sono impegnati in una battaglia di dominio, si avvicinano l’un l’altro in modo lento e rigido, prima di girarsi per camminare in linea parallela per valutare l’avversario.

Un maschio potrebbe decidere che il combattimento non valga la pena, e si girerà e fuggirà mentre l’altro lo insegue con rumori acuti.

Se decidono di andare avanti con la lotta, è allora che escono le zanne e le orecchie si lacerano. La buona notizia è che i combattimenti sono raramente fatali.

Un maschio alla fine si sottometterà all’altro appoggiando la testa e il collo a terra, e il vincitore gli permetterà di andarsene senza ferirlo ulteriormente.

8. Perché è chiamato “cervo vampiro”?

Potresti sentire il soprannome di “cervo vampiro” per il cervo acquatico, e la ragione è esattamente quella che pensi: i loro lunghi canini appuntiti.

Su un cervo acquatico rilassato, questi denti non sono motivo di allarme: inclinano verso il basso con i loro punti acuti rivolti verso il suolo.

Su un cervo acquatico minacciato o territoriale, tuttavia, li vedrai tirare indietro le labbra e sporgere i denti come una specie di arma a doppio taglio.

Può essere uno spettacolo piuttosto scioccante e capace di spaventare parecchio. Non ce lo aspetteremmo mai da un viso così coccolone.

9. Perché il cervo d’acqua cinese possiede le zanne?

Questa è un’ottima domanda e la risposta è molto semplice: non lo sappiamo. I cervi d’acqua sono erbivori, quindi non hanno bisogno delle zanne appuntite per strappare via la carne delle prede. E preferiscono fuggire dai predatori piuttosto che affrontarli frontalmente, quindi le zanne non sono un’arma difensiva. Sono usati solo per battaglie dominanti tra maschi.

Tutti i cervi d’acqua hanno le zanne, ma non tutti i cervi con le zanne sono cervi d’acqua. C’è anche una specie chiamata cervo muschiato, che sembra abbastanza simile al cervo d’acqua e possiede anch’essa lunghi canini appuntiti.

Ci sono anche specie come il muntjac e il cervo trapuntato che non assomigliano affatto al cervo d’acqua, ma condividono le stesse zanne.

Nei maschi, le zanne possono raggiungere fino agli otto centimetri di lunghezza, ma di solito restano a cinque o sei centimetri in media.

Le femmine hanno zanne molto più piccole. Misurano solo un centimetro circa.

10. Il cervo d’acqua morde?

I cervi d’acqua non mordono davvero. Anche quando combattono contro altri maschi, usano le zanne per pugnalare e affettare piuttosto che mordere.

I loro denti sono riservati a cose come masticare foglie o rompere rami per segnare il loro territorio.

11. Quanto è grande?

I cervi d’acqua sono animali relativamente piccoli. Misurano in lunghezza solo circa settanta centimetri e le loro spalle arrivano all’altezza di cinquanta centimetri.

Alcuni cacciatori affermano che la sottospecie coreana è più piccola di quella cinese, ma questo non è stato verificato da nessuna parte. A tutti gli effetti, entrambe le specie hanno le stesse dimensioni.

Il cervo acquatico medio pesa tra i nove e i quattordici chilogrammi.

12. Da dove prende il suo nome?

Cervo d'acqua cinese
Cervo d’acqua cinese: un vero caso di nomen omen (Screenshot Instagram)

I cervi acquatici prendono il nome dal loro habitat preferito. Vivono vicino a fiumi, ruscelli, paludi, sorgenti e altre fonti d’acqua, quindi era probabilmente inevitabile che si chiamassero così.

Per quanto riguarda il loro nome scientifico, Hydropotes inermis, proviene da due lingue separate:

  • Hydropotes è greco e deriva dalle parole húdōr (“acqua”) e potḗs (“l’atto del bere”).
  • Inermis è latino e significa “disarmato” o “indifeso”. L’etimologia di questa parola ci dice che le sue radici sono in (“senza”) e arma (“armatura”). Si riferisce al fatto che i cervi d’acqua non hanno corna.

Ogni sottospecie di cervo d’acqua ha il suo nome scientifico:

  • Cervo d’acqua cinese – Hydropotes inermis inermis
  • Cervo d’acqua coreano – Hydropotes inermis argyropus

I cervi acquatici sono talvolta noti come “cervi vampiri” e “cervi con zanne”. Tuttavia, questi soprannomi possono essere applicati ad altre specie di cervi con la stessa caratteristica (non sono pochi), quindi non dare per scontato che ogni cervo vampiro sia un cervo d’acqua. Le persone potrebbero, ad esempio, riferirsi a un muntjac o un cervo muschiato.

13. Qual è la differenza con il cervo muschiato?

Potrebbero sembrare gemelli separati alla nascita, ma i cervi d’acqua e i muschiati appartengono a specie completamente separate, ciascuna con la propria classificazione scientifica. I cervi acquatici sono membri della famiglia dei cervidi, mentre i cervi muschiati appartengono alla categoria Moschidae.

I cervi acquatici e i cervi muschiati condividono molte somiglianze:

  • mancano le corna
  • hanno le zanne
  • sono piccoli e tozzi

Le differenze sono più importanti, tuttavia, e sono le seguenti:

  • I cervi acquatici sono originari della Cina e della Corea, mentre i cervi muschiati si trovano principalmente in Himalaya.
  • I cervi d’acqua si avvicinano alle fonti d’acqua, mentre i cervi muschiati non hanno paura di avventurarsi in campi e montagne.
  • I cervi muschiati sono anche in possesso di una ghiandola profumata grande e pesante che pende sotto i genitali ed è molto preziosa sul mercato nero.

I cervi acquatici a volte vengono uccisi dai cacciatori che sperano di catturare un cervo muschiato e non si rendono conto di aver preso l’animale sbagliato.

14. Quanti tipi di cervi con le zanne esistono in natura?

Esistono molti tipi di cervi con le zanne allo stato brado, tra cui:

  • Cervo d’acqua
  • Cervo muschiato
  • Cervo trapuntato
  • Mutjac

Inoltre, ci sono un certo numero di sottospecie. Sai già dei cervi d’acqua coreani e cinesi.

Ma c’è anche una buona mezza dozzina di varietà di cervo muschiato, tra cui il cervo muschiato nano, il cervo muschiato nero e il cervo muschiato dal ventre bianco.

15. Il cervo d’acqua cinese è un animale socievole?

Cervo d'acqua cinese
Cervo d’acqua cinese: si tratta di un animale poco incline alla compagnia (Screenshot Instagram)

No. I cervi d’acqua sono creature solitarie che si uniscono solo per l’accoppiamento, e i maschi, in particolare, sono molto territoriali nella loro zona, quindi non apprezzano i visitatori indesiderati.

Le femmine sono leggermente più accoglienti e talvolta piccoli gruppi di femmine coesistono nella stessa area, ma questi legami rimangono superficiali.

Se arriva un predatore, fuggiranno in direzioni separate (della serie “chi pensa a sé fa per tre”).

È noto che le femmine cacciano altre femmine prima e dopo il parto per assicurarsi che l’area sia sicura per i cerbiatti.

16. Qual è la sua aspettativa di vita?

I cervi acquatici vivono in media dai dieci ai dodici anni. Gli studi suggeriscono che hanno una durata di vita più lunga in cattività che in natura, come molte altre specie animali.

17. Chi sono i suoi predatori?

I cervi acquatici sono vulnerabili ai grandi carnivori come leopardi, volpi, orsi e cani procione. I giovani cerbiatti possono anche cadere vittime di uccelli e donnole. In pratica, non sanno proprio come difendersi.

18. Come si difende?

Nonostante la loro aggressività reciproca, i cervi acquatici non cercano combattimenti con altre creature. I loro denti semplicemente non sono delle armi abbastanza efficaci per difendersi dagli animali grandi e carnivori, e loro lo sanno.

Quando un predatore è vicino, si nasconderanno tra le alte canne della riva del fiume o decolleranno in un volo disperato per sfuggire al pericolo.

Una cosa interessante dei cervi d’acqua è che emetteranno un suono di avvertimento per gli altri esemplari della loro specie che sono a portata di orecchio, quando un predatore si avvicina. Lo fanno anche se sono creature solitarie che non trascorrono molto tempo l’una con l’altra.

Quindi, nel momento del reale bisogno, i cervi d’acqua non sono del tutto egoisti. Suoneranno l’allarme per tutti quando un leopardo vaga nel loro territorio.

19. Rischia di estinguersi?

 

Visualizza questo post su Instagram

 

My necks victim is not a cat! 🙀I’ve never seen a Chinese water deer before, so I have to share. #yourewelcome 📷 @sallybradshawphotography

Un post condiviso da Cat Vampires (@catfangsofinsta) in data:

Il cervo d’acqua è inserito nell’elenco ufficiale degli animali vulnerabili all’estinzione dall’International Union for the Conservation of Nature (IUCN).

Nonostante ciò, sono spesso cacciati come trofei e sono considerati un fastidio in alcuni villaggi e province a causa del danno che possono fare alle fattorie. Il governo coreano offre persino una taglia per l’uccisione di cervi d’acqua, durante la stagione del raccolto.

Un tempo i cervi d’acqua cinesi erano abbondanti, ma si stima che ne restino solamente circa diecimila allo stato brado.

I cervi d’acqua coreani sono stati studiati molto meno delle loro controparti cinesi, quindi non ci sono numeri previsti per la loro popolazione.

20. Qual è la minaccia più grande per il cervo d’acqua?

Il più grande pericolo per i cervi d’acqua è la perdita del loro habitat. Ogni volta che qualcuno costruisce una diga, abbatte una foresta o appicca un incendio, quest’azione ha effetti a catena sull’ecosistema del cervo d’acqua.

Ad esempio, potrebbero esserci meno piante da mangiare o meno vegetazione da nascondere quando arriva un predatore. Il loro fiume preferito potrebbe allagarsi o prosciugarsi e costringerli a spostarsi in un posto nuovo.

Anche gli umani sono una minaccia per i cervi d’acqua. Sono stati cacciati per secoli perché il loro aspetto particolare li rende un premio decisamente unico.

E, come accennato in precedenza, il governo coreano li considera un fastidio durante la stagione agricola e offre una ricompensa monetaria a chiunque possa sbarazzarsene.

Sono anche uccisi per la loro carne, per utilizzare alcune loro parti come farmaci contro determinate malattie e per molti altri scopi culturali.

21. Di cosa si nutre?

Cervo d'acqua cinese
Cervo d’acqua cinese: segue una dieta strettamente vegana (Screenshot Instagram)

I cervi acquatici non hanno interesse per la carne. Sono vegani convinti ed estremisti.

I cervi d’acqua sgranocchieranno di tutto, dalle erbe alle canne. A loro piacciono le erbe, i fiori, le foglie, i cespugli, gli arbusti, i muschi e i licheni. Alcuni sono stati persino osservati mentre mangiavano salici e robinia.

22. Si tratta di un animale notturno?

Sono più attivi al crepuscolo, ma i cervi d’acqua non sono veramente notturni. A loro piace solo la copertura dell’oscurità, quando cercano cibo o si occupano dei loro bambini.

La classificazione effettiva sarebbe “animale crepuscolare”.

Si basano principalmente sull’olfatto piuttosto che sulla vista, quindi non sono disturbati dall’impossibilità di vedere durante la notte.

23. I cervi d’acqua stanno insieme per la vita?

No. Quando si tratta di cervi d’acqua, i maschi sono lì solo per la copulazione; non hanno alcun interesse per la mamma o tantomeno per il bambino. Non sorvegliano le femmine durante la gravidanza e non partecipano all’educazione dei figli dopo averli fatti.

I cervi d’acqua sono praticamente i peggiori padri del Regno Animale.

24. Come funziona la loro gravidanza?

Le femmine di cervo acquatico rimangono incinte per circa duecento giorni. O vagheranno lontano da territori affollati o inseguiranno tutti gli sbandati nella loro area prescelta.

Quando è il momento di partorire, scelgono un posto sicuro e appartato che è nascosto da erbacce o boschetti, e i bambini rimarranno lì per diverse settimane. La mamma li lascerà solo quando avrà bisogno di cercare cibo.

I giovani cervi acquatici sono chiamati “cerbiatti”, proprio come per le altre specie di cervi. Sono mammiferi, quindi si nutrono del latte materno fino a quando non sono abbastanza grandi per mangiare cibo solido. Questo richiede circa due mesi.

Ci sono un paio di cose interessanti da notare sull’aspetto dei cerbiatti dei cervi d’acqua:

  • Non nascono con le zanne. Le zanne iniziano a svilupparsi tra i sei e i sette mesi, ma non raggiungeranno la dimensione completa fino a quando il cervo avrà diciotto o addirittura ventiquattro mesi. Le zanne sono anche semi-vuote fino a quando le loro radici non si formano del tutto.
  • La loro pelliccia si forma nei primi mesi di vita. Questo è un meccanismo di difesa naturale per mimetizzarli tra le erbacce e le canne dei loro luoghi di nascita. La loro pelliccia si scurirà in un colore sempre più denso, mentre invecchiano.

Si dice che i cervi d’acqua selvatici possano dare alla luce fino a sei o sette cerbiatti alla volta, ma sono molto meno fertili in cattività. Di solito producono soltanto due o tre cerbiatti negli zoo.

25. Quali malattie trasmette?

Gli studi sui cervi acquatici coreani catturati hanno dimostrato la presenza di agenti patogeni correlati al virus della diarrea virale bovina (BVDV). Sebbene questi non siano pericolosi per l’uomo, possono essere fatali per il bestiame se il cervo inizia a invadere le fattorie, contaminare le riserve d’acqua e diffondere le loro feci nelle esposizioni territoriali.

È anche possibile che i cervi acquatici possano trasportare qualcosa chiamato malattia da deperimento cronico o “malattia dei cervi zombi”. È stato trovato nei cervi selvatici negli Stati Uniti, in Canada, Norvegia e Corea del Sud. E, sebbene non sia stato specificamente collegato al cervo d’acqua, è possibile che varie specie di cervi possano trasmetterselo l’un l’altro.

In pratica, se mai dovessi vedere un cervo zombi, corri.

26. Qual è il suo valore nella cultura cinese o asiatica?

Le persone non soltanto li cacciano perché li considerano come premi e doni, ma i cervi d’acqua producono anche colostro dopo il parto.

Il colostro è un tipo speciale di latte ricco di proteine ​​e anticorpi, quindi ha molti usi in tutto, dalle medicine popolari agli integratori di super alimenti.

I cervi d’acqua sono anche comunemente confusi con i cervi muschiati, un’altra specie di cervo con le zanne. Sul mercato nero, le ghiandole profumate del cervo muschiato possono valere fino a quarantacinque mila dollari al chilogrammo. Sono usati nei profumi, nelle medicine e persino in pozioni afrodisiache: per questa ragione sono molto richiesti.

I cacciatori fanno sempre così: prima sparano e poi si fanno le domande. Questo vuol dire che hanno il grilletto facile, quando avvistano delle zanne.

27. Dove vive?

I cervi d’acqua sono originari della Cina e della Corea. In Cina, si trovano lungo il fiume Yangtze e le coste della provincia di Jiangsu, e c’è una popolazione considerevole sulle isole dello Zhejiang.

In Corea, si trovano in tutto il paese tranne che nelle grandi città come Seoul. Esistono anche popolazioni più piccole e non autoctone sparse in Europa e negli Stati Uniti.

Come il loro nome suggerisce, i cervi d’acqua adorano vivere vicino all’acqua. Si attaccano a fiumi, ruscelli e paludi e si dirameranno verso praterie o aree boschive solo se nelle vicinanze c’è una fonte d’acqua.

Sono abili nuotatori, quindi non hanno paura di fare un tuffo. Tendono a nascondersi nelle erbacce della riva quando arrivano i predatori.

Se sei incuriosito dalle lunghe zanne e dalle soffici code dei cervi d’acqua, il posto più semplice per vederli è lo zoo.

Sebbene non siano così comuni come i leoni o le tigri, puoi comunque trovarli in varie località del mondo.

Individuare un cervo d’acqua in natura è uno sforzo molto più duro. I cacciatori lo fanno, ma sono addestrati a rilevare cose come rami spezzati e segni di profumo. E questi sono spesso i soli segni che il cervo d’acqua si lascia lungo la strada. Potresti aver bisogno dell’aiuto di una guida naturalistica per osservare queste creature nel loro habitat naturale.

Potrebbe interessarti anche:

Simona Strani