Home Curiosita I Draghi sono esistiti e la Scienza ne dà la conferma (in...

I Draghi sono esistiti e la Scienza ne dà la conferma (in un certo senso)

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:44
CONDIVIDI

A quanto pare, i draghi sono esistiti davvero, non solamente nei racconti delle favole. La Scienza ci può spiegare perché possiamo crederci sul serio.

I draghi sono esistiti
I draghi sono esistiti: la Scienza ci spiega perché potremmo pensarlo (Screenshot Instagram)

Quando parliamo di “draghi”, ci vengono subito in mente quei bellissimi film fantasy che spesso andiamo tutti quanti a vedere al cinema insieme a tutti gli amici o alla famiglia. Molti sono permessi anche a un pubblico di bambini e questo ci dà modo di portare i nostri figli ad ammirare creature spettacolari che si librano in volo con facilità (nonostante il peso non indifferente che devono avere) e che sputano fuoco dalla bocca, incenerendo interi villaggi. Sì, i draghi sono maestosi e li abbiamo tutti molto bene presenti nel nostro immaginario collettivo. Le loro figure si trovano nella testa dell’uomo da almeno un migliaio d’anni, se non di più. In tutte le leggende di tutte le culture delle civiltà che si sono susseguite, a prescindere dalla collocazione geografica, essi appaiono e sono tutti incredibilmente simili nella descrizione che uomini diversi, che non si sono mai incontrati ne fanno. Qual è il motivo? Non ci avevi mai pensato?

Ora riflettici: tutti conoscono i draghi, da sempre, da molto prima che gli uomini fossero in contatto come adesso, e tutti li credevano reali. Tanto che persino un santo della Chiesa Cattolica, San Giorgio, era stimato un grande condottiero ammazza – draghi. I cavalieri nel medioevo avevano un’enorme paura di incontrarne uno sul loro cammino e le canzoni delle loro gesta, almeno di quelli più eroici, raccontano di damigelle rapite da queste gigantesche creature alate. I bardi non parlavano d’altro nei loro versi e i re volevano sentire queste storie, non perché si divertissero, ma perché all’epoca sapevano che erano vere. Ma erano vere sul serio? Cosa dice la Scienza oggi riguardo a questa grande specie di viverne magiche?

In qualche modo, essa conferma che i draghi sono esistiti, ma la spiegazione di ciò è molto particolare. Potremmo dire che sia stato tutto frutto della nostra immaginazione, ma come potremmo sottovalutare i fatti evidenti?

Abbiamo raccolto, perciò, le parole di un esperto al riguardo e, tramite approfondite ricerche, siamo giunti a una conclusione che ha dell’incredibile.

Potrebbe interessarti anche: Mostro di Loch Ness: potrebbe esistere realmente ed essere un pesce

I Draghi sono esistiti e secondo la Scienza si trovano ancora in mezzo a noi (più o meno)

I draghi sono esistiti
I draghi sono esistiti: l’immaginazione dell’uomo attinge dal vero (Screenshot Instagram)

Oggigiorno quasi nessuno crede nei draghi, nonostante tutti gli sforzi che il team di effetti speciali di “Game of Thrones” ha fatto per rendere realistiche le proprie creazioni. Nessuno ha mai trovato un vero drago vivo, e non ci sono fossili di loro, quindi è ragionevole dire che non esistono e non hanno mai avuto. Ma avrebbero potuto? I draghi come li comprendiamo sono davvero impossibili, o è semplicemente che l’evoluzione non li ha ancora sollevati? Immaginiamo come sarebbe se i draghi esistessero davvero. Non creature che assomigliano un po’ ai draghi, ma veri draghi volanti che respirano il fuoco. Come si sarebbero evoluti tali animali? Quale sarebbe il loro posto in un ecosistema?

I nostri antenati non avevano bisogno di impiegare magie informatiche ad alta tecnologia per creare draghi convincenti.

La maggior parte delle persone a un certo punto della loro storia ha creduto che il drago fosse reale, scrive l’antropologo David E. Jones nell’introduzione al suo libro “An Instinct for Dragons”. Nelle sue pagine, Jones si chiede perché i miti sui draghi siano così onnipresenti, citando esempi di luoghi diversi come le Hawaii, l’Islanda e la Nuova Zelanda.

Riguardo ai Draghi, le persone hanno sempre preso spunto dalla realtà

I draghi sono esistiti
I draghi sono esistiti: tutte le storie, in qualche modo, dicono il vero (Foto Unsplash)

La sua risposta riguarda le scimmie. Nella savana africana, le truppe di scimmie vervet affrontano tre tipi di predatori (serpenti, aquile e grandi felini) ognuno dei quali è riconosciuto con una specifica chiamata di allarme. Questo comportamento di allarme è stato ampiamente studiato e utilizzato per comprendere comportamenti analoghi nell’uomo. Jones suggerisce che il drago è un amalgama di queste paure dei primati di base. La sinuosa squamosità del serpente, le ali dell’aquila e le mascelle e gli artigli di un grosso gatto si combinano per formare un temibile ricordo in una parte antica del nostro cervello. È un’idea chiara, anche se praticamente impossibile da testare. Ciò che è certamente vero è che, quando si immaginano i draghi, le persone hanno sempre preso spunto dalla realtà. L’antico filosofo cinese Wang Fu fece persino eco alla teoria di Jones quando descrisse che i draghi possedevano il collo di serpenti, gli artigli delle aquile e le suole delle tigri. Ma per trovare qualcosa che assomigli di più ai draghi come li immaginiamo adesso, dobbiamo guardare gli animali di un lontano passato.

I Draghi si sono evoluti direttamente dal Tirannosauro

I draghi sono esistiti
I draghi sono esistiti: dal Tirannosauro Rex (Foto Unsplash)

Qualunque sia la cultura in cui compaiono, i draghi sono sempre rettiliani. Ciò significa che l’era mesozoica è il punto di partenza. È durato da duecento cinquantadue milioni di anni fa a sessantasei milioni di anni fa ed è conosciuta come “L’età dei rettili”. I rettili mesozoici più famosi sono ovviamente i dinosauri. Qualsiasi dragone nella vita reale avrebbe riempito una nicchia simile a quella occupata dai superpredatori come il Tyrannosaurus Rex. Le somiglianze tra dinosauri e draghi sono ben documentate.

In Cina esiste una lunga storia di identificazione delle ossa di dinosauro fossilizzate come quelle dei draghi. I paleontologi hanno anche annuito scherzosamente ai draghi quando nominano le loro nuove scoperte. Nel pantheon dei dinosauri abbiamo tutto, dal “drago re di Hogwarts” (Dracorex hogwartsia, un pachycephalosaur dalla testa appuntita) al “drago di Qijiang” (Qijianglong guokr, un sauropode lungo cinquanta piedi). In base al loro aspetto, così come al loro gusto per grandi prede come cavalieri e belle ragazze, tutti i draghi della vita reale avrebbero riempito una nicchia simile a quella occupata dai dinosauri più pericolosi e selvaggi come quello che abbiamo precedentemente nominato.

Tuttavia, uno sguardo più ravvicinato all’anatomia del drago suggerisce che sarebbe sbagliato raggrupparli tassonomicamente con tali creature. Invece, i due distinti corpi del drago suggeriscono due scenari evolutivi alternativi.

Potrebbe interessarti anche: Dinosauri di Jurassic Park tra realismo e “iperrealismo”: info e curiosità

È dalle antiche viverne che discendono i serpenti

I draghi sono esistiti
I draghi sono esistiti: i serpenti un po’ come delle antiche viverne (Foto Unsplash)

Il primo gruppo di draghi contiene il long della Cina, il drakon dell’antica Grecia e il vecchio wyrm inglese. Questi sono tutti draghi con corpi allungati e zampe piccole o completamente senza gambe. In apparenza queste creature sono essenzialmente serpenti, quindi dovremmo guardare l’albero genealogico di questi striscianti rettili.

Esistono prove fossili che suggeriscono che i primi serpenti si siano evoluti da lucertole scavatrici, le cui gambe si sono ristrette e alla fine sono scomparse mentre si adattavano a uno stile di vita sotterraneo. Questo si adatta a molte rappresentazioni classiche di draghi sotterranei, come la leggenda di Nidhogg di Norse o il pitone “drago di terra” greco, che ha dato il nome al genere della vita reale di serpenti grandi e costrittivi. Ciò che distingue queste creature dal tuo serpente medio è la loro dimensione. Tuttavia, questo non è un grosso problema: dobbiamo solo guardare i reperti fossili per trovare alcuni serpenti delle dimensioni di un drago. A quaranta piedi (ossia dodici metri) di lunghezza, con un corpo grosso come la vita di un uomo, il possente Titanoboa era un vero mostro. Avrebbe potuto facilmente essere l’antenato di un lignaggio di giganteschi draghi serpentini. Ma quando pensi a un “drago”, è probabile che non stai pensando a un serpente gigante. Stai immaginando l’altro tipo di drago: una creatura con grandi ali coriacee che esplodono dalle sue spalle. In breve, stai immaginando una creatura che (da una prospettiva anatomica) non dovrebbe esistere.

I Draghi potrebbero avere più cose in comune con gli uccelli

I draghi sono esistiti
I draghi sono esistiti: dei super predatori con le ali (Foto Unsplash)

Ogni volta si evolvevano più o meno allo stesso modo: gli antenati non volanti trasformavano gradualmente le loro zampe anteriori in ali membranose sostenute da dita modificate. I pterosauri azhdarchidi giganti erano forse gli animali più grandi di sempre in volo. Ciò significa che, per un vertebrato, avere le ali è un compromesso. Puoi avere braccia o ali, ma non entrambi. I piani del corpo sono altamente conservati, quindi sebbene non sia impossibile immaginare un vertebrato a sei arti, il salto evolutivo richiesto è enorme. Quando si verificano arti extra, tendono a non essere adattivi. Invece, sono il risultato di difetti alla nascita o, nel caso di alcune rane sfortunate, infezioni parassitarie. Forse è per questo che in così tante storie fantasy moderne, da “Harry Potter” a “Lo Hobbit”, il classico drago a sei arti è stato abbandonato a favore di un modello elegante a quattro arti. Una tale creatura è più precisamente definita come “viverna”, ed è almeno anatomicamente più realistica. C’è ancora il problema non insignificante di come far decollare queste enormi creature. Fortunatamente per i draghi, un altro gruppo di rettili preistorici dà speranza alle loro ambizioni di volo.

Gli pterosauri azhdarchidi antenati dei draghi

 

Visualizza questo post su Instagram

 

WALKING WITH DINOSAURS Analisi Episodio 4: Il gigante dei cieli. 127 milioni di anni fa, Cretaceo Inferiore. Il quarto episodio della serie racconta gli ultimi mesi di vita di un anziano Tropeognathus maschio (identificato come Ornithocheirus). L’istinto lo porta a intraprendere un ultimo lungo viaggio, dal Brasile alla Cantabria, per raggiungere i terreni di accoppiamento,trovare una compagna e riprodursi. In questa lunga Odissea, il gigante alato sorvola l’attuale Oceano Atlantico, raggiunge le coste meridionali del Nord America per poi dirigersi verso l’Europa. Dopo numerose avventure, il Tropeognathus raggiunge i terreni della Cantabria, ma a causa dei ritardi, della stanchezza e della vecchiaia,arriva tardi e tutte le femmine hanno già trovato un compagno. Dopo diversi giorni sotto il sole ,cercando di attrarre una compagna, il vecchio Tropeognathus muore stremato, senza riuscire a riprodursi, mentre la sua carcassa diventa nutrimento per la nuova generazione di Tropeognathus. Indipendentemente da alcune inesattezze scientifiche dell’epoca, l’episodio presenta una narrazione coinvolgente, realistica, unica se paragonata ad altri documentari sulla vita del passato. Analizzeremo nei prossimi post le creature e le ambientazioni incontrate nell’ultimo viaggio del Tropeognathus: ▪️Tropeognathus (id.Ornitocheirus) ▪️Iguanodon ▪️Dakotadon ▪️Tupandactylus (id. Tapejara) ▪️Utahraptor ▪️Polacanthus ▪️Iberomesornis Voto:10/10 . #dinosaurs #dinosauri #bbc #pterosaur #pterosauria #triassic #jurassic #cretaceous #walkingwithbeasts #walkingwithdinosaurs #natheowild #discoverychannel #nature #jurassicpark #jurassicworld #paleontology #geology #paleontologia #geologia #biologia #biology #natura #reptile #italy #wild #animal #prehistoricanimals #prshistoric #pterodactyl

Un post condiviso da prehistoric shadows (@prehistoric_shadows) in data:

Prende il nome da un drago della cultura popolare uzbeka, i giganteschi pterosauri azhdarchidi sono stati forse gli animali più grandi di sempre a poter volare e il gruppo che più probabilmente dà origine ai draghi della vita reale. Quando gli uccelli volano, ottengono il novamta percento della loro potenza di lancio dalle zampe posteriori.

Un’immagine del paleoartista e ricercatore pterosauro Mark Witton dell’Università di Portsmouth nel Regno Unito lo chiarisce. Mostra una specie di azhdarchid, Arambourgiania philadelphiae, alta come una giraffa. I più grandi azhdarchidi avevano alette di circa trentasei piedi (ossia undici metri). Questi enormi animali potevano volare, ma ciò richiedeva una serie di adattamenti specifici. Questi includevano uno scheletro cavo, per ridurre al minimo il peso, e robuste ossa del braccio superiore su cui ancorare massicci muscoli di volo. I nostri ipotetici draghi avrebbero bisogno degli stessi adattamenti. Dovrebbero anche fare alcuni sacrifici anatomici.

Gli pterosauri, d’altra parte, si affidavano alla loro già notevole forza dell’arto anteriore / ala per lanciarsi nel cielo. Non hanno bisogno di preoccuparsi di portare tutti i muscoli delle gambe in aria con loro dopo che sono decollati, dice Witton. Questo ovviamente significa che possono diventare molto più grandi.

In altre parole, i più grandi pterosauri sono diventati così grandi solo avendo torsi e zampe relativamente piccoli. Gli uccelli arrivano a circa ottanta chilogrammi ed è più pesante che possano mai salire e volare ancora, mentre un pterosauro volante può arrivare a quattro volte quel peso, dice Witton.

I nostri draghi dovrebbero fare lo stesso compromesso. Non li diminuisce troppo, ma limita le rappresentazioni più voluminose e pesanti di loro. Supponiamo quindi che i nostri draghi proposti fossero una progenie dei giganteschi pterosauri azhdarchid o di un altro gruppo simile di rettili volanti che si sono evoluti in parallelo. Quanto sono fattibili alcuni dei loro altri attributi più magici? Per dirne una: la capacità di sputare fuoco dalla bocca.

Potrebbe interessarti anche: Ittiosauro: il rettile marino gigante che terrorizzava i mari nell’antichità

Potevano essere senzienti ed immortali?

I draghi sono esistiti
I draghi sono esistiti: anche molti rettili come il tuatara sono quasi immortali (Screenshot Instagram)

I draghi mitologici sono spesso altamente intelligenti. Questo può manifestarsi in una specie di malvagia astuzia che usano per sconfiggere potenziali assassini di draghi o, nel caso dei draghi orientali, immensa saggezza condivisa solo con gli umani più fortunati.

Ad ogni modo, i draghi possiedono abilità cognitive che di solito non associamo ai rettili. Storicamente, gli scienziati hanno usato il termine “rettile” per descrivere le parti del cervello umano associate a funzioni di base come la respirazione. I rettili stessi sono stati spesso descritti in tali termini, cioè guidati dall’istinto e non dall’intelletto.

Tuttavia, negli ultimi anni gli scienziati hanno iniziato a esplorare l’intelligenza dei rettili in modo più ponderato, progettando compiti specifici per i rettili che mettono alla prova i loro limiti intellettuali.

La loro conclusione? I rettili possono dominare molti problemi che i mammiferi non possono, afferma Gordon Burghardt dell’Università del Tennessee a Knoxville. Sono stati scoperti complessi problemi di risoluzione, apprendimento di inversione, apprendimento sociale, socialità complessa, uso degli strumenti e riconoscimento individuale.

Alcuni dei rettili più intelligenti sono le specie più grandi con cervelli altrettanto grandi, come i coccodrilli e le lucertole. Un altro potenziale contributo all’intelligenza è la longevità, che è stata anche associata a cervelli più grandi. I draghi non mancano certamente di dimensioni, ma per quanto riguarda la durata della vita?

Molti draghi della leggenda sono creature eterne e senza età, le cui vite possono essere finite solo per mano di un eroe corpulento con una grande spada. Mentre è improbabile l’effettiva immortalità, rettili come tartarughe giganti e tuataras possono risalire ben oltre un secolo. La chiave di tali vite prolungate potrebbe essere un ritmo lento e un metabolismo di conseguenza lento. Ciò spiegherebbe perché i draghi trascorrono così tanto tempo a oziare su pile d’oro. A proposito, una tale brama d’oro potrebbe mai essere una caratteristica evolutiva?

E se pensiamo alle gazze ladre…

I draghi sono esistiti
I draghi sono esistiti: fortemente attratti dall’oro (Foto Unsplash)

Dato l’entusiasmo delle persone per l’oro e la loro volontà di lottare per esso, a prima vista sembra che il gusto per gli oggetti in metallo lucido sarebbe un netto svantaggio anche per il drago più corazzato.

Tuttavia, pure alcuni animali provano un certo fascino per gli oggetti luminosi. Molti lettori penseranno immediatamente alle gazze, ma in effetti gli studi suggeriscono che il supposto amore delle gazze per le cose luccicanti sia solo una superstizione. Il tesoro di un drago potrebbe essere un’elaborazione del sistema di “bowerbird”, con i draghi femmine che scelgono i maschi con la più grande pila d’oro I Bowerbirds sono una questione diversa. Per attirare le femmine, i bowerbirds maschi rivestono i pavimenti dei loro “bowers” con ogni sorta di tesori, anche se più umili di quelli trovati nella tana di un drago. Invece di gioielli e monete, i bowerbird accumulano bacche e pezzi di vetro rotto. Questi bizzarri uccelli sono stati i protagonisti dello studio della “selezione sessuale”: l’idea che determinati tratti si evolvano perché un sesso preferisce determinate caratteristiche nell’altro. I bowerbirds femminili scelgono i maschi con bowers di alta qualità perché tali bowers sono un indicatore di qualità. Se un maschio ha l’energia per cercare e disporre i pezzi di vetro migliori possibili, probabilmente ha geni di buona qualità che alla fine verranno trasmessi ai suoi figli. Il sistema funziona piuttosto bene. Una riserva di draghi potrebbe essere un’elaborazione del sistema di Bowerbird, con draghi di genere femminile che scelgono i maschi con “la più grande pila d’oro”.

I nostri draghi si stanno modellando bene. Finora abbiamo rettili preistorici, forse un gruppo gemello di pterosauri giganti o serpenti giganti, con capacità cognitive avanzate per adattarsi alle loro dimensioni e longevità e un complesso sistema di accoppiamento basato sull’acquisizione di oggetti metallici lucenti. Questo potrebbe non sembrare troppo inverosimile. Ma ovviamente dobbiamo ancora discutere dell’abilità più fantastica dei draghi.

I Draghi come certi serpenti e insetti

 

Visualizza questo post su Instagram

 

“Many dragon researchers has been asked: Did dragons really exist back then? There is a very simpel answer to that question: Dragons have existed from the ealiest times; they exist today; and they will most probably also survive in the future” (Free translation from Danish) Bernd Schelmz, østen og vestens drager. 🐲 In our first walk after the lockdown in Italy, we saw this poor little dead animal – No wonder why some the dragons look like how they do….🐉 #dragonsexist #dragon #dragonresearch #research #dead #deadlittlelizard #lizard #walllizard #thedanceofthedragon #dragondance #deadlydance #dancewithfire #tinyhands #colours #beautifulnature #beautifulcolours

Un post condiviso da Anna Holmberg & Rikke Goldbech (@the_dance_of_the_dragon) in data:

I cobra sputati possono sparare proiettili velenosi dalle loro zanne. La puntura di una formica proiettile è stata descritta come “come camminare sul carbone ardente con un chiodo di tre pollici incorporato nel tallone”. Un morso di un drago di Komodo lascerà una ferita piena di proteine ​​tossiche. Non si può negare che la natura abbia escogitato ogni sorta di modi orribili per far ferire gli animali a vicenda, ma uno scarico fiammeggiante non è uno di questi. Le uniche cose che si avvicinano sono creature dall’aspetto piuttosto modesto chiamate scarabei bombardieri. Questi insetti immagazzinano idrochinone e perossido di idrogeno nei loro addominali. Quando provocati, scatenano una violenta reazione chimica che espelle un flusso quasi bollente di sostanze chimiche allo sfortunato aggressore.

Immagina una convergenza evolutiva che conferisce armi chimiche analoghe a un enorme rettile. Due ghiandole nel collo di questa creatura secernono la soluzione necessaria e quando si mescolano nella parte posteriore della sua gola, un getto di gas e liquido bollente viene espulso dalla sua bocca. Una tale creatura è altamente non plausibile, ovviamente, ma lo sono anche gli scarabei bombardieri. Iniziano una violenta reazione chimica che espelle un flusso quasi bollente di sostanze chimiche allo sfortunato aggressore Questi coleotteri sono stati persino citati dai creazionisti come prova che la teoria dell’evoluzione non può essere vera, sulla base del fatto che non avrebbero potuto evolversi naturalmente. Questi argomenti anti-evoluzione sono stati fermamente smentiti dagli scienziati, che hanno delineato i passaggi chiave nella transizione da coleotteri non esplosivi a esplosivi. È comprensibile che le persone siano incredule di fronte a questi straordinari animali, ma come dice il vecchio adagio, la verità è più strana della finzione.

L’evoluzione ha prodotto alcune innovazioni notevoli nel corso degli eoni. Magari i draghi davvero sono esistiti, ma non esattamente per come li vediamo nei film; oppure sono semplicemente un miscuglio che la nostra fervida fantasia ha realizzato prendendo spunto da tante specie di animali diverse. Forse i draghi, per come li intendiamo noi oggi, possono esistere unicamente nell’immaginazione umana, ma il mondo reale può più che eguagliarli per estraneità e certe creatura del nostro passato, del nostro presente e del futuro che verrà, potrebbero assomigliare loro moltissimo o essere addirittura più maestosi.

Simona Strani