Home Curiosita Esperto in entomologia: di cosa si occupa e perché è tanto importante

Esperto in entomologia: di cosa si occupa e perché è tanto importante

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:11
CONDIVIDI

Di cosa si occupa di preciso un esperto in entomologia? Scopriamolo insieme analizzando questa importante professione a contatto con certe specie di animali.

Esperto in entomologia
Esperto in entomologia: perché è tanto importante (Foto Unsplash)

L’entomologia è la scienza che studia il mondo degli insetti, che è molto vario e colorato. Incredibile avere a che fare con questi straordinari animali piccolissimi. Loro aiutano a salvare il nostro pianeta in modi che noi esseri umani non possiamo neppure immaginare. Beh, una persona che ci riesce c’è. in effetti: ci stiamo riferendo all’esperto in entomologia, ossia l’entomologo, colui che osserva molto da vicino gli insetti.

Le persone che iniziano a muovere i primi passi per fare carriera in questo settore hanno tutte in comune una cosa: sono del tutto affascinate dagli insetti, di qualsiasi tipo e amano guardarli, mentre volano, zampettano, si arrampicano e fanno tutte quelle cose che, a volte, solamente loro sono in grado di compiere. Scopriamo di più al riguardo.

Esperto in entomologia: cos’è l’entomologia e perché è una materia tanto importante per il pianeta

Esperto in entomologia
Esperto in entomologia: osserva gli insetti da vicino (Foto Unsplash)

L’entomologia è lo studio degli insetti e della loro relazione con l’uomo, l’ambiente e altri organismi. Gli entomologi danno grandi contributi a campi diversi come l’agricoltura, la chimica, la biologia, la salute umana / animale, la scienza molecolare, la criminologia e la medicina legale. Lo studio degli insetti serve da base per gli sviluppi nel controllo dei parassiti biologici e chimici, nella produzione e nella conservazione di alimenti e fibre, nell’epidemiologia dei prodotti farmaceutici, nella diversità biologica e in una varietà di altri campi della Scienza.

Gli entomologi professionisti contribuiscono al miglioramento dell’umanità rilevando il ruolo degli insetti nella diffusione delle malattie e scoprendo modi per proteggere le colture alimentari e di fibre e il bestiame dai danni che questi a volte microscopico animali potrebbero causare loro. Studiano il modo in cui gli insetti benefici contribuiscono al benessere di esseri umani, animali e piante. Gli entomologi dilettanti sono interessati agli insetti a causa della bellezza e della diversità di queste creature. Diventare entomologo è una strada che, in questo senso, può dare davvero tante soddisfazioni.

L’entomologia è una scienza antica, che risale alla fondazione della biologia come campo di studio formale di Aristotele (384-322 a.C.). Ci sono anche riferimenti precedenti all’uso degli insetti nella vita quotidiana: come la crescita dei bachi da seta che ebbe inizio nel 4700 a.C. in Cina e che fu una parte importante della vita contadina praticamente in tutto l’Oriente, già nel 4000 a.C. Più di cento anni fa, gli entomologi formarono una società, la Entomological Society of America (ESA), per promuovere la scienza e lo studio dell’entomologia negli Stati Uniti.

Quali opportunità di carriera si aprono per un entomologo?

Esperto in entomologia
Esperto in entomologia: ha vastissime opportunità di carriera (Foto Unsplash)

Le opportunità di carriera per i laureati in questo particolare campo includono: ruoli di assistenti ricercatori all’università o addirittura amministrativi all’interno di altri enti statali e delle agenzie del governo; ruoli di ricercatori specializzati per i dipartimenti statali di agricoltura ed ecologia, le stazioni di ricerca agricole statali, il servizio di ampliamento universitario, per i rappresentanti di aziende agricole, di ricerca e delle vendite; impieghi nelle società di consulenza agricola; una posizione di consulenza specialistica all’interno di aziende agroalimentari private, di aziende produttrici di legname e sementi e di agenzie di sviluppo internazionale. Le aziende che si occupano del controllo dei parassiti con un’opzione urbana hanno opportunità di carriera come: operatori di controllo dei parassiti; specialisti della gestione dei parassiti dei parchi e dei campi da golf; distretti di abbattimento delle zanzare; distretti per il controllo delle infestanti; industria alimentare; protezione delle piante ornamentali; servizio sanitario pubblico; consulente in materia di controllo dei parassiti industriali; e con le forze armate.

Perché studiare entomologia ti apre gli orizzonti?

Esperto in entomologia
Esperto in entomologia: vede il mondo in maniera diversa da noi (Foto Unsplash)

Gli insetti ci insegnano cose molto interessanti su questo pianeta. Innanzitutto, dobbiamo considerare che come creature essi sono molto più antichi e vetusti di noi. A dire la verità, loro sono molto più antichi e vetusti rispetto alla maggior parte degli animali che vivono nel mondo al momento. Basti considerare che le zanzare pungevano persino i dinosauri, ai loro tempi. Questo vuol dire che loro conoscono gli ecosistemi meglio di quanto noi possiamo anche soltanto immaginare. Hanno visto la vita nascere e anche finire. Certo, non sono più vecchi dei virus e dei batteri, ma ci siamo molto vicini. Potrebbero governare il mondo con le loro incredibili capacità, dal momento che per moltissimi versi sono addirittura più evoluti di noi.

Gli esseri umani non ci sono da sempre, hanno un’età piuttosto limitata, se consideriamo gli eoni da che questa Terra esiste. Detto ciò, sappiamo bene che potremmo non essere giunti neppure lontanamente allo stadio evolutivo più avanzato della nostra specie. Gli insetti, al contrario, essendo qui da prima di noi (un tempo davvero considerevole, dovremmo aggiungere) hanno avuto modo di attraversare molti più stadi evolutivi rispetto ai nostri.

Gli insetti si sono adattati a qualsiasi ambiente e a qualsiasi clima: hanno affrontato mille e più pericoli impensabili che avrebbero potuto porre fine alla loro esistenza, senza riuscirci. Hanno dimostrato in più di un’occasione di avere la pelle dura e niente e nessuno potrà sradicarli da qui. Sono gli animali più comuni e numerosi che ci siano e molto probabilmente resteranno qui talmente a lungo da vedere anche la nostra estinzione e raccontarla ai nipoti come favola della buonanotte: C’era una volta, tanto tempo fa, in un habitat molto molto lontano, l’essere umano …

L’entomologia, in pratica, ti può aprire gli orizzonti, poiché studiandola inizieresti a comprendere che l’uomo non è affatto il centro dell’universo e, forse, non è neppure tra le creature più importanti che esistano, soprattutto in termini di ambientalismo e ruoli nel funzionamento degli ecosistemi.

Perché diventare entomologo ti può aiutare a salvare il mondo?

Esperto in entomologia
Esperto in entomologia: è un vero eroe (Foto Unsplash)

Gli entomologi al momento sono impegnati in uno studio importantissimo che ha a che fare con lo sviluppo della nostra vita e l’evoluzione della razza umana. Sembra un pensiero altisonante del tutto fuori luogo e invece è così per davvero. Uno dei campi di ricerca più celebri al momento è quello che studia l’utilizzo degli insetti nella gastronomia, come ingredienti e soprattutto come proteine principali.

Ma in che modo questo studio può coinvolgere la sopravvivenza del nostro pianeta? Come riusciremo a salvare il mondo mangiando gli insetti?

Questo dà un significato completamente nuovo al termine “grub”: poiché le industrie zootecniche convenzionali non sono in grado di soddisfare una crescente domanda mondiale di carne, potremmo presto ricorrere a fonti alternative di proteine ​​come le salsicce a base di larve schiacciate, almeno questo è quello che hanno ipotizzato i ricercatori che lavorano presso la Facoltà di Biologia dell’Università del Queensland.

Circa duecento anni fa c’erano meno di un miliardo di esseri umani che vivevano sulla Terra. Secondo i calcoli delle Nazioni Unite ora ci ne sono più di sette miliardi, e con gli studi attuali prevedono che questa cifra raggiungerà i dieci miliardi entro il 2050. Ciò probabilmente metterà a dura prova le forniture alimentari globali, quindi il team del Queensland ha studiato la possibilità di incorporare proteine ​​alternative nelle nostre diete usando insetti e larve di insetti.

Un mondo sovrappopolato farà fatica a trovare abbastanza proteine ​​a meno che le persone non siano disposte ad aprire la propria mente e il proprio stomaco a una nozione molto più ampia di cibo, ha detto il professore di scienze della carne Louwrens Hoffman. Il potenziale più grande per la produzione di proteine ​​sostenibili risiede negli insetti e nelle nuove fonti vegetali.

Sebbene molte culture in tutto il mondo consumino attualmente proteine ​​dell’insetto, il professor Hoffman afferma che studi precedenti hanno dimostrato che i consumatori occidentali sono disposti a provare tali alimenti soltanto se gli ingredienti sono sufficientemente trasformati e mascherati.

La proteina dell’insetto deve essere incorporata nei prodotti alimentari esistenti come ingrediente, ha affermato il prof. Hoffman. Ad esempio, uno dei miei studenti ha creato un gelato agli insetti molto gustoso.

Anche se un numero considerevole di noi rimane schifato al pensiero di assaggiare hamburger di insetto e gelati realizzati con farina di insetti, il professor Hoffman afferma che gli striscianti vermoni potrebbero ancora svolgere un ruolo importante nella nostra catena alimentare, come mangime per polli ad esempio. In una scia di indagine sull’uso delle larve da mosche soldato nero, lui e i suoi collaboratori hanno scoperto che i mangimi per polli costituivano fino al 15% delle farine di larve e che producevano uccelli con lo stesso sapore, aroma, succosità e tenerezza degli uccelli nutriti con grano.

È necessario comprendere meglio la differenza tra l’alimentazione animale e il cibo umano e una rivalutazione globale di ciò che può costituire un alimento sano, nutrizionale e sicuro per tutti, ha affermato Hoffman. Il pollame è un’industria enorme in tutto il mondo e l’industria è sotto pressione per trovare proteine ​​alternative che siano più sostenibili, etiche e verdi rispetto alle colture di cereali attualmente in uso. È tutto abbastanza logico se ci pensi. I polli allo stato brado non mangiano preparazioni per mangimi. Mangiano insetti e larve. 

Potrebbe interessarti anche:

Simona Strani