Home Cani Fisioterapia per cani: di cosa si tratta e perché è tanto importante

Fisioterapia per cani: di cosa si tratta e perché è tanto importante

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:35
CONDIVIDI

Se Fido soffre di artrite, se ha appena subito un intervento o è stato vittima di un incidente, la fisioterapia per cani potrebbe cambiargli la vita.

Fisioterapia per cani
Fisioterapia per cani: fondamentale per combattere tanti problemi (Foto Adobe Stock)

A volte rischiamo di pensare ai nostri cani come a cose. No, non ti offendere, può succedere. Nessuno ti attacca per un pizzico di egoismo o di egocentrismo che ti sorge, di tanto in tanto: commettiamo gli stessi errori con gli esseri umani, con gli stessi membri umani del nostro nucleo famigliare, figuriamoci. In certi momenti, siamo talmente presi da noi stessi da non accorgerci che le cose attorno a noi non sono più esattamente come prima, che qualcosa è lentamente, ma drasticamente cambiato oramai e che qualcuno ha bisogno del nostro intervento immediato.

Non sempre i cani si lamentano in modo evidente quando stanno male, anzi: siamo noi che li dobbiamo spesso analizzare, al microscopio quasi, per capire se è sempre tutto perfettamente in ordine. Ci sono dei segnali, non evidentissimi ma chiari, per comprendere qual è il vero stato di salute del nostro cane. Qualsiasi sia la causa, se il problema si rivela di natura motoria, quasi sempre la soluzione per far tornare Fido a una condizione di benessere è la fisioterapia per cani.

La fisioterapia, come per gli esseri umani, è uno strumento fondamentale, oltre che per la riabilitazione in seguito a incidenti o interventi chirurgici complicati e invasivi, anche per combattere tutte quelle patologie che impediscono al nostro cucciolo di muoversi come vorrebbe e dovrebbe. Una di queste malattie, purtroppo assai comune nei cani di una certa età, è l’artrite.

Fisioterapia per cani: come riconoscere i sintomi dell’artrite

Fisioterapia per cani
Fisioterapia per cani: come riconoscere i sintomi di un cane sofferente (Foto Unsplash)

L’artrite non è così rara tra i cani più anziani. Le razze più grandi possono tendere a lottare di più a causa delle loro dimensioni, ma i cuccioli più piccoli non sono certamente immuni. Allo stesso modo, l’afflizione non è necessariamente esclusiva per gli animali anziani.

L’età tipica dell’insorgenza dipende spesso dalla genetica, osserva la dottoressa Lisa McIntyre, proprietaria e fondatrice del servizio veterinario mobile di The Welcome Waggin. Le razze di grandi dimensioni sono più inclini alla displasia del gomito e dell’anca. Le piccole razze sono sensibili alla lussazione rotulea e alla malattia di Legg-Calvé-Perthes (LCPD). Quel primo gruppo può effettivamente iniziare a mostrare i sintomi a uno o due anni, se ne sono afflitti. Anche se a volte, non vediamo segni clinici fino ai sette anni o più, quando iniziano il deterioramento e l’artrite articolari.

Indipendentemente dalla fase di vita dell’animale domestico, la familiarità con i segni comuni di artrite nei cani può comportare un intervento più rapido. Ciò, a sua volta, può portare a una migliore qualità della vita, per tutti i soggetti coinvolti.

Non vuole muoversi

Alcuni proprietari di animali domestici potrebbero attribuire questo a una normalissima vecchiaia, ma potrebbe essere uno dei segni di artrite nei cani. Secondo la dottoressa McIntyre, la riluttanza generale a camminare, fare esercizio fisico, alzarsi e / o reclinarsi può essere un sintomo chiave che il nostro cucciolo soffre di artrite. I giocattoli possono rimanere intatti per settimane. Le scale possono essere evitate. Persino alzarsi per recarsi fuori a fare i bisogni potrebbe richiedere una spinta o addirittura un po’ di insistenza da parte nostra.

Si lamenta

La maggior parte dei cuccioli e dei cani più giovani tendono ad essere piuttosto felici: si sentono fortunati a vivere in nostra compagnia. Ma se l’artrite inizia a colpire le articolazioni, il tuo fidato compagno potrebbe diventare un po’ irascibile. I cani non possono tecnicamente “parlare” per dirci che soffrono, ma possono offrire molti suggerimenti. Quindi, i cani con artrite possono gemere, brontolare, ringhiare, persino pizzicarsi o mordere quando si tenta di accarezzarli. In questo modo non fanno altro che comunicare disagio fisico, non che hanno smesso di volerti bene.

Aumenta di peso

Questo è, in realtà, il primo sintomo, quello più evidente, che in genere si nota nel cane che soffre di artrite. Non è soltanto questione di smettere con la solita attività fisica. Provando dolore anche per il più piccolo movimento, ovviamente i cuccioli non si muovono più del tutto, il loro corpo entra come in stasi: il metabolismo di conseguenza rallenta sempre più fino a fermarsi del tutto. Così, seppure li faremo mangiare di meno, assorbiranno addirittura quel poco di cui si cibano. Bisogna sempre prestare attenzione al fattore peso, perché dalla corporatura del nostro cane possiamo capire molte cose sul suo stato reale di salute. Se abbiamo un animale domestico in sovrappeso, faremmo bene a intervenire e magari fissare una visita dal veterinario.

Cambia postura

Come esseri umani, tendiamo spesso a soffrire spesso di ginocchia e di caviglie doloranti (dopotutto, siamo bipedi). Quindi, probabilmente non è una sorpresa che la zoppia visibile sia tra i segni di artrite nei cani. I cani con artrite alla schiena o al collo possono persino tentare di curvarsi, tenere la testa ad angoli strani o sedersi mentre si mangia e si beve.

Evita il contatto fisico

I nostri cuccioli potrebbero non capire la fonte del loro dolore, ma faranno di tutto per evitarlo, anche allontanandosi dal contatto diretto con gli umani che adorano di più.

Fisioterapia per cani: come funziona e per cosa serve realmente

cani Fisioterapia per canicon disabilità
Fisioterapia per cani: per combattere le difficoltà motorie (Screenshot Instagram)

Dal momento che le cure veterinarie avanzano e tendono a rispecchiare la medicina umana in termini di opzioni terapeutiche, la fisioterapia è diventato un trattamento sempre più comune per i cani. La fisioterapia canina può includere l’utilizzo di fonti di calore, massaggi, esercizi strutturati e altro per curare le malattie come l’artrite, aiutare nel recupero da lesioni o interventi chirurgici e sostenere il benessere generale.

Quasi tutti i cani potrebbero beneficiare della riabilitazione ad un certo punto della loro vita, spiega Jo Moyes, tecnico veterinario medico autorizzato (LVMT) e tecnico veterinario certificato di massaggio e riabilitazione (CVMRT) presso il Centro di riabilitazione canina Amelia Peabody a Chattanooga, nel Tennessee.

Marti Drum, professore e assistente clinico di riabilitazione fisica dei piccoli animali presso l’Università del Tennessee afferma anche che nella sua esperienza i pazienti canini più comuni che solitamente si presentano per la riabilitazione sono i cuccioli con osteoartrite o lesioni del legamento crociato. Il medico fa notare che gli esseri umani si sottopongono alla fisioterapia per gli stessi identici problemi.

Gli animali che possono anche beneficiare della fisioterapia per cani includono quelli con lesioni del midollo spinale e disturbi dello sviluppo, nonché quelli che soffrono di malattie cerebrali, pazienti con condizioni cardiache gravi e cani con lesioni alla spalla e all’inguine. Se il tuo cane ha subito qualsiasi tipo di chirurgia ortopedica, essere visto da uno specialista in riabilitazione dovrebbe essere obbligatorio, sebbene non tutti i chirurghi facciano automaticamente riferimento a uno specialista. La stessa cosa vale nel caso in cui, come abbiamo visto in precedenza, ci accorgiamo che il nostro amico a quattro zampe sta soffrendo per qualche motivo, e i sintomi ci fanno sospettare un brutto caso di artrite. I cani che soffrono di questa patologia hanno bisogno, oltre che di essere visitati immediatamente, anche di interventi mirati e la fisioterapia per cani può rivelarsi uno strumento assai efficace, in questo senso.

Lo specialista in riabilitazione canina Mandi Blackwelder, professionista esperto di Healing Arts Animal Care a Beaverton, nell’Oregon, fa un confronto: Se hai avuto un intervento chirurgico al ginocchio e il tuo chirurgo ha detto di andare a casa e stare a letto per sei settimane, alzarti solo per fare pipì per poi, al termine della convalescenza, poterti mettere subito a correre, giocare e fare tutto quello che vuoi, quel dottore dovrebbe essere citato in giudizio per negligenza. Eppure è quello che facciamo con i nostri animali.

Molti veterinari ordinano un rigoroso riposo, dopo che un cane è stato ferito, quando ciò di cui i cani hanno realmente bisogno è di evitare di correre e sforzarsi, certo; ma anche di fare una regolare terapia fisica strutturata, per prevenire la perdita muscolare e favorire la guarigione.

I vari tipi di fisioterapia per cani

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Edek 🐾❤🐕 Zobaczcie ten falujący włos 👒 #yorkshireterrier #watertrademill #dogphisiotherapy #dogfitness #czestochowa

Un post condiviso da FizjoVet (@fizjovet) in data:

Esistono varie modalità di terapia fisica regolarmente utilizzate con i cani. Questi includono frequentemente:

  • La terapia a laser freddo, per la stimolazione elettrica transcutanea del ghiaccio e del calore (nota anche come unità TENS).
  • L’idroterapia, che include tapis roulant subacqueo, che consente ai cani di mantenere e costruire i muscoli pur mantenendo un basso impatto sulla parte lesa del corpo; nonché il nuoto strutturato.

L’esercizio strutturato in genere sembra uno specialità della riabilitazione che ti aiuta a supportare il tuo cane attraverso esercizi in clinica e compiti da svolgere ogni giorno tra una sessione e l’altra.

Facciamo esercizi sul pavimento mirati alle aree problematiche di ciascun paziente, per migliorare il tono dei muscoli che supportano le articolazioni ferite, nonché aumentare la gamma di movimento, la funzione nervosa e la produzione di liquido sinoviale, spiega Jo.

Gli specialisti in riabilitazione veterinaria possono anche coinvolgere trattamenti come massaggi e agopuntura.

Come trovare un esperto di fisioterapia per cani

Se ritieni che il tuo cane possa trarre beneficio dalla terapia fisica, poiché appunto soffre di artrite, o se ha effettivamente appena subito un intervento di chirurgia ortopedica, è tempo di trovare un professionista certificato a cui affidare la salute del tuo prezioso cucciolo. Cerca i veterinari che sono stati certificati, che sono i professionisti certificati della riabilitazione canina o altri terapisti, sempre in possesso di specifico attestato, esperti nella fisioterapia per cani e che sono consigliati direttamente dal tuo veterinario di fiducia. Jo sottolinea che le cose in medicina veterinaria non sono così strettamente controllate come in medicina umana, quindi è una buona idea verificare che abbiano la formazione che dicono di avere.

Dall’importanza di lavorare con un professionista certificato dipende davvero il livello di cura che riceverà il tuo cane.

La riabilitazione canina non è una specialità alla portata di tutti. Ad esempio, mentre la pratica di vari movimenti e lo stretching sono molto importanti nelle fratture che coinvolgono l’articolazione, come le lesioni del gomito, i giovani cani non possono essere riabilitati allo stesso modo dei cani maturi o addirittura vecchi, poiché le ossa molli dei giovani cuccioli possono provocare un fallimento della terapia, se gli esercizi di forza iniziano troppo presto, spiega il dottor Drum.

I professionisti certificati della riabilitazione veterinaria saranno in grado di tenere conto dell’età, del tipo di razza e di altre condizioni di salute del cane quando sviluppano un piano di trattamento adeguato. Il dottor Blackwelder sottolinea anche l’importanza di lavorare con un professionista certificato per aiutare le famiglie a stabilire aspettative realistiche. Dice: Molte persone leggono Internet e si fanno acchiappare dalle storie di miracoli e, sebbene dobbiamo essere ottimisti, il realismo riguardo al risultato è indispensabile: bisogna avere obiettivi appropriati.

Gli obiettivi stabiliti sul realismo possono infondere nei proprietari una sorta di pazienza speranzosa, che è la chiave per il miglior atteggiamento da avere in questi casi; mentre chi punta alla guarigione totale e immediata, potrebbe essere troppo precipitoso e rovinare i risultati ottenuti durante la terapia. La chiave per il successo della fisioterapia è la coerenza e la dedizione.

Il dottor Drum consiglia: La riabilitazione funziona meglio quando la terapia è regolare, sia con visite cliniche che con lo svolgimento quotidiano di “compiti a casa”, ovvero i programmi di esercizi domestici che sono fondamentali per raggiungere una completa guarigione.

Non puoi semplicemente mandare il tuo cane dal fisioterapista; devi impegnarti a fare il lavoro di riabilitazione anche a casa. La terapia fisica richiede molto lavoro ma, se eseguita correttamente, può cambiare la vita del tuo cane, per aiutarlo a tornare alla piena funzionalità.

Dopo aver riconosciuto i sintomi di un malessere, cosa possiamo fare oltre alla fisioterapia?

Fisioterapia per cani
Fisioterapia per cani: cosa possiamo fare noi per lui (Foto Unsplash)

Ricorda gli indizi che possono rappresentare segni di artrite nei cani, sebbene possano suggerire anche numerosi altri problemi. Quindi, se noti qualsiasi tipo di comportamento insolito, consulta sempre il tuo veterinario. Il dottor McIntyre spiega che oltre a sfiorare delicatamente le articolazioni, molti veterinari eseguiranno radiografie, analisi del sangue e / o analisi delle urine per lo screening delle malattie trasmesse al cane da zecche e pulci. In alcuni casi, afferma il medico, un tipo di analisi avanzata come una TAC o una risonanza magnetica può aiutare a fornire una diagnosi accurata.

Se l’artrite è davvero la causa di tutti i suoi lamenti, le opzioni di trattamento clinico, oltre alla fisioterapia di cui abbiamo parlato prima, includono spesso farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), corticosteroidi o dei moderni farmaci sistemici. Questi non cureranno il disturbo stesso, ma possono aiutare a controllare l’infiammazione.

Il dottor McIntyre spiega che molti veterinari proveranno anche nutraceutici e / o cambiamenti nello stile di vita come parte della terapia. Sappiamo che il dolore è mediato da diversi percorsi, afferma, quindi un approccio multi-modale è il modo migliore per affrontare l’artrite. Se il tuo animale domestico affronta questo disturbo, ecco alcune opzioni che potresti prendere in considerazione per alleviare i sintomi dell’artrite e i dolori associati e che si possono benissimo abbinare alla classica fisioterapia seguita da uno specialista.

Cambiare stile di vita

Pensa ai tipi di modifiche che apprezzeresti se ti trovassi in un disagio cronico. Rampe o gradini per cani possono aiutare Fido ad alzarsi sui mobili. Un’imbracatura di sollevamento può fornire assistenza per salire in macchina. I letti ortopedici in memory foam possono essere un sogno per le articolazioni doloranti. Le piattaforme di scodelle per cibo / acqua possono ridurre il dolore provato durante i pasti.

Massaggio per cani

Il massaggio per cani è una pratica molto specifica, che va studiata attentamente prima, soprattutto se la si vuole applicare su un animale che, poverino, sta già sentendo dolori lancinanti dappertutto e sicuramente l’ultima cosa che desidera al mondo è di essere continuamente molestato dalle mani di un inetto che non ha idea di come farlo sentire meglio. Quindi, prima di fare ogni cosa, bisogna studiare, informarsi presso qualche studio veterinario per sapere se erogano corsi di pet massaging.

Controllo del peso

Il dottor McIntyre ritiene che questa potrebbe essere la misura più importante di tutte. Anche poche sterline possono fare la differenza per i nostri amici canini feriti. Se una maggiore attività è fuori discussione, prendi in considerazione la riduzione delle prelibatezze e la discussione di una dieta speciale con un nutrizionista o un veterinario per animali domestici.

Passeggiata sulla spiaggia o in giardino

Fisioterapia per cani
Fisioterapia per cani: se saremo pazienti, alla fine guarirà completamente (Foto Unsplash)

Oltre alla fisioterapia e all’idroterapia, un’altra pratica che non può mai fare male, ma anzi aiuta al ringiovanimento delle articolazioni, è la passeggiata. Ovviamente lenta e breve, specialmente agli inizi. Può fare soltanto bene al tuo cucciolo, trascorrere del tempo fuori con te, a camminare in maniera pacata, in mezzo alla natura. O magari sentire il profumo del mare, farsi accarezzare dalla brezza fresca e giocherellare un pochino con le onde.

Glucosamina – condroitina

Consiglio sempre l’integrazione con i prodotti glucosamina-condroitina che sono stati testati per la loro efficacia e la qualità, sottolinea il dottor McIntyre. In effetti, questa combinazione sembra essere un’opzione abbastanza ben considerata per i segni di artrite nei cani. La somministrazione precoce di questi composti può talvolta aiutare a calmare il disagio infiammatorio, prima che il danno articolare diventi più grave. Esistono diversi prodotti commerciali contenenti questa miscela, con dosaggi formulati appositamente per i cani. Alcuni di questi prodotti contengono anche ulteriori composti che riducono l’infiammazione, come la curcuma.

Omega – 3

Il dottor McIntyre considera questa un’altra difesa di prima linea per l’artrite che affligge i nostri fedeli compagni di vista. L’olio di pesce, come il salmone, è ricco di acidi grassi omega-3, che possono aiutare a placare l’infiammazione. È anche un antiossidante naturale e non porta i duri effetti collaterali associati a determinati farmaci da prescrizione. Esistono molti prodotti, soprattutto alimentari, in commercio che contengono un buon quantitativo di omega-3.

Se desideri provare una di queste opzioni, una conversazione con il tuo veterinario è sempre l’approccio più intelligente per determinare il dosaggio appropriato. E alla fine, il dottor McIntyre esorta i proprietari di animali domestici che notano segni di artrite nei cani a cercare immediatamente un intervento.

La maggior parte dei cani mostra dolore in modi discreti, come un sottile cambiamento di appetito o nel comportamento, sottolinea. Quindi non aspettare che il tuo cane zoppichi o si lamenti in modo esagerato. Riconoscendo i segni dell’artrite nei cani e fornendo assistenza premurosa in anticipo, è possibile ritardare nel tempo un danno articolare più pronunciato. Soprattutto, puoi aiutare a mantenere il tuo migliore amico a quattro zampe più agile, comodo e contento tutta la vita.

Potrebbe interessarti anche:

Simona Strani