Home Curiosita Leone marino delle Galapagos: fatti e curiosità su questa specie

Leone marino delle Galapagos: fatti e curiosità su questa specie

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:01
CONDIVIDI

Il leone marino delle Galapagos è un mammifero acquatico molto particolare che noi scambiamo spesso per una comune foca. Ma lo è davvero? Scopriamolo…

Leone marino delle Galapagos
Leone marino delle Galapagos: un animale davvero unico (Foto Unsplash)

Se c’è un luogo sul pianeta Terra dove la biodiversità non soltanto continua ad esserci, in maniera anche smaccata, ma ce n’è talmente tanta da confondere e meravigliare qualsiasi avventore e sulla quale potrebbero essere scritti interi manuali di zoologia e biologia, questo sono le isole Galapagos. L’arcipelago è un insieme di flora e fauna talmente vasto e variopinto che farebbe invidia a ogni altro paese e a ogni altra regione selvatica, in tutto il resto del mondo. Una delle creature più incantevoli che possiamo trovare qui è il leone marino delle Galapagos: non propriamente una foca e persino diverso da ogni altro tipo di leone marino che tu abbia mai potuto vedere o persino conoscere. Questo animale è diverso da qualsiasi altro e vale la pena continuare la lettura di questo articolo per conoscerlo un pochino meglio. Ti faremo venire voglia di viaggiare per andare a osservarlo con i tuoi propri occhi.

Potrebbe interessarti anche: Animali del Borneo: le 11 specie più comuni autoctone di quest’isola

Leone marino delle Galapagos: una vera attrazione spettacolare per tutti i turisti in visita alle isole

Leone marino delle Galapagos
Leone marino delle Galapagos: non è come qualsiasi altro leone marino (Foto Unsplash)

Chiedi a qualsiasi visitatore di raccontarti il ​​momento clou della sua visita alle Isole Galapagos e probabilmente sentirai: I leoni marini!

Chi non ama un leone marino, in particolare un cucciolo. Ti salutano su ogni isola. Non hanno paura. Sono divertenti. Sono carini. Sono rumorosi. Si presentano nei luoghi più attesi e inaspettati. Si siedono sulle nostre panchine, assumendo il controllo. Salgono sulle nostre barche e pangas se glielo permettiamo. Giacevano intorno alla proprietà dell’oceano, dopotutto, erano prima qui; in realtà possiedono la spiaggia! Nuotano e scorticano nell’acqua. A loro non importa di farsi fotografare e sono più che disposti a posare. Quindi, tutti hanno il diritto di vantarsi di aver scattato foto meravigliose dei leoni marini.

I leoni marini delle Galapagos sono onnipresenti e si possono trovare su ogni isola. Sono endemici ed esclusivi dell’arcipelago (ad eccezione di una località sulla costa continentale dell’Ecuador). La popolazione totale è di circa cinquantamila leoni marini. Sono abbastanza grandi come vanno i leoni marini e variano in dimensioni dai maschi maturi di circa mille libbre alle femmine mature di circa settecento libbre. I cuccioli pesano circa tredici chili alla nascita.

Nel fisico, i maschi dei leoni marini sono più larghi in cima e più stretti attraverso il loro addome. I leoni marini femminili sono leggermente più sottili in generale. I maschi hanno anche una fronte, a differenza delle femmine e dei cuccioli, che hanno la testa più piatta. Tutti i leoni marini hanno un naso a punta, baffuto e un muso lungo e stretto.

Su ogni isola ci sono colonie di leoni marini. All’interno di ogni colonia, ci sono più maschi (tori). Ogni toro controlla il proprio un harem di femmine (mucche) e il territorio che lo circonda. È uno spettacolo interessante da vedere mentre il maschio nuota avanti e indietro lungo la costa pattugliando l’area che ospita la sua famiglia di cinque e fino a un massimo di venticinque femmine e i loro cuccioli. Mentre osserva la sua nidiata, può essere visto, e sicuramente sentito, sollevare la testa fuori dall’acqua e abbaiare la sua proprietà territoriale.

I maschi si impegnano regolarmente in battaglie per il dominio e le sfide si presentano continuamente. È quasi inevitabile che il toro regnante venga espulso. Mentre il maschio protegge il suo harem, non parte nemmeno per trovare cibo per se stesso. Pertanto, col tempo, colui che era il più forte, si indebolisce per mancanza di nutrizione e un altro maschio alla fine sarà in grado di conquistare il suo territorio. Queste sfide possono diventare piuttosto fisiche, quindi la ragione per il collo e il busto spessi dei maschi che forniscono protezione dai colpi fisici e da altre cicatrici di battaglia che possono verificarsi durante una lotta per il dominio.

Tuttavia, non è così terribile perdere la lotta. Il maschio un tempo dominante arriva in una vacanza tanto necessaria. Si unisce agli altri maschi in più sulla loro proprietà sulla spiaggia dove possono tornare in salute e sdraiarsi sulla spiaggia come se fossero patate da letto. Lì vivono insieme fino a quando non si rafforzano e affrontano un’altra sfida.

Potrebbe interessarti anche: Tic-Toc, è il coccodrillo marino! Il tuo peggior nemico, se hai l’uncino

Due tipi di leone marino delle Galapagos (ma non foche)

Leone marino delle Galapagos
Leone marino delle Galapagos: non chiamatelo foca (Foto Unsplash)

È inevitabile: sebbene non siano affatto la stessa cosa e abbiano tantissimi caratteri differenti (ma forse a un primo sguardo non è semplice accorgersene), le persone si riferiscono ai leoni marini come “foche” e a nulla serve correggerle ripetutamente, fino a quando la parola “leone marino” diventa seconda natura. Lo ammettiamo, a volte potremmo sembrare un pochino troppo fiscali sulla terminologia: d’altronde, una rosa anche se non la chiami rosa avrebbe comunque lo stesso magnifico profumo, no? No, i leoni marini sono leoni marini e le foche sono foche. Punto.

Esistono due tipi di leoni marini nelle Galapagos, l’onnipresente leone marino delle Galapagos e il più raro leone marino con la pelliccia. Entrambi i tipi di leoni marini sono nell’ordine dei pinnipedi, il che significa “zampe di gallina”. Discuteremo la differenza tra questi pinnipedi e le “vere foche” di seguito. Ma prima, distinguiamo le somiglianze e le caratteristiche condivise tra i leoni marini delle Galapagos e i leoni marini con la pelliccia.

Caratteristiche che questi animali hanno in comune con gli altri leoni marini

  • Entrambi hanno paraorecchie e grande udito
  • Entrambi hanno la pelliccia corta
  • Entrambi hanno baffi finemente sintonizzati chiamati vibrisse che funzionano come sensori tattili, proprio come quelli di un gatto
  • Entrambi hanno pinne grandi e senza peli che usano più efficacemente a terra. Sono in grado di ruotare le pinne posteriori verso il suolo, consentendo loro di camminare su tutte e quattro le appendici
  • Sono entrambi sociali, sebbene i leoni marini delle Galapagos lo siano più del leone marino comune
  • Entrambi sono carnivori e mangiano una grande varietà di pesci, crostacei e vongole
  • Entrambi trascorrono del tempo sia sulla terra che in acqua

Caratteristiche che rendono questi animali diversi dagli altri leoni marini

  • Il leone marino delle Galapagos ha il naso smussato, mentre il leone marino con la pelliccia ha il naso appuntito
  • Il leone marino delle Galapagos tende a non avere paura delle persone, mentre il leone marino con la pelliccia può mostrare alcuni segni di paura
  • Le pinne posteriori del leone marino delle Galapagos si muovono indipendentemente; quelli del leone marino con la pelliccia sono più lunghi e si muovono insieme
  • Il leone marino delle Galapagos ha i peli più grossolani, meno densi, mentre il leone marino con la pelliccia ha i capelli più fini, più densi e più spessi
  • Il leone marino delle Galapagos ha segnato una variazione di colore tra i sessi, mentre c’è una piccola variazione di colore tra i sessi nei leoni marini di pelliccia
  • I leoni marini delle Galapagos preferiscono le spiagge sabbiose, mentre i leoni marini con la pelliccia prediligono le coste rocciose
  • I leoni marini delle Galapagos di maschi adulti hanno una criniera di peli più lunghi intorno al collo e al petto, mentre i leoni marini con la pelliccia non hanno criniera
  • I leoni marini delle Galapagos si nutrono della piattaforma continentale, mentre i leoni marini con la pelliccia si nutrono ai margini della piattaforma continentale e talvolta anche oltre
  • Il leone marino con la pelliccia è il membro più piccolo di questa famiglia, mentre i leoni marini delle Galapagos possono essere molto grandi, fino a persino mille libbre
  • Il leone marino con la pelliccia è uno scalatore migliore
  • Gli occhi del leone marino di pelliccia tendono ad essere più grandi di quelli di un leone marino delle Galapagos; alcuni dicono che ha un’espressione triste, mentre un leone marino delle Galapagos sembra avere un sorriso sul suo viso (vedi la foto sopra per il prezioso sorriso)
  • La voce del leone marino con la pelliccia è più rauca e gutturale, ma è meno usata; la corteccia del leone marino delle Galapagos è forte e frequente.

Ciò aiuta nella distinzione tra un leone marino delle Galapagos e un leone marino di pelliccia delle Galapagos, ma ci sono differenze ancora maggiori tra questi leoni marini e le “vere foche”, che non si trovano nelle Isole Galapagos.

Potrebbe interessarti anche: Kodkod, chi è? Un gatto molto speciale che vive soltanto in un posto

Comparazione tra il leone marino delle Galapagos e le “vere foche”

Leone marino delle Galapagos
Leone marino delle Galapagos: è incredibilmente socievole (Foto Unsplash)
  • Prima di tutto, cominciamo con le loro origini. I leoni marini sono discendenti di lupi; le foche discendono dagli orsi.
  • Le vere foche non esistono nelle Isole Galapagos
  • I leoni marini hanno lembi esterni che sembrano orecchie; le foche no, invece hanno piccoli fori ai lati delle loro teste lucide; entrambi hanno eccellenti capacità uditive
  • Le foche sono generalmente più piccole dei leoni marini
  • Una grande differenza sta nelle loro pinne: le pinne di leoni marini sono molto meglio adattate alla terra rispetto a quelle del sigillo.
  • Le pinne anteriori del leone marino hanno una fascia di pelliccia, ma sono per lo più coperte da una pelle coriacea. Hanno cifre e artigli. La loro configurazione a pinne rende i leoni marini molto agili nell’acqua.
  • I leoni marini hanno anche la capacità di controllare le pinne in modo indipendente, il che li aiuta a cambiare direzione sott’acqua e dà il maggior controllo quando sono a terra. Le foche, al contrario, hanno piedi anteriori più deboli, pelosi e tozzi con pinne sottili; le pinne posteriori non ruotano. Sono molto più piccoli di quelli del leone marino. Si muovono a terra usando queste piccole appendici per spostarsi in avanti e il loro movimento è una specie di bruco. Le pinne posteriori sono tuttavia più forti e le spingono con forza attraverso l’acqua
  • I leoni marini sono rumorosi; le foche sono più silenziose, vocalizzano attraverso grugniti morbidi invece di abbaiare e ruggire
  • C’è una differenza anche negli organi sessuali di un leone marino e di foca. Il pene e i testicoli del sigillo sono interni e i loro capezzoli possono essere retratti per ridurre la resistenza, rendendoli così molto aerodinamici nell’acqua
  • Le foche sono meno sociali dei loro cugini di leoni marini. Trascorrono più tempo in acqua di quanto non facciano i leoni marini e spesso conducono una vita solitaria in natura, arrivando a terra insieme solo una volta all’anno per incontrarsi e accoppiarsi

Come abbiamo appreso e visto per noi stessi, i leoni marini adorano cullarsi insieme, giocando, cavalcando, prendendo il sole e divertendosi e, come molto fortunati astanti, anche noi.

Simona Strani