Home Curiosita Parlare a un gatto: tutti i consigli su come rivolgersi a sua...

Parlare a un gatto: tutti i consigli su come rivolgersi a sua maestà felina

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:43
CONDIVIDI

Non è una cosa facile parlare a un gatto, anche perché noi umani non sappiamo miagolare come loro e siamo poco comprensivi. Quindi, ecco alcuni consigli.

Parlare a un gatto
Parlare a un gatto: bisogna saperlo prima di tutto comprendere (Foto Unsplash)

Comunicare non è mai semplice. A prescindere con chi ci troviamo e da quale lingua o linguaggio utilizzerà il nostro interlocutore, la comunicazione è un processo molto complicato che funziona bene soltanto se tutte le condizioni ripsettano degli standard specifici. Innanzitutto, bisognerebbe parlare lo stesso idioma, ma non sempre questo è necessario per comprendersi. Inoltre, è fondamentali che nessuno dei due (o più) partecipanti abbia dei pregiudizi sugli altri, in maniera tale che questi non confondano come un rumore il processo di decodifica delle informazioni inviate, ossia del messaggio trasmesso dal mittente al destinatario. Sembra un concetto macchinoso: in realtà è molto semplice, perché basta pensare a due trasmittenti, i quali stanno da un capo all’altro di un condotto. Attraverso il condotto loro fanno passare il messaggio. Ora, il condotto potrebbe essere rovinato, o tutto attorno a esso potrebbe esserci tanto di quel rumore da confondere e coprire parte di quello che viene detto. Il rumore rappresenta i nostri preconcetti e tutto ciò che crediamo di sapere a priori. Ma il trucco per una comunicazione perfetta e fare delle nostre menti una tabula rasa e partire da zero.

Questo si dimostra particolarmente vero quando tentiamo di parlare a un gatto. Potrebbe apparire come una cosa assai sciocca per alcuni, ma non lo è affatto. Anzi, gli esperti sono tutti d’accordo con il dire che cercare di comunicare (verbalmente e non) con il proprio animale domestico è essenziale per la sua socialozzazione e l’educazione domestica.

Sicuramente bisognerà avere tantissima pazienza e, prima di ogni altra cosa, non partire mai come quelli che sanno tutto sui gatti, anche se questo non è il primo con cui abbiamo avuto a che fare. Ogni micio è un individuo a sé, ha un proprio carattere e, sebbene il suo modo di comunicare sarà simile a quello utilizzato dagli altri esemplari della sua stessa specie, le cose che ci vorrà dire saranno sempre uniche, il frutto del suo pensiero individuale. Esse dipenderanno dalle situazioni in cui ci troviamo e dall’esperienza che il gatto ha di noi e della vita.

Come imparare a parlare a un gatto in poche semplici mosse (l’importante è essere rispettosi e riverenti)

Parlare a un gatto
Parlare a un gatto: a volte micio è un gran chiacchierone (Foto Unsplash)

Gli scienziati concordano sul fatto che il miagolare è una forma di linguaggio del gatto. Comprendere il significato dietro il miagolio del tuo gatto ti consente di rispondere in modo appropriato, il che può rafforzare il legame che condividi con il tuo felino loquace. Ma c’è molto di più che decodificare semplicemente il familiare miagolio, quando si tratta di capire i gatti. Prendi il suo linguaggio del corpo, per esempio. Ammettiamolo: a parte quando non si sforzano con tutto se stessi, i gatti sono molto meno trasparenti dei cani. Se pensi che un gatto che rotola sulla sua schiena, esponendo la sua pancia, sia un invito aperto per un massaggio o a una breve coccola sull’addome, ripensaci. Ecco tutto ciò che devi sapere per tradurre la lingua felina e per parlare a un gatto, senza fraintendimenti.

Miao

Quando impari a parlare a un gatto, ha senso solamente iniziare con la forma più ovvia di comunicazione del gatto: il miagolare. I gatti nelle colonie selvatiche raramente, se mai succede, miagolano l’uno all’altro. Quindi, se un gatto domestico miagola, puoi essere ragionevolmente sicuro che sia diretto verso i suoi umani. Ma oltre a ciò, capire come parlare il gatto fluentemente richiede pazienza e un’attenta osservazione. Come regola generale, I miagoli conversazionali tendono ad avere un volume regolare e variano in termini di schema e tonalità. I miagolii della domanda sono più forti e più ripetitivi. I miagolii di soccorso non sono soltanto rumorosi, ma più lunghi, spesso con un “owwwwwwww” alla fine, spiega Mary Molloy, responsabile del Nirvana Tails di New York City.

Linguaggio del corpo

Parlare a un gatto
Parlare a un gatto: bisogna comprendere il suo linguaggio del corpo (Foto Unsplash)

L’interpretazione del linguaggio del corpo del gatto implica la comprensione delle varie posizioni di orecchie, occhi, naso, bocca e baffi, e questo copre unicamente la comunicazione non verbale che avviene grazie alle espressioni dei loro volti. L’ambiente (dove si trovano i gatti, che ora del giorno è, chi c’è in giro) offre anche ulteriori indizi, osserva Molloy.

  • Coda
    Il trasporto e il movimento della coda di un gatto dicono molto, ma le differenze sono sottili e possono essere difficili da discernere. I gatti agiteranno liberamente la coda se sono rilassati, ma scuoteranno più rapidamente o severamente la coda se irritati. Un gatto impaurito si accovaccia mentre abbassa la coda, mentre un gatto concentrato si sposta solo sulla punta della coda, spiega Toni Lynn Mark, referente e specialista in addestramento ed educazione comportamentale presso PetSafe a Knoxville, Tennessee.
  • Posizione
    I gatti che stanno comodamente in piedi sono probabilmente contenti. Accovacciarsi con un corpo piatto e i piedi sotto significa che il tuo gatto è pronto a balzare, mentre sdraiato su un fianco potrebbe indicare che è pronta a graffiare con tutti e quattro i piedi. Queste posture significano che il gatto è spaventato o agitato e dovresti lasciare al gatto il suo spazio, consiglia Jacqueline Munera, esperta comportamentalista, psicologa dei gatti, fondatrice e proprietaria di Positive Cattitudes a Tampa, Florida.
  • Impasto
    Un felino che sembra impastare i biscotti con le zampette è un gattino super rilassato.
  • Sfregamento
    Quando un gatto si strofina il naso o schiaccia il suo corpo su di te, spesso ti sta segnando con il suo profumo, ma l’azione potrebbe essere un segno di affetto o ansia, a seconda delle circostanze, dice Mark. Se hai un gatto ansioso, potresti provare la soluzione di ansia e calmante di certi giochi fatti appositamente per i felini, che forniranno pressione per calmare l’ansia, la paura e l’eccitazione eccessiva.

Leggende metropolitane smentite

  • Quando un gatto si allontana
    Quando un gatto ti mostra il dorso, con la coda alta, non è un insulto. In realtà è un saluto amichevole. Apprezzo che il mio gatto mi dia la schiena, incoraggia Molloy.
  • Lo scopo di fare le fusa
    Molte persone pensano che un gatto che fa le fusa sia un gatto euforico, e questo è certamente vero a volte. Ma ciò che è meno noto, sottolinea Munera, è che le fusa possono anche significare che l’animale è ferito, malato o stressato.
  • Rotolarsi a terra
    Quando un gatto si rotola sulla schiena e ti mostra la pancia, raramente è una richiesta per un massaggio alla pancia. È soltanto una dimostrazione di fiducia (dopo tutto, sta esponendo la parte più vulnerabile del suo corpo, il ventre molle). Prendi nota: ci sono gatti che amano gli sfregamenti della pancia, ma decisamente no. Anche la schiena, le gambe e la coda possono essere problematiche. Ma anche quando stai accarezzando le aree generalmente sicure di guancia, mento e testa, segui la regola dei tre secondi, dice Molloy. Accarezza per tre secondi, quindi fermati. Se si sposta per altri grattini, vai per altri tre secondi. Altrimenti, smettila immediatamente, perché non gradisce più le moine. I genitori di gatti che non danno suggerimenti di solito sono quelli che parlano di come il loro gatto è tutto innamorato di un minuto, e poi “dal nulla”, morde.
  • Strofinare il muso potrebbe essere un no
    Alzarsi in faccia a un gatto per un boccaglio non è così attraente per tutti quegli annunci di cibo per gatti che lo farebbero apparire. In effetti, rende molti gatti decisamente a disagio, dice Molloy. A circa un piede dai loro volti, la visione dei gatti è estremamente scarsa, spiega. Il miglior consiglio è di aspettare che ti sfreghino.
  • Quando tutto il resto fallisce
    Se ti senti ancora all’oscuro per quanto riguarda la lettura del linguaggio del corpo del gatto e / o il parlare del gatto, basta chiedere! Dai al tuo gatto la possibilità di mostrarti come si sente. Alzati e guardala, e seguila ovunque lei conduca. La sua destinazione dovrebbe rivelare la sua intenzione, sia che voglia che tu porti acqua fresca, pulisca la sua lettiera o apra la porta della sua stanza preferita.

Spesso, l’unico modo per violare il codice del tuo gatto è semplicemente passare il tempo a guardarlo. Ancora meglio, scatta un video di lei e guardalo al rallentatore, afferma Molloy. Se non sai quali comportamenti sono “normali” per il tuo animale domestico, sarà quasi impossibile individuare quando il suo linguaggio del corpo è spento. È particolarmente importante prestare molta attenzione ai normali movimenti e postura della coda del gatto e vedere come questi cambiano in nuovi ambienti al fine di valutare correttamente il livello di comfort del gatto, afferma Mark. Rimarrai stupito dal fatto che sarai in grado di iniziare a “parlare a un gatto” quando tieni gli occhi e le orecchie aperti.

Per comunicare bisogna prima comprendere: come parlare con un gatto decodificando i suoi segnali

Parlare a un gatto
Parlare a un gatto: decodificare è la parte più difficile (Foto Unsplash)

Non si può ignorare il fatto che i gatti sono creature misteriose. I cani rendono chiaro ciò che vogliono: nutrirmi, portarmi fuori, prestarmi attenzione. Ma decodificare il comportamento del gatto per capire cosa sta “dicendo” un gatto può essere fonte di confusione, specialmente se sei un nuovo proprietario di gatto. Il miagolio dei gatti è una cosa, ma capire il linguaggio del corpo del gatto è un altro enigma. È possibile, però. Tutto ciò che serve è un piccolo aiuto di un esperto per decifrare il codice. Scopriamo cosa ci dice veramente il linguaggio del corpo del gatto, dalla testa alla coda.

Testa a testa

Sei sul divano, accarezzando il tuo gatto che fa le fusa, quando ti prende alla sprovvista e colpisce la sua fronte con la tua. Sta cercando di buttarti fuori? In realtà è il contrario. Questo comportamento da gatto è un gesto amichevole e anche un modo per contrassegnarti come parte del suo territorio.

Quando i gatti ti spingono con la testa o con il corpo o ti danno colpettini sulla tua fronte e / o sul tuo mento, ti stanno contrassegnando con il loro profumo come una forma di identificazione o comunicazione, afferma Lana Fraley Rich, referente per The Catsultant e prominente comportamentista per gatti.

Quindi, considerati fortunato ad essere “posseduto” dal tuo gattino e accettato un segno distintivo che ti adora e ti ammira in quanto suo genitore umano.

Strofina la faccia

Parlare a un gatto
Parlare a un gatto: e se strofina la sua faccia … (Foto Unsplash)

Potresti aver sorpreso il tuo gatto a strofinarsi la faccia all’angolo della tua sedia preferita, o le gambe del tavolo da pranzo, un cartone di latte, le scarpe o persino le gambe. Sembra strano se non sai perché. La specialista può aiutarci con questo linguaggio del corpo del gatto: Lo sfregamento è un comportamento naturale di marcatura felina. I gatti strofinano su pareti, mobili, scarpe e persino altre cose che giacciono sul pavimento. Stanno coprendo te e le cose intorno a loro con feromoni, che provengono da ghiandole sul loro viso e sulla testa. Questo comportamento crea un odore confortante e calmante per il tuo gatto.

Apparentemente, le zampe sono il bersaglio più comune e se si sfrega una zampa di passaggio, potrebbe significare che il tuo gatto ti vede come amico. Certo, potrebbe anche essere una richiesta di attenzione.

Vedo non vedo

Questo comportamento del gatto è un po’ più complesso. I gatti “parlano” con i loro occhi, spiega Lana, quindi è una buona idea sapere come leggere i segnali. Dice che tutto dipende dalla dilatazione dei loro occhi e dalla posizione delle palpebre, che può tradursi in un messaggio semplice o potente. Catsultant spiega cosa cercare:

  • Dilatazione improvvisa dell’iride: questo linguaggio del corpo del gatto potrebbe essere un indicatore di forte eccitazione emotiva o paura.
  • Fissare senza battere ciglio (di solito un altro animale): può essere un segno di controllo, dominio o aggressività; a volte usato per controllare l’accesso a risorse come il suo cibo per gatti o la lettiera.
  • Spalancato e attento (quando ti fissa): lo vedrai quando un gatto si sente al sicuro con qualcuno e può essere preso come un segno di fiducia.
  • Sguardo dagli occhi a fessura: le solite emozioni dietro questo tipo di sguardo sono l’aggressività o la paura.
  • Palpebre cadenti: il tuo gattino è rilassato intorno a te e potresti essere in grado di dargli un “bacio da gattino” battendo lentamente gli occhi su di lui.

Mostrare la pancia

Parlare a un gatto
Parlare a un gatto: e se mostra la pancia … (Foto Unsplash)

Hai già visto questo comportamento da gatto: il tuo gattino si abbassa, rotola sulla schiena e ti mostra la pancia. Ecco un piccolo consiglio. Quando ciò accade, non commettere l’errore fatale di prenderlo come un invito a toccare o strofinare la pancia. Questi non sono cani di cui stiamo parlando qui. Se ignori questo avvertimento e fai attenzione al vento, fai attenzione che sull’animale numero due e mezzo, molto probabilmente la tua mano verrà afferrata e calciata con il coniglio con gli artigli estesi. Toccando lo stomaco di un gatto si scatenerà il suo istinto di difendersi, e senza ricordare che è la mano del suo genitore, può lasciarsi trasportare. Quindi, se non è una richiesta per un massaggio alla pancia, cosa significa questo comportamento del gatto?

In termini di linguaggio del corpo del gatto, mostrare il loro stomaco è un’occasione importante, osserva Lana.

Questo è un grosso problema, e significa anche che il gatto è molto confortevole e rilassato nei suoi dintorni, dice.

Ricorda soltanto: resisti all’impulso di arruffare la pelliccia sul suo ventre. Non è una cosa che gradisce affatto.

Pazzie dei gatti

La specialista chiama questo comportamento del gatto le “pazzia del gatto”, che è una rappresentazione accurata della situazione. La scena: sono le tre del mattino e dormi profondamente. All’improvviso ti svegli dal suono di qualcosa che si arrampica e sbatte contro le cose. Il colpevole è probabilmente il tuo gatto, in un’epica avventura di “caccia” attraverso il soggiorno.

Lana spiega che A volte i gatti possono vedere una falena, volare o un insetto di giugno e diventare gatti ninja! … i gatti hanno bisogno di cacciare, qualcosa, ogni giorno.

Suggerisce di assicurarsi di avere a portata di mano una varietà di giocattoli per gatti di alta qualità per soddisfare questa esigenza. Il giocattolo per gatti che ha un raggio laser (puntatore di colore generalmente rosso) è divertente e ottimo per far allenare e divertire il gatto, che si presterà immediatamente all’inseguimento. È perfetto per i gattini vivaci, ad esempio, poiché li aiuta moltissimo a scaricare le energie. Un giocattolo divertente come questo che abbiamo appena descritto offre ai gatti la possibilità di inseguire e avventarsi su false prede. In fondo è nella loro natura.

Lana dice che i pazzi dei gatti, noti anche come zoomies, possono colpire in qualsiasi momento, ma molto probabilmente accadono al mattino o alla sera. Questo perché i gatti sono animali crepuscolari (come i cervi, che sono più attivi all’alba e al tramonto). I gatti sono anche sensibili ai cambiamenti del tempo e potrebbero diventare più frizzanti durante un fronte freddo.

Colpo di cosa

Parlare a un gatto
Parlare a un gatto: e se mostra il suo lato b … (Foto Unsplash)

Questo è un altro caso in cui il comportamento del gatto è praticamente l’opposto di quello di un cane.

La maggior parte dei comportamentisti del gatto crede che quando la coda di un gatto sta sfrenando selvaggiamente o sta facendo un’azione sferzante, è tempo di tornare indietro, lasciare il gatto da solo e concedere al gatto un po’ di tempo per diventare un po’ più rilassato, dice Lana.

Ti avverte di prestare attenzione ai segni della coda del gatto quando stai accarezzando il tuo gattino: potrebbe diventare troppo stimolato rapidamente e la coda potrebbe essere il tuo segnale di avvertimento per fermarsi. Il colpo di coda si verifica anche quando un gatto vede un uccello fuori dalla finestra e si sta preparando ad attaccare la sua preda.

Mostrare il … fondo schiena

Questo è divertente. Hai mai avuto il tuo gatto, o qualche gatto, girarti e mostrarti la coda? Di solito questo non sarebbe un segno di niente di buono, ma nel linguaggio del corpo del gatto  (dovrai fidarti di quello che consiglia la specialista qui) lo è. Quando un gatto si gira e mette la sua estremità posteriore a pochi centimetri dalla tua faccia, può prenderti alla sprovvista e sembrare piuttosto strano e scoraggiante.

Ma Lana può aiutarti a vedere questo comportamento del gatto sotto una nuova luce: Quando un gatto ti mostra la sua schiena, si mette in una posizione molto vulnerabile, perché si fida di te. Questo comportamento è una forma di comunicazione attraverso il linguaggio del corpo del gatto.

Quindi, eccoti. Si scopre che è un gesto molto amichevole, consideralo un complimento!

Ora hai alcuni suggerimenti su come svelare il mistero del linguaggio del corpo del gatto. Forse i nostri amici felini non sono così difficili da interpretare: in generale vengono soltanto fraintesi. Il punto è che questo succede sempre, anche con le persone che conosciamo molto poco. Se trascorrerai del tempo di qualità con il tuo tenero micio e gli darai le giuste attenzioni, con il tempo vi conoscerete entrambi talmente bene che vi scoprirete persino capaci di leggervi (letteralmente) nel pensiero.

Nel frattempo fai rifornimento di santa pazienza e tenerezza, che sono cose di cui il tuo animale domestico potrebbe sempre avere bisogno.

Potrebbe interessarti anche:

Simona Strani