Home Cani Perché i cani tirano indietro le orecchie: cosa occorre sapere

Perché i cani tirano indietro le orecchie: cosa occorre sapere

Perché i cani tirano indietro le orecchie? Parliamo di un comportamento diffuso in tutte le razze. Vediamo, qui, quali sono i vari motivi di questo gesto e cosa fare.

Perché i cani tirano indietro le orecchie
(Foto Unsplash)

I cani comunicano con il padrone tramite il linguaggio del corpo. Usando tutte le parti del corpo, questi fantastici pelosi instaurano una comunicazione, un dialogo costante con chi si prende cura di loro e ci possono essere diversi messaggi, a seconda della forma. Vediamo, ad esempio, perché i cani tirano indietro le orecchie e cosa fare a riguardo.

Perché i cani tirano indietro le orecchie: i vari motivi

Si tratta di uno dei comportamenti più tipici di questi animali da compagnia e chissà quante volte si verifica in una sola giornata, senza che ce ne accorgiamo. Leggiamo quali sono i motivi principali di questo movimento.

Peloso nella natura
(Foto Pixabay)

I nostri amici a quattro zampe hanno un modo tutto loro per approcciare e farsi capire dagli umani con cui vivono.

Ogni azione compiuta dai cani ha un significato importante che può riguardare le sue esigenze, le sue emozioni e il suo stato di salute psicofisica.

Quando siamo in compagnia di fido, tendiamo a dare per scontato ogni suo movimento, ritenendolo soltanto qualcosa di “normale”, come se non fosse indirizzato a noi.

In realtà, qualsiasi cosa facciano i pelosi è un messaggio per il proprietario, la comunicazione di ciò che sta provando o che vorrebbe in un determinato contesto.

Lo scopo del linguaggio canino è proprio questo: permettere al suo umano di osservarlo e interpretare nel modo corretto ciò che gli sta accadendo, tramite gesti e atteggiamenti tipici.

Il linguaggio dei cani è fatto da vocalizzi e movimenti, strumenti necessari per poter sopravvivere e dialogare con l’umano. Gli animali hanno soltanto questi mezzi per esprimere il loro stato emotivo e i bisogni che vivono ogni giorno.

Non sempre si è sicuri di ciò che i pelosi vogliono dirci. Ad esempio, è lecito chiedersi perché i cani tirano indietro le orecchie? Ebbene, esistono divere ragioni. Leggiamo bene qui.

Avvertimento di una minaccia

Questo movimento delle orecchie può voler indicare un segnale di avvertimento di una minaccia da parte del cane, il quale può manifestare altri segnali da associare al suo timore, come quello di ringhiare e mostrare i denti.

Troppo stress

Può essere inteso come un altro segno di disagio. Il peloso vuole dirci che è molto stressato, nervoso o impaurito per qualcosa, una condizione in casa, un cambiamento improvviso o l’arrivo di una nuova persona.

Perché i cani tirano indietro le orecchie: presenza di un problema

Purtroppo, vedere fido che tira indietro le orecchie può indicare la presenza di un dolore per un’incidente in quella zona o di un disturbo, come un’infezione.

Nel caso bau si mostrasse anche sofferente o infastidito, è probabile che c’è un problema alle orecchie da approfondire.

Segnale di felicità

C’è anche un’altra (migliore) traduzione di questo comportamento nei cani. Vederli muovere così le orecchie può indicare un profondo stato di felicità e per capirlo è bene notare altri segnali, come scodinzolare e non è teso, con lo sguardo sereno.

Potrebbe interessarti anche: Perché i cani danno la zampa: il significato di questo gesto curioso

I pelosi e il movimento delle orecchie: cosa fare

Notare i cani tirare indietro le orecchie può significare diverse cose, come abbiamo visto. E, allora, bisogna sapere come intervenire in aiuto dell’animale. Leggiamo meglio più avanti.

Le orecchie del cane
(Foto Pexels)

É sempre possibile intuire le condizioni generali del proprio fido, purché lo si osservi con attenzione e si tengano presenti alcuni fattori importanti, segnali e movimenti del corpo.

Nel momento in cui bau assume un atteggiamento costante nel tempo e ci appare sempre dolorante e a disagio, allora è necessario informare il suo veterinario di fiducia.

Nell’animale possono essere presenti disturbi di cui non si è a conoscenza e, con il medico, è bene approfondire per capire qual è la ragione di tale comportamento.

Tutti i sintomi e i segnali di cui abbiamo parlato devono essere dei campanelli d’allarme per il suo padrone, che deve farsi trovare pronto per intervenire, affidandosi al medico esperto.

Qualsiasi sia il problema nel peloso, malattia o disagio psicologico, esso può essere affrontato, sottoponendolo ad esami e controlli specifici, utili a capire il motivo alla base.

Far sentire il cane amato e al sicuro, nella propria casa, può fare molto, perché lui ha bisogno di conferme da parte dell’umano, soprattutto quando attraversa dei momenti difficili.