Home Curiosita Pet-cafè: l’unica cosa orientale che speriamo ci “contagi” molto presto

Pet-cafè: l’unica cosa orientale che speriamo ci “contagi” molto presto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:12
CONDIVIDI

Sicuramente ami gli animali, ma se sei anche appassionato della cultura orientale, allora sappi che i pet-cafè potrebbero diffondersi anche qui in Italia.

Pet-café
Pet-café: sono una trovata che ha origine dall’oriente (Foto Unsplash)

In realtà, in Italia già qualcuno esiste (ed era sicuramente aperto prima di tutto questo macello), ma non sono ancora talmente diffusi da poter dire che siano entrati a pieno titolo nella nostra cultura: i pet-cafè sono ancora una cosa totalmente orientale, che nasce come trovata in cina, ma ha avuto successo soprattutto in Giappone. Il motivo è chiaro.

A quale genitore di animali domestici non piacerebbe entrare liberamente in un locale, tipo una caffetteria, in compagnia del proprio cucciolo, senza avere il timore angoscioso di rappresentare un disturbo per gli altri clienti e per lo stesso gestore? Chiunque possieda un cane, un gatto, un uccello, un roditore o un pesce rosso non desidera altro che vivere la propria vita normalmente, ma potendo coinvolgere il più possibile nelle sue attività anche il compagno peloso. Non è bello doverlo sempre lasciarlo a casa o legato fuori dal locale, per poter fare le cose che ci piacciono, no?

In Giappone la soluzione è arrivata già da moltissimo tempo: lì i pet-cafè non soltanto sono molto diffusi, ma rappresentano ormai la norma, un elemento che determina il grado di civilizzazione di un intero paese e di cui qui in Italia siamo parecchio carenti.

Se un giorno ci evolveremo, di luoghi come questo ce ne saranno tantissimi: non solamente nelle grosse metropoli come Milano, Roma, Firenze e Torino, ma anche tutti le altre piccole città, dove la vita degli animali, ancora è molto precaria e allo start di un lungo processo di miglioramento.

Pet-café: ambienti con angolo ristoro ugualmente aperti sia agli umani che ai loro animali

Pet-café
Pet-café: è il sintomo di un’avvenuta civilizzazione (Foto Unsplash)

Se hai voglia di rilassarti, allora ci sono i cafè perfetti che ti aspettano in Giappone: i cafè degli animali. Oggi diamo un’occhiata ad alcuni dei più popolari tipi di caffè degli animali presenti in tutto il Giappone.

Ma cosa sono questi cosiddetti “pet-cafè”? In parole povere, i cafè degli animali sono luoghi in cui è possibile gustare cibi e bevande da caffetteria, in pratica, accanto alla compagnia di animali. Di questi locali, quelli che divennero facilmente più famosi in Giappone erano i cafè dedicati ai gatti. Questi cafè offrono di tutto, dalla simpatica presenza dei nostri amici felini, come di altri animali e persino delle creature insolite, al miglior servizio di ristorante mai provato, con tutti confort e l’opportunità di incontrare e fare la conoscenza di altri amanti degli animali proprio come te.

La diffusione di punti come questi, dove le persone e gli animali possono incontrarsi liberamente e gradevolmente, è il sintomo di una società dalla mente e dal cuore aperto e di una società con una soglia di civilizzazione davvero molto, molto alta.

Cos’è precisamente un Pet-cafè?

Pet-café
Pet-café: un luogo di ristoro dove stare a stretto contatto con gli animali (Foto Unsplash)

Il termine “pet-cafè” ha due definizioni tipiche in Giappone. Un significato si riferisce ai luoghi in cui i proprietari di animali domestici e i loro animali (di solito cani o gatti, ma non soltanto) interagiscono, in modo simile a un parco per cani o ad altri stabilimenti che accettano animali domestici.

La seconda definizione si riferisce a un caffè che ha i propri animali residenti con cui i clienti possono interagire, che è il tipo di caffè a cui ci riferiamo maggiormente in questo articolo. Mentre questi cafè servono thè, caffè e snack leggeri, il motivo principale per visitarne uno è interagire con gli animali proprio come si farebbe in uno zoo con animali esotici e particolari. La differenza sostanziale è che questi non stanno imprigionati all’interno di una gabbia.

Com’è nata questa idea?

Pet-café
Pet-café: sono abbastanza recenti e hanno avuto origine a Taiwan (Foto Unsplash)

I primi cafè di animali popolari furono i cafè dei gatti (ne abbiamo qualcuno persino nel nostro territorio). Però, questi non hanno avuto origine in Giappone. Il luogo di nascita del bar degli animali è Taiwan: nel 1998 un bar chiamato Mao Hoa Yuen (猫 花園, gli ideogrammi che significano “Cat Flower Garden”) ha iniziato questa lunga tradizione, che in pochissimo tempo è entrata a far parte degli usi e i costumi tipici delle società orientali più all’avanguardia.

Mao Hoa Yuen era così popolare tra i turisti giapponesi a Taiwan che alla fine l’idea si diffuse in Giappone: in tutta l’isola si aprirono in fretta e furia, quasi contemporaneamente, migliaia di pet-cafè. Questa invenzione taiwanese ha portato all’apertura di Neko no Jikan nel quartiere Kita di Osaka nel 2004, un caffè che è ancora popolare fino ad oggi con frequenti visitatori, che vengono addirittura dall’estero per visitarlo.

Che tipi di Pet-cafè ci sono?

Pet-café
Pet-café: bisogna sempre prenotare prima di andare (Foto Unsplash)

Inizialmente esisteva un solo tipo di cafè per animali, ma adesso (com’è ovvio che sia) il concetto stesso si è allargato per fare posto a parecchi esemplari.

Inutile dire che i cafè con animali domestici comuni come cani e gatti sono molto popolari, ma ci sono anche cafè per conigli, uccelli e persino rettili: in pratica, esistono cafè per soddisfare una vasta gamma di esigenze uniche. Di questi locali, il tipo più popolare al momento sono i cafè  con i gufi.

In genere, è difficile incontrare solitamente un gufo mentre si passeggia fuori per strada. Uno dei motivi della popolarità di questi posti che accolgono i clienti con i gufi è che, poiché questi animali sono addomesticati dagli umani, non soltanto puoi accarezzare le loro morbide piume, ma anche scattare una foto con uno seduto sulla spalla o addirittura appollaiato sulla testa. Fukurō Sabō, un famoso cafè di gufi a Kokubunji, Tokyo, ha un sistema di prenotazione online che è estremamente facile da usare. Tu, prenotando, ti assicuri un posto nel locale e, molto probabilmente, uno scatto unico in compagnia di un uccello notturno.

Altri cafè famosi con animali diversi includono il Cafe Midori no Hoshi nella città di Narashino, la Chibaprefecture, dove si possono apprezzare pesci rossi e pesci tropicali, o il Sakuragaoka Cafe a Shibuya, che ospita alcune capre davvero gentili e addestrate molto bene.

Come scegliere il ritrovo giusto dove andare?

Una volta scelto il bar degli animali che ti piacerebbe di più visitare, ci sono ovviamente alcune cose importanti da tenere a mente prima di divertirti. Dato che ci sono diversi tipi di cafè con un numero variabile di animali all’interno, è fondamentale pensare sempre che ogni locale ha il suo insieme unico di regole e regolamenti. Innanzitutto, questi animali sono creature viventi pensate per aiutare le persone a rilassarsi, quindi maltrattamenti o altre azioni poco gradite da essi, in qualsiasi forma, non possono essere minimamente tollerate. Per i cafè che consentono ai clienti di scattare foto con gli animali, è espressamente vietata la fotografia con il flash. Prima di visitare qualsiasi bar degli animali è una buona idea visitare il loro sito web, prima, e verificare quali sono le loro norme per garantire che tu e gli animali vi godiate a vicenda la visita.

Queste sono le linee guida di base e i punti chiave dei cafè più famosi del Giappone, i cafè degli animali.

Oviamente, qualcosa si trova già da noi, ma solamente nelle grandi città, un locale forse per metropoli, e soltanto per gli amanti dei felini. Non esistono ancora proposte ideate per tutti coloro che, invece, hanno una passione per bestie o animali domestici più esotici, come tartarughe di terra, volatili e capre (ad esempio).

Speriamo che alla fine di questa emergenza sanitaria, quando ci auguriamo avverrà anche l’inizio della ripresa economica nel nostro paese (siamo ottimisti, è vero), molti piccoli imprenditori “ruberanno” questa favolosa idea. Sarebbe un netto miglioramento del nostro tenore di vita e di quello di tutti i nostri amati amici a quattro zampe.

Potrebbe interessarti anche:

Simona Strani