Home Cani Smart working con il cane: i 6 consigli per non farsi distrarre...

Smart working con il cane: i 6 consigli per non farsi distrarre da Fido

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:24
CONDIVIDI

La quarantena si è rivelata più lunga del previsto e tu devi lavorare, ma a casa c’è Fido che ti distrae. Leggi i consigli per lo smart working con il cane.

Smart working con il cane
Smart working con il cane: una gioia che ci distrae (Foto Unsplash)

Si tratta di un fenomeno comune a tutti coloro che hanno figli a casa: per via della quarantena, queste persone sono costrette a lavorare da casa, ma non stanno vivendo questa situazione come una comodità. Anzi, è tutto il contrario perché, mentre prima uscire per recarsi nel posto di lavoro rappresentava un modo per staccare la spina e dedicarsi a una cosa soltanto (come sappiamo, è quasi sempre bene fare una cosa per volta), adesso non possono più separare il mondo del lavoro da quello domestico. Per questo si distraggono, non si sentono concentrati e, dovendo pensare a più cose contemporaneamente, si sentono stressate.

Se convivi con un cane, quasi certamente anche tu ti trovi nella medesima situazione. Questa cosa sta succedendo anche a te? Abbastanza normale, dal momento che i nostri cani cercano spesso attenzioni, proprio come i bambini e, in realtà, esistono poche differenze tra l’uno e gli altri:

  • il nostro cane dipende da noi; anche i bambini
  • siamo noi che dobbiamo provvedere ai bisogni di Fido; la stessa responsabilità l’abbiamo nei confronti dei nostri cuccioli umani
  • Fido vuole stare sempre con noi; anche i nostri figli (per fortuna non vale in tutti i casi)
  • Se Fido fa i suoi bisogni, soltanto noi siamo in grado di pulirlo e lavarlo, lui non lo sa fare da solo; idem i cuccioli umani, quando sono molto piccoli

L’unica importante differenza è che i bambini fanno continuamente confusione e capricci, si dimenano e spesso piangono disperatamente per chiederci qualsiasi cosa; il nostro cane questo non lo farebbe né ora né mai (altrimenti, dovremmo farlo controllare da un veterinario).

In ogni caso, lo smart working con il cane potrebbe rivelarsi molto difficoltoso per te, poiché il cucciolo spesso si avvicina, di tanto in tanto vuole giocare e, pure quando non fa niente eccetto appoggiare la sua testa sulle tue gambe, la sua dolcezza ti distoglie dagli impegni professionali.

Quindi, come puoi separare il mondo domestico da quello lavorativo?

Smart working con il cane, non è sempre facile restare concentrati: 6 consigli utili

Smart working con il cane
Smart working con il cane : come riuscire a lavorare concentrati (Foto Unsplash)

La pandemia di coronavirus ha dato al tuo cane un grande dono: la persona che preferisce in tutto il mondo deve lavorare da casa. È un momento entusiasmante per i cani ovunque, ma può essere stressante per i proprietari di cani che lavorano da remoto per la prima volta.

Ci vuole autodisciplina e motivazione per lavorare da casa, soprattutto quando si ha un adorabile cane che implora attenzione, prelibatezze, passeggiate e coccole. Gli occhi da cucciolo, il ritmo impaziente e i lamenti frustrati possono farti sentire in colpa e distrarti dal tuo lavoro.

Come si stabilisce una routine lavorativa da casa che funzioni per te e per il tuo cucciolo? Davvero è possibile lo smart working con il cane? Ecco alcuni consigli.

1. Allenamento

Prima di iniziare a lavorare fai esercizio fisico con il tuo cane.

Ovviamente, lo scopo dell’allenamento mattutino è quello di sfiancare il tuo cane, perché a casa si senta soddisfatto e decida di riposare in un angolo, lasciandoti il tempo per pensare alle tue faccende. Si tratta anche di un’ottima scusa per mettervi in forma entrambi e, considerato che ora come ora le occasioni scarseggiano, è anche un bel modo per respirare aria fresca e vedere qualcosa di diverso dalle mura della propria abitazione.

Esistono molti tipi di allenamento ed esercizio fisico che si possono svolgere insieme al proprio cane. Ve ne elenchiamo tre esempi.

  1. una lunga passeggiata fuori (ovviamente, rimanendo nella propria zona circoscritta dalle autorità e stando bene attenti a non avere alcun contatto sociale, in maniera responsabile)
  2. qualche gioco nel cortile, se ne avete uno e non fa cattivo tempo (può andare bene anche una grande veranda)
  3. nel caso in cui il clima dovesse essere incerto, vanno bene anche gli allenamenti da casa, che servono affinché entrambi, padrone e cane, possiate restare in forma

L’esercizio fisico aiuta i cani a rilasciare energia repressa e li stanca, quindi quando è il momento di lavorare, saranno pronti per un pisolino. Meglio un cane stanco, che riposa beatamente accovacciato nella sua cuccia, oggi piuttosto che un licenziamento domani.

2. Ricreazione

Smart working con il cane
Smart working con il cane: il cane ama stare in nostra compagnia (Foto Unsplash)

Le pause regolari sono ottime per te e il tuo cucciolo.

Fare pause frequenti dal lavoro non è solo benefico per la nostra salute fisica, ma anche per il nostro benessere mentale. Sebbene la maggior parte dei dipendenti nel mondo abbia l’opportunità di fare un’ora di pausa pranzo, adesso con lo smart working diventa tutto più complicato. Molti lavoratori (anche quelli autonomi) sono abituati a scorrere le liste di cose da fare per completare le attività il più rapidamente possibile. Oltre a non essere un bene per la nostra salute fisica, può anche influire su quella mentale e sul nostro benessere, dimostrando che fare pause regolari riduce i livelli di stress e aumenta la produttività.

Secondo la scienza, la durata ideale di una pausa dovrebbe essere di diciassette minuti, seguita da un’ora di lavoro circa. Potrebbe anche essere una cosa che non è in tuo potere stabilire, ma importa che ci provi: fare una pausa regolare durante la tua giornata dà una pausa alla tua mente, ripristina la resistenza e ti aiuta a lavorare al massimo delle tue capacità.

Inoltre, puoi sfruttare questi break per offrire pillole di attenzioni al tuo cucciolo.

3. Merenda

Potresti anche considerare di utilizzare strumenti appositi, come quei giocattoli che erogano croccantini.

Se il tuo cane si lamenta e ti fa quella faccia della serie Se non mi dài un po’ di retta mi sentirò morire, è ora di tirare fuori l’artiglieria pesante. I giocattoli che erogano croccantini a tempo, o attraverso dei procedimenti tali da tenere allenata la concentrazione di Fido, rappresentano grandi distrazioni di lunga durata, soprattutto se li riempi di burro di arachidi o altre prelibatezze preferite dal tuo cane. Alcuni di questi giochi sono dei veri e propri rompicapo e fanno lavorare sodo il tuo cucciolo, prima che arrivi a trangugiarsi le sue leccornie. Se, però, dovessi stare senza gioco a casa, piuttosto che comprarlo online (ormai, chissà quando ti arriverebbe!), puoi sfruttare l’ingegno: prendi un barattolo di burro d’arachidi quasi vuoto e lasciaglielo a terra, perché lo pulisca per bene. Sarà molto felice di farlo.

La merenda fornisce una buona stimolazione mentale, quando il tuo animale domestico deve lavorare per averla; e questo ti dà un po’ di pace e tranquillità, in modo da poter svolgere il tuo smart working con il cane.

4. Musica rilassante per cani

Potrai non crederci, ma si tratta di uno dei sistemi più utilizzati negli Stati Uniti e nel Regno Unito.

La musica rilassante è uno strumento importantissimo nella ricerca dello “smart working con il cane” ideale: infatti, se da un lato fa stare buono Fido, dall’altro mette te in una condizione di rilassamento e potenziamento della concentrazione, mentre lavori.

La musica rilassante per il cane fa parte di un principio sostenuto dalla scienza, chiamato “arricchimento ambientale”, che aiuta a ridurre lo stress negli animali.

Ci sono molti video su YouTube, ma anche CD, DVD e persino playlist su Spotify in cui puoi trovare della musica appositamente scelta per aiutare il tuo buon amico (o amica) a quattro zampe a rilassarsi. Trova quello che sembra più adatto a entrambi, premi “play” e il tuo cucciolo potrebbe sistemarsi in pochissimo tempo.

5. Cannabidiolo

Prova a somministrare al tuo cane dell’olio di Cannabidiolo, che è un prodotto usato anche in moltissimi alimenti.

Il tetraidrocannabinolo è il principale cannabinoide psicoattivo presente nella cannabis e provoca la sensazione di diventare “alto”. Tuttavia, a differenza del THC, il CBD non è psicoattivo.

Si tratta, infatti, di una delle cure naturali più diffuse per combattere i dolori e le sofferenze, oltre all’ansia e allo stress, senza fare uso di farmaci.

Questo sistema può essere d’aiuto, se tutte le opzioni sopra non si rivelano efficaci. Alcuni cani soffrono di un tipo di ansia o iperattività che l’esercizio fisico, la stimolazione mentale e le attenzioni non curano. L’olio di CBD è una sostanza chimica non psicoattiva (cioè il tuo cane non si sentirà “strafatto”) estrapolata dalla cannabis.

Gli studi hanno dimostrato che l’olio di CBD è efficace per una varietà di problemi, sia fisici che mentali, e funziona sull’uomo come su alcuni animali.

Il tuo cane si sentirà meglio e sarai in grado di tornare al lavoro. Parla con il tuo veterinario dell’olio di CBD, se vuoi provare questa opzione. Esistono molti prodotti CBD diversi e dovresti prima cercarli bene su internet.

6. Comprensione

Smart working con il cane
Smart working con il cane: spesso siamo noi a farci delle trip mentali (Foto Unsplash)

Non diamo tutta la colpa al nostro cane. A volte, se ci distraiamo dal lavoro è perché siamo noi a lasciarci distrarre. In fondo succede lo stesso anche quando siamo in ufficio: i lavori lunghi e ripetitivi possono risultare noiosi e pesanti dopo un po’. Noi siamo comunque costretti a continuare, poiché è questo che passa in convento e ci mette il pane sulla tavola, tutti i giorni. Quindi, che puoi fare?

Sappi che il tuo cane è un animale molto più comprensivo di quanto non sembri. Pure quando richiede la tua attenzione, lo fa bonariamente e, se tu non lo tieni in conto, lui dopo un po’ si rassegna e si accuccia accanto a te. Se persino vederlo comodamente sdraiato in un angolo, magari proprio al tuo fianco, rappresenta per te una scusa per evadere dalla solita concentrazione, vuol dire che non hai davvero intenzione di lavorare.

Fai una cosa: sfrutta la presenza del tuo cane come un buon incentivo per allenare la tua diligenza professionale e metterti alla prova. In questo caso, il tuo cucciolo rappresenterà un’ottima occasione per migliorarti sia come lavoratore che come essere umano.

Potrebbe interessarti leggere anche:

Simona Strani