Home Foto Il prezioso contributo dei “cani da macerie” nelle zone terremotate

Il prezioso contributo dei “cani da macerie” nelle zone terremotate

CONDIVIDI
@Getty images
@Getty images

Fin dalle prime ore dopo il terremoto da tutte le Regioni è stata data la disponibilità delle unità cinofile di protezione civile, vigili del fuoco, soccorso speleologico, polizia di Stato e di vari enti e associazioni pubblici e privati, per dare un contributo ai soccorsi.

Come sempre in questi casi i nostri compagni a 4zampe, “quei cani da macerie”, si rivelano fondamentali per ritrovare persone intrappolate sotto alle macerie. E anche in questa tragedia, grazie ai cani da soccorso sono state salvate decine di vite come a Pescara del Tronto: “La bambina è stata fiutata da un “cane da ricerca della Polizia ed è in buone condizioni”, ha detto il sindaco di Ascoli Piceno, Guido Castelli.

“In questi casi i cani sono fondamentali con il loro fiuto arrivano dove noi non arriviamo. I nostri labrador sono stati bravissimi, noi abbiamo scavato tutti con le mani”, ha ricordato un esperto della protezione civile, spiegando che il numero dei cani è importante per poter dare il cambio e far riposare gli esemplari impegnati nelle ricerche.
“I cani servono per cercare i vivi”, sottolineano i volontari sul campo.

Tra le unità presenti sui luoghi della tragedia, si annoverano sei unità del corpo nazionale soccorso alpino e speleologi operative ad Accumuli ed Amatrice, unità cinofile della Lombardia, della Misericordia di Firenze, della protezione civile della Regione Calabria, anche con cani molecolari. Dieci le unità dalla Regione Abruzzo.