Home News Angeli dei 4 Zampe A soli 9 anni crea un rifugio per i cani randagi

A soli 9 anni crea un rifugio per i cani randagi

CONDIVIDI

contenuto 100% originale

A soli 9 anni crea un rifugio per i cani randagi. Quando l’anima di un bambino è già nobile. Sono degli Angeli dei 4zampe,  persone che dedicano la loro vita agli animali e che non ne possono fare a meno. Una passione, una questione di empatia o di sensibilità che si esprime fin dalla più tenera età. Nelle Filippine a Davao, vive un bambino di 9 nove di nome Ken. La sua storia sta facendo il giro del mondo perché il giovane Ken è diventato un piccolo eroe da quando nel lontano 2015 aveva pubblicato delle fotografie in rete che lo ritraevano mentre aiutava dei cani per strada. Infatti,  Ken nel dopo scuola amava dedicare il suo tempo libero ai randagi e grazie alle immagini diventate virali in rete, migliaia di persone in tutto il mondo hanno preso a cuore l’impegno di Ken inviando delle donazioni per aiutarlo a prendersi cura dei cani.

Ken, aiutato dal padre e da altri residenti locali, grazie ai contributi sono riusciti a creare un piccolo rifugio chiamato Happy Animals Club, dove non viene applicata l’eutanasia, vigente nei canili locali e nel quale accolgono i randagi, gatti o cani, per dar loro tutte le cure necessarie, da mangiare e per i quali cercano adozione.

Fin da piccolo Ken scappava di casa dopo scuola e mentre tutti gli altri bambini andavano a giocare lui portava di nascosto del cibo ai cani e dava loro affetto. Quando il padre si accorse di quello che stava facendo il figlio, ha cercato di aiutarlo, chiedendo aiutati ad amici e parenti è riuscito a creare un piccolo rifugio nel garage di casa. Tutto il vicinato si è prestato a fornire un aiuto, contribuendo a costruire il rifugio.

“Da quando abbiamo il nostro piccolo rifugio cerchiamo di recuperare solo i cani che sono più critici. Il criterio con il quale li accogliamo è che nelle condizioni in cui sono non potrebbero sopravvivere da soli e cani che vogliono essere salvati”, ha raccontato Ken che oltre ai pelosi ospitati nel rifugio continua a prendersi cura dei randagi per strada ai quali porta ancora da mangiare.