Home News Abbandonano una cagnetta dopo averla sfruttata per mesi: come sta ora

Abbandonano una cagnetta dopo averla sfruttata per mesi: come sta ora

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:49
CONDIVIDI

Sono comuni i casi di individui che abbandonano una cagnetta da riproduzione dopo averla sfruttata: vediamo come sta una di loro trovata in fin di vita.

Abbandonano cagnetta riproduzione sfruttata
Abbandonano cagnetta da riproduzione dopo averla sfruttata: come sta ora (Foto Instagram)

Quando vediamo un animale in vendita in un negozio di animali, vogliamo immediatamente prenderlo. Ma la maggior parte delle persone non è a conoscenza di ciò che accade dietro le tende dell’industria della “fabbrica di cuccioli“.

Le femmine che danno alla luce i cuccioli non ottengono mai il riposo di cui hanno bisogno e sono costrette a riprodursi costantemente cuccioli senza socializzazione, assistenza sanitaria o alcun tipo di cura. Gli viene dato solo cibo in modo che i loro cicli riproduttivi non vengano disturbati, ma questo è tutto. Per questo motivo le associazioni per i diritti degli animali si battono da anni affinché i cani vengano adottati e non comprati.

Abbandonano cagnetta da riproduzione dopo averla sfruttata: come sta ora Almira

Abbandonano cagnetta riproduzione
Abbandonano cagnetta da riproduzione. vediamo come sta ora (Foto Instagram)

Un cane di razza Alabai quasi irriconoscibile (un pastore centroasiatico) è stato trovato sdraiato vicino a un’officina nella città di Nalchik, in Russia. Era emaciata, piena di malattie e aveva chiazze di pelle esposte con ferite infette. Era così sfinita dall’ennesimo parto che il suo utero si era staccato.

Gli affettuosi volontari di KP hanno preso Almira (questo è il nome che le avevano dato) e hanno iniziato il suo arduo processo di recupero. Almira ha ricevuto cure immediate dopo essere stata salvata ma i medici hanno detto che aveva minime possibilità di sopravvivenza. La cittadina non aveva gli strumenti e i mezzi per salvarla, così la portarono a Mosca dai volontari di “Take a Kitty”.

Molti cittadini di buon cuore si sono radunati con i loro cani per donare sangue per le trasfusioni e hanno aiutato con altre esigenze. Almira all’inizio si è rifiutata di mangiare. Ma col tempo, ha guadagnato un po’ di fiducia e forza. I volontari hanno notato che la sua coda agitata era di buon auspicio. Il proprietario del rifugio per animali ha anche sottolineato la sua insolita forza e volontà di vivere.

Durante quei pochi mesi, la sua salute passò costantemente da “stabile” a “critica”. I volontari continuavano a prendersi cura di lei, dandole l’attenzione e l’amore di cui aveva bisogno. La sua salute si è normalizzata e finalmente sembra e si sente normale, anche se non è ancora ottimale.

Dopo un lungo viaggio di 3 mesi, Almira ora vive con altri 6 cani nel rifugio, quando prima era isolata e trascurata. Il rifugio è attivamente alla ricerca di nuovi proprietari per Almira, poiché ha ancora bisogno di una costante supervisione e supporto da parte di un veterinario a causa dei suoi problemi di salute: ha problemi pervadenti con peso e malattie. Speriamo che presto troverà una casa comoda e felice dove finalmente potrà riposare dalla sua vita precedente. Se ti piace il lavoro di queste persone meravigliose, assicurati di seguirle sul loro account Instagram.

Fonte Bored Panda

Potrebbe interessarti anche:

T. F.